Terapia online migliora la vita dei pazienti affetti da cancro

CHICAGO / EFE / ADAYA GONZÁLEZ Sabato 2017/06/03

L'ansia generata da una diagnosi di cancro e gli effetti avversi questo può avere sulla qualità della vita dei pazienti e anche la loro capacità di tollerare il trattamento, può essere ora alleviato con la terapia online che ha la stessa efficacia di quelli fatti faccia a faccia

Altre notizie

  • Nasce una piattaforma digitale per collegare tutti
  • comunità scientifica medica. Affrontare la query oncologo

L'importanza del supporto psicologico per questi pazienti, se sono appena diagnosticati o di quelli in fase avanzata, si è concentrato molti degli studi presentati al primo giorno del 53 ° riunione annuale della American Society of Clinical Oncology (ASCO) che si riunisce a Chicago fino al prossimo Martedì oltre 30.000 esperti in tutto il mondo.

Uno di loro, sviluppato da oncologi Ospedale universitario di Basilea, hanno trovato "un miglioramento clinicamente significativo" della qualità della vita di 129 partecipanti, la maggior parte delle donne con carcinoma mammario in fase precoce, ma anche pazienti con polmone, dell'ovaio e gastrointestinale, linfoma, e melanoma.

Lo stress sotto controllo in linea

terapia.

Sulla base di approcci comportamentali utilizzati in psicoterapia, Stream è una linea sollecitazioni programma di terapia di otto settimane, che copre aspetti quali la reazione del corpo ad esso, i sentimenti o le interazioni sociali dei pazienti, tra gli altri.

Nello studio, gli psicologi recensione progresso settimanale di pazienti provenienti da diverse parti di Austria, Svizzera e Germania e fornito consigli e supporto personalizzato, mentre a loro volta potrebbero scrivere terapeuti attraverso il programma.

Usato per alcuni disturbi psicologici come ansia, questa distanza modello può essere efficace come terapia tradizionale "faccia a faccia" con il vantaggio che significa meno tempo per il terapeuta ed è più conveniente per i pazienti, soprattutto in tempi essi devono affrontare molte visite mediche per la loro malattia.

"Le nuove tecnologie aprono nuove opportunità. Con questo intervento in grado di offrire sostegno psicologico ai pazienti dalla comodità dei loro salotti ", ha dichiarato Viviane Hess, un oncologo presso l'Università Hospital di Basilea.

Circa la metà di coloro che superano un cancro -a 70% nel caso delle giovani donne che hanno avuto il cancro al seno-hanno una paura tra ricaduta moderato e alto, che può essere così angosciante che colpisce negativamente sulla loro l'umore, le relazioni, il lavoro o la qualità della vita.

Un randomizzato clinica studio di Fase II, costituito da un intervento psicologico chiamato "vincere la paura" e che attualmente è in funzione solo nella ricerca prima di trasferirsi nella pratica clinica, ha ridotto la paura dei pazienti subito dopo l'intervento chirurgico e il passato tre a sei mesi dopo l'operazione.

In questo caso, i terapisti svolgono cinque sessioni che affrontano faccia individuale da 60 a 90 minuti per 10 settimane con 222 superstiti del seno, del colon-retto o il cancro del melanoma, con cui hanno lavorato su come accettare l'incertezza intrinseca del ritorno della patologia o strategie per controllare la preoccupazione, tra le altre cose.

"Ridurre la paura nel gruppo di intervento psicologico era abbastanza grande per migliorare la sopravvivenza psicologica ed emotiva", ha detto Jane Beith, oncologo medico presso l'Università di Sydney in Australia.

tumori infantili, un minor numero di sequel

Anche il primo giorno di ASCO ha presentato uno studio che affronta le gravi conseguenze per la salute per aver avuto il cancro durante l'infanzia e che hanno costantemente diminuito nel corso degli ultimi trenta anni, raggiungendo il 9% in più comune, leucemia linfoblastica acuta, e il 15% nel astrocitoma, la seconda più comune.

Questa analisi, preparata dalla Childhood Cancer Survivor Study (CCSS) Ospedale dei Bambini St. Jude di Memphis a 23.600 persone, ha studiato l'incidenza di grave, invalidante, in pericolo la vita o problemi fatali apparso dopo il quinto anno di diagnosi di cancro durante l'infanzia.

Ed è che i trattamenti per i tumori infantili sono spesso intensi e comportano il rischio di problemi di salute per tutta la vita dei pazienti.

Secondo questo studio, nel corso degli ultimi tre decenni si è registrato un calo costante il verificarsi di queste conseguenze: il tasso di farlo a 15 anni dopo la diagnosi è stata del 8,8% in coloro che lo hanno ricevuto negli anni Novanta, il 10,1% negli anni ottanta e 12,7% negli anni settanta.

Per il cancro, il calo è stato tra il 18% e il 11% tra coloro che hanno sofferto linfoma di Hodgkin; dal 15% al ​​9% astrocitoma; 13% a 5% in Wilms tumore e dal 9% al 7% nella leucemia linfoblastica acuta.

Tuttavia, i ricercatori non hanno trovato riduzioni in altri tumori infantili, come il neuroblastoma, la leucemia mieloide acuta (AML), sarcoma dei tessuti molli e osteosarcoma.

"Dai nostri risultati, è chiaro che i sopravvissuti diagnosticati e trattati in tempi più moderni sono quelli che stanno meglio. Non solo sono più bambini guarito, ma hanno anche meno gravi problemi di salute ", ha detto Todd M. Gibson, autore principale dello studio.

Il prossimo passo per i ricercatori è quello di approfondire specifiche condizioni di salute, al di là delle grandi categorie analizzati in questo studio e il monitoraggio di oltre 15 anni dopo la diagnosi, così come esplorare come gli effetti del trattamento ritardato si intersecano invecchiamento.

Letture Consigliate