Polipillola previene gli incidenti cardiovascolari a 57 per 1000 pazienti

EFE / MADRID / BERTA PINILLOS Mercoledì 2017/01/25

polipillola cardiovascolare, indicato per prevenire attacchi di cuore ed è arrivato secondo in Spagna nel 2015, potrebbe prevenire fino a 57 incidenti cardiovascolari, undici delle quali fatali, per ogni 1.000 pazienti trattati, secondo uno studio per Spagnolo

investigatori.

Altre notizie

  • La polipillola per prevenire attacchi di cuore in secondo luogo, un grande progresso cardiologica
  • Arriva la polipillola cardiovascolare!

Lo studio, pubblicato sul Journal of Cardiology spagnola conclude che la policomprimido, che contiene tre componenti pazienti cardiovascolari presi separatamente tutti i giorni, è una strategia "più conveniente" e può evitare un minor numero di eventi cardiovascolari per facilitare una maggiore aderenza .

Ha analizzato la benefici per la salute e il costo-efficacia del farmaco in pazienti con più di 40 anni con una storia di processi acuti e sensibili alle acuta infarto coronarico sindrome, ictus non fatale, insufficienza cardiaca congestizia, cioè con necessità di ospedalizzazione, revascularizción non pianificato o di morte associata a problemi cardiovascolari.

Dopo dieci anni di seguito questi pazienti, i risultati trovano che prendendo la polipillola, invece di loro monocomponentes "potrebbe impedire 46 non fatali eventi cardiovascolari e 11 fatali per 1.000 pazienti trattati", come affermato dal Dr. Vivencio Barrios, primo firmatario membro lo studio, in un comunicato della Società Spagnola di Cardiologia (SEC).

L'esperto ha detto che "quando gli eventi cardiovascolari dei pazienti vengono analizzati insieme ai quali i tre farmaci prescritti, un tasso inferiore di eventi quando prescritto solo due o un solo componente si osserva".

Tuttavia, la prescrizione di droga è solo il 53,3% dei casi.

L'esperto ha spiegato che, in termini economici, in modo che un trattamento è conveniente di solito è di 30.000 euro l'anno di vita aggiustata per la qualità.

"Nel nostro caso, la premessa di costo-efficacia è soddisfatta con forza, anche in varie ipotesi proposta nello studio non erano favorevoli per gli scenari polipillola", ha continuato Barrios.

aderenza

Lo studio indica che a 15 mesi, la facilità nel fare la polypill garantisce una maggiore compliance da parte del paziente, vale a dire 76%, mentre nel caso di prendere monocomponentes separatamente questo tasso ridotto al 49% .

"Con l'aumento di aderenza grazie al trattamento con un policomprimido cardiovascolare piuttosto che componenti separati beneficio clinico che può comportare una diminuzione del tasso di nuovi eventi è aumentata, invertendo una spesa sanitaria inferiore per il Sistema Nazionale Salute", ha sottolineato l'esperto.

Letture Consigliate