Teresa Gómez Isla: "L'Alzheimer è l'epidemia silenziosa del secolo"

MADRID / EFE / JAVIER TOVAR Mercoledì 26.09.2012

Neurologo Research Laboratory della malattia di Alzheimer presso il Massachusetts General Hospital di Boston, Gómez Isla analizza in un'intervista con EFEsalud le chiavi di questo male: la sua situazione e la prognosi, la prevenzione e la promozione, la ricerca e il trattamento, ei suoi effetti sociali

Teresa Gómez Isla questa estate stava dando un corso di lezioni sulla malattia di Alzheimer in Menendez Pelayo International University di Santander.

Ora, da Boston, questo ricercatore, che ha trattato l'ex presidente della Generalitat catalana Pasqual Maragall, che soffre del morbo di Alzheimer dal 2007, i colloqui con EFEsalud per discutere di questa grave malattia.

  • In tempi recenti l'incidenza della malattia di Alzheimer è aumentato precipitosamente e colpisce sempre più giovani, Siamo di fronte ad un'epidemia del XXI secolo?.

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un ruolo di primo piano nel numero dei casi di Alzheimer invecchiamento sempre più le società come la nostra ascesa.

La ragione fondamentale è che L'età avanzata è il principale fattore di rischio per questa malattia E la sua incidenza aumenta con l'età.

In 9 casi su 10, i sintomi compaiono dopo i 60 anni e dopo tale età, l'incidenza di questo tipo di demenza raddoppia ogni cinque anni.

Ma in uno su 10, i sintomi iniziano presto, prima dei 60 anni, e in casi del tutto eccezionali, alcuni dei quali ha trovato una causa genetica, i sintomi possono iniziare anche prima 40 o 50 anni.

L'aumento inarrestabile del numero di casi attesi nei prossimi anni, man mano che cresce sempre di più l'aspettativa di vita, è quello che ha messo il morbo di Alzheimer sotto i riflettori come "epidemia silenziosa" del XXI secolo.
  • D. Al di là dell'impatto sulla Spagna, più di 600.000 le diagnosi, qual è la mappa del morbo di Alzheimer nel mondo?

In una delle ultime statistiche pubblicate si è calcolato che In tutto il mondo, circa 36 milioni di persone affette da demenza e due terzi di questi casi la causa della demenza è la malattia di Alzheimer.

Si ritiene che un numero significativo di questi casi sono diagnosticati, soprattutto nei paesi con basso status socio-economico.

Ma anche se per ora la malattia di Alzheimer ha colpito più pronunciato nelle società ricche formano Si dovrebbe avere il maggiore impatto e l'aumento del numero di casi nei prossimi anni si verificherà nei paesi in via di sviluppo come la Cina, l'India o in America Latina Qualora il numero di persone anziane sta crescendo molto rapidamente.

Nelle società avanzate, con un'aspettativa di vita elevata, si stima che uno su 8 persone con più di 65 anni e quasi la metà oltre 85 anni soffrono di questa malattia.

E a causa del progressivo aumento della speranza di vita si prevede che il numero di casi raddoppierà ogni 20 anni.

E 'stato stimato che il costo in tutto il mondo di cura e il trattamento di questi pazienti è di circa 600.000 milioni di euro; Questa è una delle più grandi sfide della salute pubblica del XXI secolo.

Ricerca e trattamenti

  • A che punto sono la ricerca e trattamenti?Avremo presto nuovi farmaci, vaccini o farmaci che possono curare la malattia?

Abbiamo appena ricevuto una brocca di acqua fredda. durante i mesi di luglio e agosto, dopo aver appreso i risultati negativi di tre studi clinici basati su farmaci diretti contro la proteina beta amiloide, una proteina che si accumula in modo anomalo nel cervello dei pazienti affetti da morbo di Alzheimer e rappresenta uno dei segni di questa malattia.

Una domanda chiave che aveva atteso per anni risposta era se per eliminare l'accumulo della proteina nel cervello, che è noto a verificarsi anni prima che i pazienti mostrano sintomi e che molti ricercatori considerano l'innesco per la malattia, è stato sufficiente a prevenire o rallentare i loro sintomi e arrestare la progressione del danno cerebrale.

Al momento la risposta è no. Si può bisogno di questo tipo di trattamento è iniziato molto prima, quando non ci sono sintomi, in modo che possa essere efficace. E questo è qualcosa che è indagato con l'attuazione di prove preventive con questi farmaci in individui senza sintomi.

Ma è anche possibile che ci hanno dimostrati obiettivo sbagliato e, a mio parere, è il momento di rompere i paradigmi e cercare nuove alternative ai amiloide nella malattia di Alzheimer.

A questo proposito, una delle scoperte recenti più promettenti è stata la constatazione che un'altra proteina, "tau", inoltre è alterato nel cervello di pazienti con malattia di Alzheimer formando all'interno dei neuroni poche lesioni chiamati "grovigli", è in grado di diffondere alcuni neuroni altri che sono collegati nel cervello di topi.

Per decenni si sapeva che i grovigli neurofibrillari iniziano sempre in una regione molto specifica del cervello e stanno gradualmente interessando altre regioni come sintomi progressi, ma la causa esatta era un mistero fino ad ora.

Una possibilità è che queste regioni sono selettivamente vulnerabili a queste lesioni perché le loro popolazioni neuronali sono stati collegati fra loro e questi nuovi studi dimostrano che in effetti questo è il motivo.

Il significato di questi risultati è che aprono la possibilità di cercare un trattamento per fermare la diffusione della proteina tau alterata tra i neuroni e quindi la progressione della malattia nel cervello e morte dei neuroni e le loro connessioni.

La prevenzione e consulenza

  • Ci sono dei consigli per prevenire l'Alzheimer?

In questo momento non v'è alcun modo conosciuto per prevenire l'Alzheimer.

Tuttavia, sempre più dati provenienti da studi epidemiologici suggeriscono che i fattori di rischio cardiovascolare come il diabete, l'ipertensione, il colesterolo, l'obesità o una vita sedentaria, possono essere fattori di rischio per lo sviluppo di questa malattia.

In realtà, molti pazienti con malattia di Alzheimer hanno quello che viene chiamato un demenza "misto" e il loro cervello hanno aggiunto questa lesioni vascolari maligni.

La buona notizia è che tutti questi fattori di rischio vascolare, a differenza del patrimonio anziani e la famiglia, sono modificabili.

E per la prima volta, sono stati lanciati in Europa tre studi pionieristici in migliaia di persone asintomatiche destinati a chiarire se i cambiamenti nello stile di vita, come smettere di fumare, esercizio, mangiare una dieta sana, controllo dei fattori rischio vascolare o rimanere socialmente e intellettualmente attivi, possono avere un impatto significativo sulla prevenzione.

Queste sono le migliori raccomandazioni in attesa di ottenere la conferma da questi nuovi test.

Una delle grandi controversie è se la modifica di questi fattori dovrebbe essere nel medioevo della vita, piuttosto che in età più avanzata, in modo che possa essere efficace nella prevenzione.

Prendersi cura di chi ha a cuore

  • Il problema sociale associato a questa malattia è molto forte e ha grandi conseguenze per gli ambienti familiari, ciò che rende raccomandazioni per gli operatori sanitari?

L'Alzheimer è una malattia crudele sia per il paziente e la sua famiglia.

Alcuni sostengono erroneamente che questa malattia non uccide, ma, considerando che nella maggior parte dei casi badante del paziente è una famiglia, questa malattia non uccide solo uno per uno, ma a due a due.

La maggior parte dei pazienti sopravvive una media di 4-8 anni dopo la diagnosi, ma alcuni possono vivere fino a 20 anni o più con la malattia e quasi la metà di tutto quel tempo corrisponde alla dipendenza più avanzata e più alta sulle fasi caregiver.

Quando avete fatto surveys tra gli operatori sanitari, oltre il 60% dice di sentirsi grande stress e un terzo soffre di sintomi di depressione.

Prendersi cura di un malato di Alzheimer è molto difficile e può avere un impatto negativo sulla salute fisica e mentale del caregiver, al lavoro, sul tuo stipendio e l'economia domestica.

Più della metà dei caregivers apportare modifiche nel loro lavoro a causa della cura della loro famiglia che coinvolgono cambiare il vostro programma di lavoro, e in alcuni casi completamente abbandonarla.

Gli studi dimostrano che gli assistenti dei pazienti con demenza hanno una maggiore incidenza di visite di pronto soccorso e ricoveri, soprattutto quando la cura per i pazienti con più dipendenza o disturbi comportamentali.

E alcuni studi, anche se controverso, suggeriscono un aumento della mortalità tra gli operatori sanitari.

Le due raccomandazioni che vorrei fare un caregiver sono, prima che tutto il possibile essere segnalato al personale medico e l'associazione famiglia più vicina sulla malattia e il tipo di diligenza richiesto dalla sua famiglia in diversi stadi della malattia .

E in secondo luogo, forse più importante, ricordare che "per la cura deve stare attento", che è particolarmente difficile per le piccole famiglie o basso reddito.

  • Credi che gli Stati dovrebbero sottrarsi ai loro piani di adeguamento e tagliare riguardanti questa malattia o la crisi economica può essere un enorme passo indietro in pubblico e l'ospitalità del morbo di Alzheimer?

qualche mese fa il presidente Barack Obama ha annunciato un aiuto supplementare di 50 milioni di dollari nel 2012, oltre ai 450 milioni già pianificato di investire quest'anno nella ricerca sulle demenze, per far progredire la ricerca di fattori rischi e nuove terapie contro il morbo di Alzheimer, e per sostenere gli operatori sanitari e le famiglie dei pazienti.

Ha spiegato che questo sarebbe il primo nuovo aiuto supplementare previsto per il 2013 dedicato alla ricerca di questa malattia.

Una misura che indica senza dubbio che in alcuni paesi è riconosciuta la grandezza di questo problema.

Sono molto preoccupato del fatto che la spesa per la ricerca scientifica nel nostro Paese è stata tagliata in un modo così brutale è stato fatto.

Non riesco a capire il futuro senza la scienza e l'innovazione. Se tagliamo nella ricerca scientifica, tagliando le possibilità di trovare una soluzione a malattie come il morbo di Alzheimer, non vedo come si possa affrontare con la cura e alleviare le sofferenze di centinaia di migliaia di nostri anziani e delle loro famiglie.Vogliamo un mondo senza il morbo di Alzheimer.

Letture Consigliate