Antibiotici in gravidanza iniziale aumentano il rischio di aborto

Anche se gli antibiotici sono usati regolarmente durante la gravidanza per trattare le infezioni delle donne in gravidanza, le prove rispetto alla sicurezza fetale esso rimane limitata. È per questo che un'indagine condotta da scienziati presso l'Università di Montreal, e pubblicato sulla rivista Canadian Medical Association Journal Ha studiato se vi sia una relazione tra il il consumo di alcuni antibiotici comunemente usato in gravidanza precoce con un aumento del rischio di aborto spontaneo

L'uso di due antibiotici, azitromicina e claritromicina, lo studio è stato associato ad un aumentato rischio di aborto spontaneo era del 65%, e due volte, rispettivamente

Per effettuare lo studio, i ricercatori hanno preso come punto di partenza i dati tra il 1998 e il 2009 'Quebec Gravidanza coorte '. Sulla base di questi dati provenienti da più di 8.700 aborti clinicamente certificate con quelli di un gruppo di controllo costituito da più di 87.000 donne sono stati confrontati. Le donne che hanno preso parte allo studio erano incinte quando erano tra i 15 ei 45 anni ed erano coperti da assicurazione. L'età media gestazionale in cui ha avuto luogo l'aborto era 14,1 settimane e le donne che sono stati trattati con antibiotici pari a 1.428 nel primo gruppo, e 11.018 nel gruppo di controllo.

Gli antibiotici che possono aumentare il rischio di aborto

Da queste variabili, gli autori dello studio hanno trovato come alcuni antibiotici comunemente usati, tra cui macrolidi, chinoloni, tetracicline, sulfamidici e metronidazolo erano legati direttamente con un la gravidanza prematura e non volute interruzione. . Tuttavia, questo non era vero con altri antibiotici comunemente usati, come eritromicina o nitrofurantoina.

Dati aumentato rischio di aborto erano particolarmente rilevante nel caso di due antibiotici, azitromicina e claritromicina Che hanno mostrato un aumento del rischio del 65%, e doppia, rispettivamente. Questo, nel caso di claritromicina, secondo gli investigatori, avrebbe sostenere i risultati di studi precedenti che mostrano figure simili.

Per gli autori dello studio, questa ricerca dovrebbe essere utile per i responsabili politici e actualizasen rivedere le attuali linee guida per il trattamento delle infezioni durante la gravidanza. Tuttavia, essi riconoscono che non può escludere confusione causata dalla gravità della condizione che viene trattata con antibiotici (che può causare Per se Di aborto). Tuttavia, si nota che questa confusione sarebbe residuale, e che in nessun caso potrebbero spiegare i risultati ottenuti nello studio.