HIV: è vero che i feti non riescono ad avere l'AIDS mentre sono nel grembo materno?

Kar-Nim Leong, medico attivamente coinvolto nella cura delle persone che vivono con l'HIV / ADIS

Aggiungendo la risposta di Jae Won Joh, alle madri in gravidanza sieropositive vengono somministrati farmaci anti-HIV per prevenire la trasmissione del virus al feto.Questi farmaci vengono generalmente iniziati nel 4 ° mese di gravidanza e vengono portati avanti fino al consegna.

Dopo la nascita del bambino, i farmaci vengono fermati o continuati. La decisione di continuare con i farmaci si basa sul conteggio CD4 della donna. Se all'inizio la signora ha un CD4 alto, i farmaci possono essere fermati e ripresi più tardi quando il CD4 alla fine si abbassa. D'altra parte, se il CD4 è già basso, i farmaci vengono continuati dopo la consegna.

Questa strategia di iniziare i farmaci anti-HIV durante la gravidanza può ridurre il rischio di trasmissione del virus al nascituro fino all'1-2%.

Jae ha vinto Joh

dork medico assonnato

Aggiornato il 23 aprile 2017 · L'autore ha 1k di risposte e 8,7 milioni di visualizzazioni

No. Innanzitutto, l'infezione virale del feto non si limita all'HIV. Il parvovirus B19 può anche farlo e, al momento della stesura, il citomegalovirus è la causa più comune di infezione congenita (1% dei neonati) e ritardo mentale e sordità indotta da virus negli Stati Uniti.

Quindi l'idea che i feti siano in qualche modo magicamente immuni dalle infezioni, dall'HIV o in altro modo, è completamente falsa. Mentre è vero che le scorte di sangue fetale e materno sono separate dalla placenta, i virus possono attraversare da un lato all'altro e, sfortunatamente, nessuno ha ancora capito la soluzione perfetta per prevenirlo, perché non lo è Sappiamo perfettamente come accade. Sappiamo che il controllo dell'infezione nella madre (per ridurre il numero di virus effettivamente nel suo sangue) è un fattore chiave per ridurre il rischio e che anche il taglio cesareo per minimizzare il contatto con il sangue materno aiuta ma anche questi non sono del tutto infallibili. Questa è un'area di ricerca attiva, e per quelli di cui sei un drogato di letteratura medica, eccone alcuni per iniziare:

http://www.nature.com/nm/journal...

http://jama.ama-assn.org/content...

http://journals.lww.com/aidsonli...

http://jama.ama-assn.org/content...

Voglio sottolineare che con un'attenta cura e il monitoraggio da parte di un team medico qualificato, le donne sieropositive sono in grado di avere bambini perfettamente sani che sono HIV-negativi. Vi è un grande stigma sociale contro le donne sieropositive che hanno figli, alimentate principalmente dalla disinformazione, e ha davvero bisogno di fermarsi.

Sam Williams
Risposta scritta il 6 febbraio 2017 · L'autore ha 487 risposte e 590,2 mila visualizzazioni di risposta

No, non è vero: un feto può contrarre l'HIV, infatti nei paesi moderni le donne vengono testate per l'HIV durante la gravidanza e vengono somministrati farmaci anti-HIV per ridurre la carica virale. Il 99% probabilmente non contraggono l'HIV.

Le precauzioni sono ancora prese e ai bambini nati da queste madri vengono spesso somministrati farmaci anti-HIV per le prime 6 settimane di vita.

Cura neonatale, salute fetale, bambini genitori, AIDS, HIV, bambini, gravidanza, genitori

Letture Consigliate