Un esame del sangue rileva la sindrome di Down senza rischi per la madre e il feto

MADRID / EFE Mercoledì 17.10.2012

Un test prenatale basata sull'analisi del DNA fetale nel sangue materno, e rileva le più frequenti anomalie cromosomiche, come la sindrome di Down, saranno disponibili in Spagna nel gennaio

Questa diagnosi prenatale non invasiva di Labco qualità diagnostica consentirà la diagnosi precoce di queste anomalie vicino al 100% di sensibilità e di rischio zero a madre e il feto, l'azienda ha segnalato in un comunicato.

principali ospedali privati ​​della Spagna saranno disponibili all'inizio del prossimo anno per questo test, che è adatto sia per la popolazione in stato di gravidanza ad alto rischio e per l'esplorazione.

Questo test prenatale valuta, da dieci settimane di gestazione, il rischio di più frequenti anomalie cromosomiche fetali misurando la quantità relativa di cromosomi nel sangue materno, evitando così di dover ottenere campioni di liquido amniotico o villi coriali, che comportano maggiori rischi per il feto.

In base a nuovi progressi nella genomica e tecnologie di sequenziamento di massa, non invasiva diagnosi prenatale permette accurata del rischio di conto trisomie fino al 90% di anomalie cromosomiche in valutazione diagnostica prenatale.

Gli esseri umani hanno 23 coppie di cromosomi che contengono informazioni genetiche.

La trisomia è una malattia dovuta alla presenza di tre copie di un cromosoma, piuttosto che i due attesi; il 21 è la più comune ed è la causa genetica della sindrome di Down.

Supportati studi scientificamente pubblicati hanno dimostrato che il test ha tassi di rilevamento fino al 99% con tassi di falsi positivi a partire da 0,1% per le anomalie cromosomiche più comuni.

Letture Consigliate