Il cancro del colon: lo screening copre solo il 19% della popolazione a rischio

MADRID / EFE / TERESA DÍAZ Giovedi 2017/03/30

I programmi di screening per il tumore del colon coprono solo il 19% della popolazione a rischio, il che significa che l'81% degli spagnoli tra i 50 e 69 anni (l'età è il principale fattore di rischio) sono più probabilità di morire questo tumore ogni anno vengono rilevati circa 41.000 nuovi casi di

Anche se si tratta di una disposizione nel portafoglio comune dei servizi del Sistema Sanitario Nazionale (SSN) dal 2014, solo quattro autonomie hanno il 100 per cento del rischio coperto popolazione (Paesi Baschi, Navarra, La Rioja e Valencia).

Nel resto, l'implementazione è irregolare e, anche se non sono disponibili dati, alcuni sono coperti solo l'1% della popolazione a rischio.

Per questo motivo, in coincidenza con la celebrazione di domani della Giornata mondiale per la prevenzione del cancro del colon, AECCA ha lanciato un appello alla comunità per attuare pienamente i programmi di screening prima di 2024, la data stabilita dal Ministero della Salute per l'intera popolazione è coperto.

Il vice presidente della AECCA, Inés Entrecanales, ha detto in una conferenza stampa che il compito di questa associazione è "gettando un'amministrazione piccole orecchie per accelerare i tempi di implementazione" e anche "mobilitare la popolazione a partecipare" in luoghi che già hanno programmi di cancro al colon.

E nel bicchiere Paese, pioniere della comunità per l'attuazione e i programmi sono già al secondo turno, la partecipazione a loro è 60-70 per cento dei cittadini.A La Rioja si raggiunge l'80%, 67% in Navarra e Valencia non raggiunge il 50%.

"In queste comunità la cosa più importante è quello di lavorare per garantire la partecipazione", ha detto Entrecanales, che ha spiegato che "se si Valenciana, Baschi, Navarra e La Rioja e hanno più di 50 anni ricevono una lettera; Da lì il processo inizia. "

Un processo che consiste in un semplice esame, sangue occulto fecale. Se positivo, che si verifica nel 10% dei casi, il passo successivo è quello di eseguire una colonscopia, che determinerà la diagnosi.

La diagnosi precoce del cancro del colon

Scientificamente è stato dimostrato che la diagnosi precoce attraverso lo screening, riduce la mortalità a breve termine tra il 30 e il 35%, che in Spagna sarebbe quello di salvare circa 4.000 vite ogni anno, ha osservato il dottor Graciela García, oncologo presso il AECCA.

Inoltre, i programmi di screening sono in grado di salvare costi all'erario. Dato che il test costa 2 euro e 180 euro colonscopia, il costo di fornire copertura a tutta la popolazione a rischio (11,347,276 cittadini) sarebbe di circa 65 milioni di euro.

Questa cifra rappresenta solo il 6% dei 1.000 milioni vengono spesi annualmente per il trattamento di questi tumori (terreno di trattamento supera 27.000 euro).

Una diagnosi di cancro produce un "forte impatto emotivo", ha detto Patrizia Bressanello, psicooncóloga del AECCA, che ha avvertito che ci sono circostanze che "ostacolano" il processo di adattamento alla malattia.

Uno è l'idea che il paziente avrebbe potuto essere evitato o avere il cancro diagnosticato precocemente da aumentare le probabilità di guarigione, che genera un sentimento di "rabbia".

A seguito della campagna effettuata lo scorso anno, l'AECCA ha lanciato un'azione volta a mobilitare la popolazione di citare in giudizio il lancio di screening.Per fare questo, l'emoticon "Merda" WhatsApp ha indetto uno sciopero virtuale per non riuscire a fare il loro lavoro: salvare vite umane in condizioni di parità in tutto il territorio nazionale.