Pazienti con sindrome metabolica hanno bisogno di più vitamina E

Il La vitamina E E 'presente in molti alimenti vegetali tra frutta secca (nocciole, mandorle, arachidi o pistacchi), oli vegetali come le verdure di oliva o di girasole, oppure a foglia verde come broccoli o spinaci. Tra i molti benefici per la salute di questa vitamina sono loro Proprietà antiossidanti e per il sistema circolatorio e livelli di colesterolo, che collega direttamente con il La sindrome metabolica Un rapporto che ricercatori statunitensi hanno dimostrato in uno studio pubblicato sulla rivista American Journal of Clinical Nutrition

Lo studio ha confermato che le persone con sindrome metabolica hanno una biodisponibilità più basso di vitamina E nel vostro corpo rispetto alle persone sane

Secondo i suoi risultati, i pazienti affetti da sindrome metabolica, una combinazione di disturbi che aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e diabete, necessità consumare significativamente più vitamina E Per raggiungere questa conclusione, e tenendo conto che il corpo espelle vitamina E non ha bisogno, ricercatori condotto test di laboratorio per misurare la presenza di esso nel sistema circolatorio del paziente.Attraverso queste analisi hanno scoperto che la sindrome metabolica che soffre di vitamina E tenevano tra il 30% e il 50% in più rispetto alle persone sane, un dato di fatto che gli scienziati mostra che hanno più bisogno di tale nutriente. Il risultato ha inoltre confermato quanto ottenuto in precedenti ricerche, che ha dimostrato che le persone con sindrome metabolica hanno un più bassa biodisponibilità di vitamina E nel vostro corpo.

Si stima che oltre il 90% degli americani non consumano abbastanza vitamina E nella loro vita quotidiana, e circa il 25% degli americani soddisfa le condizioni associate alla sindrome metabolica. Secondo i ricercatori, i risultati supportano la conclusione che le persone con sindrome metabolica hanno livelli più elevati di stress ossidativo e l'infiammazione E quindi richiederebbe l'introduzione di più antiossidanti come la vitamina E nella loro dieta

La difficoltà di misurare i livelli di vitamina E

Secondo gli scienziati americani spiegano, lo studio ha anche servito per corroborare altre pubblicato di recente in American Journal of Clinical Nutrition Che ha chiarito che i test convenzionali per misurare i livelli di vitamina E nel sangue Essi possono avere una precisione limitata, rispetto ai test condotti nei laboratori di ricerca, al punto che i test convenzionali possono mascherare un problema di fondo.

In questo senso, gli autori spiegano che nel gruppo con sindrome metabolica che ha mantenuto più vitamina E, per eseguire il test di un sangue convenzionale loro livelli di vitamina D sembrano identici a quelli di una persona sana. Questo perché, secondo i ricercatori stessi, questo nutriente tende ad essere attratti dal colesterolo alto e grasso Inosservato e creando l'illusione di essere in un livello adeguato.Sulla base di questo, prendere in considerazione le analisi del sangue vengono eseguiti oggi convenzionalmente per misurare i livelli di vitamina E "sono inutili".

Letture Consigliate