Pedro Moreno

la morte di sua madre in circostanze difficili ha segnato un prima e un dopo nella vita di Pedro Moreno Dottore in psicologia e specialista in clinica psicologia. Che ha deciso di usare la sua esperienza come esperto in gestione di dolore emotivo dei loro pazienti, ma anche protagonista di una situazione che ha causato l'ansia, l'angoscia, la tristezza e la rabbia, di scrivere un libro ( L'apertura alla vita Editorial Desclée de Brouwer 2016), con lo scopo di aiutare i lettori a confrontarsi con i problemi e le perdite che inevitabilmente subiranno per tutta la vita. L'autore propone per questo programma allenamento mentale sulla base del Mindfulness e una specie e l'atteggiamento compassionevole, che insegna come guardare dentro di noi e conoscere e controllare i nostri pensieri per raggiungere la felicità e evitare la sofferenza, così spesso alimentati con idee negative.

Che cosa si intende esattamente con il titolo del suo libro: "L'apertura alla vita '?

Il termine ha una lunga storia, e inizia un processo personale, iniziato sette anni fa, quando mia madre muore in circostanze un po 'complicato. In seguito a questo evento doloroso, in cui ho dovuto ottenere un po 'il ruolo di paziente, stava sperimentando la storia dentro, e imparare cose che sono state applicate ai miei pazienti. Quando stavo finendo il libro e ho pensato come chiamarlo, mi sono reso conto che la questione chiave è che quando la vita ti colpisce avete due opzioni: o si chiude alla vita, o lo si apre. E la proposta del libro, naturalmente, non è chiuso, ma aperto alla vita; e questo significa che quando si vive una situazione difficile, come un omicidio colposo, che era il mio caso, un divorzio inaspettato, licenziamento senza giusta causa, molestie ... qualsiasi situazione che ti fa soffrire e si overflow, e hai fatto tutto si può fare per evitare o risolvere, e non è stato possibile, alla fine si ha la possibilità di accettare un radicale e profondo quello che è successo, e da lì per costruire di nuovo la tua vita, o di rimanere bloccati in ciclo Lamentazioni come "perché proprio a me?"" Non dovrebbe ... "" questo non è giusto "" Io caricare la carica" ​​...

E la posizione vicino alla vita significa, per me, non diventare esporre per cercare di evitare che si pensa di qualcosa di spiacevole, ma poi si impedisce anche positivi di nulla, e rimanere a casa, si blocca, nessuna vendita, nuovo non stabilire relazioni , non coinvolgere in nuove attività ... in questo modo, si entra in una spirale depressiva che porta quasi all'inferno; e se tu eri già all'inferno per quello che è successo a te, l'atteggiamento non adotta permettere che la tua mente a guarire da ciò che è accaduto, e la vita, come ha detto un mio collega psichiatra è una raccolta di duelli perché siamo sempre perdere le cose e reponiéndonos di tali perdite. La proposta del libro è quello di guardare introspettivamente, valutare le opzioni, e assicurarsi che si aprono alla vita è il modo in cui si sceglie di ricostruire se stessi.

Sei uno psicologo, e affermare che in un momento particolarmente difficile della tua vita-la morte improvvisa di sua madre, è molto disponibile consigli da altri. Hai cambiato la tua visione per i pazienti ei loro problemi, o come aiutare, dopo questa esperienza?

Sì, in modo radicale. Ci sono due Pedro Moreno, almeno; uno prima e uno dopo questo. Sono un dottore in psicologia e Sono specializzato in psicologia clinica, ma la posizione scientifica "Io sono l'esperto e so tutto" cambia radicalmente dalla faccia morte di mia madre, perché una cosa è di vedere il paziente di fronte a voi cosa sta andando male, e si fa quello che si può per aiutare, e ben altra cosa è vedere che è successo a voi e dovete gestire se stessi, e che l'esperienza personale è stato molto doloroso per me, perché in questo caso non è solo tua madre muore, che era più vecchio, ed è la legge della vita, ma non c'era la negligenza, come la vedo io. E quando c'è la negligenza ti chiedi perché il candidato non si è preso cura sufficiente, e si può ottenere in un percorso molto pericoloso, che avevo visto in alcuni pazienti che hanno mantenuto un atteggiamento di non accettare quello che era successo, e ha mostrato un sentimento di rabbia, l'ingiustizia, frustrazione ... e ha fatto che una ragione di vita, lotta, e forse per questa esperienza ho capito che se ho preso quella direzione non avrebbe lasciato, e recuperare il senso comune e ha deciso pensare con calma come affrontare quello che è successo, con un po 'mente fredda.E mi sono reso conto che avrei potuto optare per vendetta e la vendetta, e andare in tribunale, o di concentrarsi sul rendere la mia vita.

Mia madre mi ha anche servito come ispirazione, perché era una persona cattolica, con grande fede, ed è stata caratterizzata da accettare le cose come vengono. Tutto ciò che mi ha fatto cambiare la mia posizione di partenza e di agire come avrebbe voluto, e penso "o mi concentro sulla mia vita, i miei figli, la mia famiglia ... o perdo tutto in una battaglia che si perde," perché io sono medico che conosce il sistema dall'interno, e dimostrare la negligenza è praticamente impossibile. L'energia è limitata: o si spende per una cosa o un'altra spesa. E quando ci si concentra sul processo di guarigione di trovarsi bene con se stessi, si impara molte cose, e incorporare questa esperienza nella tua vita e il modo di trattare le persone in generale e pazienti in consultazione. Si diventa più individuale e meno qualificati o asettica meno professionale. A volte ci mettiamo nella posizione di esperto, e ci sembra di là del bene e del male; Quello che è successo a me prima della morte di mia madre, ma ora non è più capita a me.

Nel tuo libro parli di un "sano far fronte alle difficoltà che la vita porta con sé." Quali sono i segni che non stanno reagendo in modo appropriato ad un problema o spiacevole esperienza?

"L'emozione primaria che deve accompagnare qualsiasi situazione di perdita è la tristezza; se provo rabbia, la frustrazione, la paura ... può significare che la mia di coping è sbagliato "

Se stiamo parlando di una tale perdita, che può essere la perdita di un lavoro, un ruolo di una persona cara, la salute (da malattia cronica), che accompagna questa perdita è la tristezza. Ho perso qualcosa, un lavoro, una coppia che volevo un ruolo perché era un lavoratore attivo e un incidente mi ha lasciato disabili e devo andare in pensione ... -, e l'emozione primaria che deve accompagnare qualsiasi situazione di perdita è la tristezza.Pertanto, se non mi sento particolarmente triste, ma sto sperimentando la rabbia, la frustrazione, la paura ... qualsiasi emozione altro che dolore mi sta dando un po 'di pista che sta producendo il coping sbagliata.

stabilità emotiva come la base della felicità

Nel grafico che valorizza l'impatto emotivo degli eventi più stressanti capita spesso nella vita, alcuni sono positivi-una gravidanza indesiderata, una vacanza, un aumento del reddito ... - vuol dire che dobbiamo anche essere mentalmente preparati ad affrontare la il successo?

La tabella di mettere nel libro è una sintesi di un'inchiesta condotta negli anni '80, e nel quale un gruppo di pazienti da un ospedale e vota quanto hanno pensato che avrebbero reagito sotto stress contro i vari tipi richiesti situazioni, molti dei quali erano sviluppi positivi, desiderati, o addirittura eletti. Il lavoro ha molti limiti, perché non è la stessa di chiedere a qualcuno come pensa di reagire alla morte della madre, che se avesse lasciato la moglie o la licenziò dal lavoro ... ma prendendo le dovute precauzioni può servire a controllare che lo stress non è il risultato solo di una situazione negativa, ma anche un evento positivo può causare un problema, perché lo stress è quello stato di tensione che proviamo quando ci troviamo di fronte a una situazione che comporta un qualche tipo di cambiamento o di reazione e situazioni negative ovviamente saremo situazioni difficili ma anche positivi. Alcuni dei miei pazienti, quando la loro data di nozze si avvicinava, ha subito attacchi di ansia, e sono stati caduta dei capelli. E 'quindi molto importante imparare a gestire bene le nostre emozioni, tra cui bello, e evitare di essere quelli che controllano le nostre vite.

Come si fa a definire la felicità?Lo fa cambiare il concetto che abbiamo di questa emozione per tutta la vita?

"Se a raggiungere quello stato di calma mentale in quali situazioni non causano automaticamente le reazioni, ma sei padrone delle tue emozioni e di scegliere le risposte, raggiungere tale beatitudine e la serenità che per me sarebbe la cosa più vicina ad una vera e propria felicità "

La definizione di felicità farebbe per un intero libro. Se si sceglie la definizione RAE di "stato di spirituale e fisica soddisfazione grata", che è il primo significato, la felicità è qualcosa di molto concreto, ma abbastanza etereo. Tuttavia, quando si chiede alla gente cosa li renderebbe felici, di solito rispondere a cose come si vince la lotteria, si ha una splendida, bellissima e gentile partner, o qualsiasi altra fantasia che copre tutte le esigenze, ma quando si parla qualcosa che copre tutto ... che cosa si intende? Se ci riferiamo a cose materiali che la soddisfazione sarà sempre fugace, perché se hai un sacco di soldi verrà un momento in cui è sia finita, o abituarsi ad avere e non produrrà lo stesso effetto; e se il vostro partner è meravigliosa, forse dopo un po 'già non è tanto, o non si osserva come la società, o avete voglia di un rapporto diverso. Quindi, se ci concentriamo sulla felicità che siamo in grado di offrire le cose tipiche della società dei consumi, probabilmente saremo esposti ai capricci della moda, ideali in realtà non sanno dove prendere voi, e rimarrà sempre un stato di insoddisfazione cronica, perché non potrà mai arrivare a quel posto chiamato 'felicità'.

Quando parlo in termini di vera felicità o di genuina felicità, voglio dire che prima parte della definizione della RAS, lo stato di grande soddisfazione, spirituale o mentale, non nel senso dello spirito trascendente, ma il mente ha la capacità di trasformare tutto, nel bene e nel male, e una sensazione fisica può diventare insopportabile, o essere qualcosa di piacevole, e spesso dipende da come gestire la mente.Nella misura in cui si è in grado di capire la propria mente, e imparare a contribuire pensieri per aiutarvi a trasformare le vicissitudini della vita di tutti i giorni sopportabile, si può andare rilasciando strati di infelicità, e se si riesce quello stato di calma mentale in quali situazioni non provocano reazioni automaticamente, ma si sono padrone delle vostre emozioni, e siete in grado di scegliere le risposte, a raggiungere quella beatitudine e la serenità che per me sarebbe il più vicino alla felicità autentica.

Dire "abbracciare l'idea che il cambiamento è continuo, è un modo per proteggersi dalle sofferenze inutili". Ma supponiamo che non rimane nulla, non può destabilizzare anche noi emotivamente?

Se l'idea di stabilità emotiva è che la mia felicità Deve essere permanente e non può cambiare nulla, mi sto dando da mangiare le cause di infelicità. Istintivamente noi tutti ci auguriamo che, se le cose vanno bene non cambiamo e se abbiamo sbagliato, la situazione una volta finito, perché non è la vita. E in questi movimenti della mente è dove si genera la sensazione di infelicità. Nel libro ho raccontare il caso di un paziente che soffre di dolore continuo nelle mani, ma a volte ha avuto un paio di giorni che non ha fatto male; Tuttavia, quei giorni ha avuto un momento difficile pensare che sarebbe presto iniziare di nuovo il dolore. Sul tema della sofferenza emotiva è importante capire che anche se ci sono dolori inevitabili nella vita, come è in lutto per la morte di una persona cara, v'è anche una parte molto importante, che a volte accade desapercibida- Questo è ciò aggiungiamo noi stessi con la storia mentale che facciamo quando ci troviamo ad affrontare qualsiasi problema, con pensieri come: "è un'ingiustizia, l'universo mi tratta male, mi succede sempre a me, la mia famiglia sembra che ha guardato un con un occhio solo ...". Tutti questi strati negativi che sto aggiungendo alla mia storia mentale, sono ciò che rende qualcosa di dolore insopportabile, e in ultima analisi, ciò che mi colpisce è la sofferenza che sto creando.

Nel libro ho messo alcuni esempi interessanti da vedere questa progressione, anche con l'emissione di dolore fisico, perché non ho i pazienti con malattie croniche accompagnate da dolore, e funzionano più o meno allo stesso modo. Il dolore fisico provoca una sensazione di non rimuovere nessuno; Se si è punta con un ago in mano, che stimola un recettore, che provoca uno stimolo, un impulso nervoso al cervello e interpretato come una sensazione dolorosa. Ma è solo una sensazione che ha interpretato? Perché poi, quando si ha dolore dell'arto fantasma, in cui l'elemento non è più, c'è ancora l'esperienza del dolore. Quando si è sottoposto a ipnosi e l'analgesia causare un suggerimento e questo ho provato con quello che oggi è mia moglie quando lei era ancora la mia girlfriend-, si può pungere con un ago e non si sente il dolore. Lei lo ha descritto poi come un senso del tatto, e tuttavia avevo punge con un ago. E questo può anche portare a dolore emotivo.

Il potere della mente per controllare i

dolore fisico ed emotivo.

Mettere come un esempio del grande potere della mente di una donna che è riuscita a controllare il suo dolore fisico attraverso la consapevolezza. E 'scientificamente provato che questo tipo di meditazione può alleviare il dolore?

"Attraverso la meditazione persone di fronte a situazioni difficili si può realizzare ciò che accade nella vostra mente, perché quando si inizia a praticare la meditazione si guarda dentro, 'staccato il pilota automatico,' e capire che molte volte si è che scuote i rami del dolore "

Beh, io conosco quella persona. Il caso di Vidyamala Burch, una donna dalla Nuova Zelanda con la quale ho accettato in una conferenza a Saragozza lo scorso anno. Lei era in una sedia a rotelle da un incidente che si è verificato in adolescenza, e lasciare che ti svegli dolore tremendo e ritorno esausto, e attraverso la meditazione questa donna è riuscita a ricostruire la sua vita, e ha scritto un libro raccontarla .E nella collezione che rivolgo abbiamo selezionato il libro di un'altra donna, di prossima pubblicazione, e questo è un altro caso documentato, ed è circa una signora che era un professore di diritto presso un'università in California, e da una infezione virale ha sofferto la sindrome da stanchezza cronica, e attraverso la meditazione questa signora accetta il margine di manovra che ha e riacquista la sua vita, alle condizioni imposte dalla malattia. Logicamente, la consapevolezza non risolverà una disabilità fisica, e se si sono lasciati paraplegico non alzarsi e camminare, ma tra l'avere un infortunio alla schiena, e non hanno vita, c'è una differenza importante.

Per quanto riguarda la parte emozionale, attraverso le persone meditazione di fronte situazioni difficili può realizzare ciò che accade nella vostra mente, perché quando si inizia a praticare la meditazione si guarda dentro, 'staccato il pilota automatico' e capire spesso voi che sta fluttuando i rami del dolore.

Nel libro si spiega diverse tecniche di meditazione per calmare la mente, coltivare la gentilezza e compassione, e così via. Quanto tempo si deve fare questa formazione mentale per iniziare a notare i benefici?

"Il problema è che la consapevolezza è qualcosa di apparentemente semplice, ed è difficile da spiegare a parole le difficoltà si possono incontrare nella loro pratica, perché la mente è come l'aria: è molto difficile per la cattura a mano"

Esso varia notevolmente a seconda delle personalità e della vita circostanze di ogni. Faccio terapia di gruppo al centro dove lavoro, della durata di otto settimane, e il libro spiega un piccolo programma che seguiamo. Con la pratica noi abbiamo persone che spontaneamente, nella quarta o quinta sessione, iniziano dicendo che sono meglio, e ci sono altri che hanno bisogno di continuare a praticare un po 'più a lungo.Nel libro quello che propongo è un programma che è quello di praticare almeno 50 ore di meditazione. Infatti, nella pausa libro alla fine del capitolo 8 è fatto, e ha indicato che se 50 ore di pratica si scopre che non avete raggiunto i benefici, probabilmente si dovrebbe cercare qualcuno per spiegare a voi, perché il problema della consapevolezza e perché 300 pagine sono necessari per spiegarlo, ma può malinterpretar- è che è apparentemente semplice, ed è difficile da spiegare a parole le difficoltà si possono incontrare nella loro pratica, perché la mente è come l'aria: è molto difficile per la cattura a mano.

Si potrebbe pensare che stai andando alla grande, e tuttavia essere l'applicazione di un grado eccessivo di tensione. Io, per esempio, mi è capitato che all'inizio della pratica della meditazione; Ho pensato che fosse per imparare a concentrarsi, e sarei semplice perché aveva studiato una carriera, che aveva fatto una tesi di dottorato, e aveva a lungo concentrata tempo, ma applicato concentrazione forza così intenso che ho finito con un tremendo mal di testa. Così, alla fine del libro ho deciso di includere una sorta di 'mappa per gli esploratori della mente', che sarà in dettaglio situazioni e problemi che si possono trovare, e spiega che cosa si può fare per superarli. Perché la meditazione è molto semplice: si tratta di prestare attenzione: essere quello che sei, sapendo che tu sei quello che sei e quando si smette di essere quello che sei, torna ancora una volta di essere quello che sei; e sempre con gentilezza. Si può paragonare a diventare un bodybuilder, che fondamentalmente consiste nello spostare il peso, ma si sposta, fare un certo numero di ripetizioni, alternando con il riposo, seguire una dieta specifica, hanno un tempo di disciplina e la formazione ... E 'vero che anche la genetica adeguati necessari per diventare un Mr Olympia Ma se non si segue la routine del lavoro richiesto, non si arriva a essere.La meditazione è qualcosa di simile, e propongo di andare lentamente. E se si inizia a meditare e si ottiene nervoso e si sente che questo non è per voi, è solo un segno che, se avete bisogno, e hai bisogno di praticare, perché è come quando si va in palestra e hanno lacci delle scarpe, e questo è perché non hai modo fisico che si dovrebbe avere, e quello che hai da fare è adattare la formazione al vostro livello attuale, e da lì progredisce. Se si inizia a meditare e si vede che la testa fa male, ti fa insopportabile, super noiosa ... tutti questi segni che sembra male, sono in realtà un segno che avete bisogno.

Nel gruppo insegno fare qualcosa di simile al battesimo in immersione, ho nozioni, abbiamo messo un po 'di pratica, e dopo il programma di otto settimane di persone hanno già le linee guida per iniziare a lavorare per conto proprio. E se si vuole lavorare a fondo, è sempre bene, come nel mondo dello sport che cercano un buon allenatore, uno psicologo che pratica la meditazione e sperimentato.

Letture Consigliate