Prospettiva psicodinamica

Per capire qual è la prospettiva psicodinamica, dobbiamo capire cos'è la psicologia. "Psicologia" Il termine deriva da due parole, "psiche" e "loghi", che letteralmente significano lo studio dell'anima. Questa definizione avanza e si modifica per lo studio della mente. Si può concludere definendo la psicologia che è l'analisi scientifica e dettagliata in profondità e lo studio progressivo dei processi mentali e dei comportamenti umani. Quando definiamo un campo di studi in psicologia, consideriamo il comportamento umano come questo campo. Il comportamento umano può essere chiaramente sezionato in un comportamento nascosto e manifestato. I comportamenti segreti sono azioni ed emozioni che mancano di tangibilità. Ad esempio, la rabbia, la gelosia o la pietà che sperimentiamo non è visibile all'occhio umano. I comportamenti manifestati sono le azioni o i comportamenti che sono tangibili. Il modo in cui ci vestiamo, il modo in cui parliamo con gli altri, sono esempi del comportamento che si manifesta. prospettiva psicodinamica è un sottocampo della psicoterapia, che è dedicato al trattamento delle disfunzioni mentali ed emotivi.

Qual è la prospettiva psicodinamica?

La definizione ha una risposta profonda, che si trova nell'inconscio umano. Per chiarire ulteriormente, gli esseri umani hanno tre livelli di coscienza: il conscio, il subconscio e l'inconscio. La coscienza è lo stato attuale della mente, gli eventi attuali sono registrati qui. La mente subcosciente è al di sotto della mente cosciente e non è facilmente accessibile dalla mente cosciente. Il subconscio non è controllato dal conscio. L'inconscio si occupa di un settore, che è occupato da ricordi che hanno avuto un impatto negativo o spiacevole sui modelli comportamentali di un individuo. La prospettiva psicodinamica mira a lavorare a livello inconscio della mente umana. Sigmund Freud, ambita come il padre della psicologia, ha esplorato questo problema, ed è stato coinvolto in analisi di ricerca avanzata in questo campo specifico della psicologia.

psicodinamica Prospettiva di Sigmund Freud

prospettiva psicodinamica Sigmund Freud determinato a suo tempo il concetto delle tre componenti della coscienza. Sono l'id, il sé e il Super-io. L'IT è l'unica qualità presente quando l'individuo nasce, impulsi e desideri inconsci fanno parte dell'id. È governato dal desiderio e dal piacere e cerca di raggiungere la soddisfazione immediata, senza causare disagio. Mentre l'io è parte della personalità ed è tra la realtà, il SUPERYO e l'IT. Cerca di soddisfare le esigenze di IT e attraverso i sensi e il ragionamento intorno a lui noti e cercare di rispondere con la gratificazione immediata con successo e in modo sicuro, in modo che possiamo dire che è governato dal principio di realtà. Inoltre, il Super-Io è formata da mandati morali che la persona acquisisce tutta la sua vita e hanno sempre il controllo sul loro comportamento.

Il ideale è il componente principale di un bambino. Ad esempio, un bambino che chiede per una barretta di cioccolato nel mezzo della notte, non considera l'inconveniente causato ai loro genitori o tutori, anche esclude la disponibilità della merce in quel particolare momento. Pertanto, l'identificatore è governato da ragioni, che sono egoiste e sconsiderate, che lavorano sul principio di ciò che "dovrebbe essere". Al contrario, il Super-io è un settore della coscienza, che è dominato dall'ideale . Il livello del super-io rimane latente, finché l'individuo non ha ottenuto valori e credenze incorporate. Il Super-Io è l'investimento emotivo dell'individuo. Il Super-io cercherà sempre di raggiungere modelli di comportamento ideali, quindi funziona sul principio di ciò che dovrebbe essere: l'ego, d'altra parte, potrebbe essere definito come motivo . Il principio in cui il componente funzione è ciò che "potrebbe essere". L'ego risulta essere il sistema tampone tra l'id e il Super-io. Agisce come arbitro tra bisogno o tentazione, ideali o sistemi di credenze. Il mezzo della strada è generato, che mantiene la tranquillità tra i due settori opposti della coscienza.

La prospettiva psicoanalitica è composta da uno scenario, in cui i bambini attraversano una fase di riferimento, come lo stadio psicosessuale, in cui il l'ideale (id) gioca un ruolo dominante. I desideri allo stesso tempo raggiungono il piacere attraverso le zone erogene in via di sviluppo. Tuttavia, quando il bambino ha difficoltà a navigare attraverso questa fase, si dice che abbia sviluppato una fissazione. Una fissazione nella fase fallica può comportare che il bambino sviluppi il complesso di Edipo (nei bambini) e il complesso di Electra (nelle ragazze). Il complesso di Edipo è caratterizzato dallo sviluppo di un senso di competenza con il padre (sul piano sessuale), per cercare l'attenzione di sua madre. Quando la ragazza sviluppa il sentimento di cui sopra nei confronti di sua madre, per attirare l'attenzione di suo padre, viene definito come il complesso di Elettra. I bambini a questo stadio si sentono minacciati, tuttavia, superare il livello, attraverso l'associazione con i genitori dello stesso sesso.

La prospettiva psicodinamica di Carl Jung

La prospettiva è stata chiarita da uno psichiatra e pensatore svizzero, chiamato Carl Gustav Jung. Jung era un ex discepolo e amico intimo di Sigmund Freud. Più tardi si biforca, al fine di sviluppare la propria teoria della prospettiva psicodinamica. Carl Jung aveva un diverso punto di vista sul soggetto della coscienza e per questo fu chiamato neo-freudiano. Carl Jung sviluppò una teoria chiamata coscienza collettiva. La coscienza collettiva potrebbe essere chiamata coscienza universale, condivisa da tutti, che consiste nella struttura simbolica o percettiva, chiamata archetipo.

Nella terminologia più primaria, potrebbe essere descritta come l'immagine del nostro passato nello specchio, trovato nel presente. Un'azione condotta nel presente ha le sue radici in comportamenti o esperienze passate. Quando una persona non può essere collegata e pone i blocchi nel passato e nel presente, il requisito predominante è una terapia psicoanalitica, che aiuta l'individuo a svelare la ragione dominante, che governa i loro modelli di comportamento. Metodi, come la libera associazione, potrebbero essere usati dal terapeuta per aiutare l'individuo a capire le proprie differenze comportamentali. Nella libera associazione, al soggetto sottoposto a terapia viene chiesto di dire tutto ciò che viene in mente. Il contenuto delle informazioni scritte non deve essere filtrato. Deve essere un flusso privo di pensieri, che fluisce attraverso il serbatoio della coscienza. Pensieri, esperienze casuali, tutto può essere narrato. L'individuo non deve vergognarsi di alcun incidente o esperienza. La causa di un particolare comportamento potrebbe essere acquisita, solo se la persona è libera e aperta sugli eventi della sua vita. Il cliente e il terapeuta devono condividere una buona relazione, che aiuta il cliente a fidarsi del terapeuta.

Gli esempi includono schemi di comportamento ossessivo, che distraggono la nostra comprensione dei comportamenti irrazionali, per esempio, un disturbo ossessivo-compulsivo. Lavarsi le mani in modo compulsivo innumerevoli volte durante il giorno potrebbe avere le sue radici sepolte in un incidente o esperienza, che ha avuto luogo anni fa, forse nei giorni dell'infanzia. Comportamenti abituali, come mordere le unghie, possono avere delle ragioni sigillate nel sacco delle esperienze, che hanno causato ansia seria alla persona. Le fobie potrebbero anche essere una causa, che deve aver portato l'individuo a essere contrario a un'idea o un'attività specifica. L'agorafobia, la fobia degli spazi aperti in situazioni difficili da evitare o addirittura da evitare, può causare ansia e attacchi di panico a coloro che hanno avuto un'esperienza favorevole prima.

La prospettiva psicodinamica è un campo di studio molto interessante. Spero che tu abbia ottenuto le informazioni richieste e speriamo sinceramente che questo articolo ti abbia dato abbastanza confidenza per spiegare facilmente questo principio di psicologia a chiunque voglia esplorarne le profondità.