Il 15% della popolazione mondiale soffre la fame ogni giorno

Più di 900 milioni di persone nel mondo soffrono di fame cronica e il quindici per cento della popolazione mondiale si trova con La fame ogni notte, un fenomeno che è stato aggravato dal La speculazione sul cibo e il conseguente aumento dei prezzi, come rivelato dal Mondiale Disasters Report 2011 della Croce Rossa

Al contrario, 1.500 milioni di persone nel mondo sono in sovrappeso, anche nei paesi emergenti dell'Asia del Sud e del Nord Africa, dove più vite si può pagare che la fame stessa. Questo fenomeno di 'la malnutrizione' è dovuto in gran parte alla crescita di importazioni di prodotti alimentari lavorati a scapito della produzione diretta di materiali di prima qualità per uso alimentare nei paesi stessi.

Come rivelato dal rapporto Disastri mondo 2011 della Croce Rossa, tre milioni di bambini sotto i cinque anni muoiono ogni anno per malnutrizione, e 178 milioni sono rachitici dalla stessa causa

Un altro aspetto evidenziato dal rapporto è che la fame e la malnutrizione anche influenzano il "prospero Occidente". Negli Stati Uniti, il governo ha speso nel 2010 circa 68.000 milioni di nutrire più di 40 milioni di persone. Nel Unione europea Uno dei ogni sei abitanti dei 27 Stati membri vivono sotto la la povertà In Spagna, nel contesto dell'attuale crisi economica, il CRE è stato costretto tre anni fa per rilanciare i loro programmi di distribuzione di cibo "necessità" di alcuni programmi sono stati praticamente abbandonati. In queste circostanze, la Croce Rossa fornisce aiuti alimentari a circa 700.000 persone in Spagna, il 70% dei quali sono disoccupati.

"925 milioni di persone hanno sofferto la fame nel 2010", secondo i dati della Food and Agriculture Organization (FAO) delle Nazioni Unite, ha detto il Giovedi il coordinatore generale della Croce Rossa spagnola (CRE), Antoni Bruel I Carreras, nel corso della conferenza stampa di presentazione del rapporto presso la sede dell'organizzazione a Madrid. "Non parliamo di un certo languorino, si parla di mancanza di cibo, non mangiare, semplicemente," ha detto.

Secondo il rapporto, tre milioni di bambini sotto i cinque anni muoiono ogni anno per malnutrizione e 178 milioni soffrono di una crescita stentata per la stessa causa. Inoltre, il 60% delle persone che soffrono la fame nel mondo sono donne, che, secondo Bruel, genera l ' "effetto moltiplicatore" influenzare anche il feto durante la gravidanza, e bambini durante l'allattamento.

Tra i fattori che contribuiscono alla "tempesta perfetta" nel sistema alimentare globale, con siccità e altri disastri naturali come le inondazioni, il coordinatore del CRE ha evidenziato l'aumento speculativo dei prezzi. "La speculazione costa la vita", ha detto. Il problema non è la disponibilità di cibo, di cui "più del necessario", ma il suo accesso, ha detto.

"Dopo 18 mesi di relativa stabilità, gli indici dei prezzi dei prodotti alimentari FAO sono aumentati più del trenta per cento nella seconda metà del 2010", una percentuale che è del 57% nel caso dei cereali, ha detto.

Tra le cause di questo aumento dei prezzi, Bruel ha osservato il "paradosso" dei mercati a termine dei prodotti alimentari, che sono stati creati negli anni sessanta "per evitare deviazioni dal prezzo a lungo termine" e sono diventati appunto "uno strumento per il contrario" a "speculare sui prezzi di prima necessità."

Per porre fine a questa situazione come Bruel, Stati membri dovrebbero adottare regolare i prezzi agricoli. "Non puoi speculare prodotti di base", ha detto. "Dovrebbe regolare i prezzi, come del resto è fatto a livello nazionale in Spagna, ad esempio, una pagnotta di pane non può essere venduto a otto euro", ha continuato. "Ciò che non è voluto per la vostra casa, non si vuole per niente al mondo," ha detto.

Speculazione e degli interessi, ha detto, sono la chiave per comprendere perché aumentare le rese agricole negli ultimi anni è stato dovuto più ad un aumento della coltivazione di biocarburanti che la produzione alimentare, e il 60% dei terreni coltivabili non coltivata in tutto il mondo sono in Africa.

Nel continente africano, ha detto Bruel, la maggior parte degli uomini impegnati nella coltivazione di interesse commerciale, mentre piccole aziende agricole che coltivano, che contribuiscono più direttamente alla dieta famiglia, corrisponde soprattutto alle donne. Mancanza di aiuti sotto forma di sovvenzioni e l'approvvigionamento donne smallholder, ha detto, genera un "importante nell'alimentare famiglie laguna", che sono costretti a rivolgersi ad un sempre più costosa per alimentare mercato, anziché stessi.

In queste condizioni, e come contrappunto alla situazione generale, maggiore importazioni di alimenti trasformati a scapito della produzione interna di prodotti alimentari contribuisce "anche nelle economie emergenti", un aumento della obesità di tutti i mondo.

"Nutrizione in eccesso viene attualmente sostiene più vite in alcuni paesi dell'Asia del Sud e del Nord Africa, circa 2,4 milioni l'anno, che la fame, il che rende evidente che il 'la malnutrizione' è un fenomeno molto più diffuso di quanto la fame ", ha detto CRE.

La situazione nel Corno d'Africa

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del rapporto, il delegato della Croce Rossa spagnola in Kenya, Pablo Diez de la Lastra, ha detto che l'attuale crisi alimentare nel Corno d'Africa "non è nuova", ma ha attirato l'attenzione internazionale e "lascia più nei media" a causa della situazione dei rifugiati somali e il conflitto in Somalia "che è in parte una conseguenza della necessità estrema e permanente che affligge il Corno d'Africa."

Secondo il delegato del CRE, tredici milioni di persone sono colpite dalla fame e tra il 20 e il 25 per cento dei bambini soffre di malnutrizione nel Corno d'Africa. "Questa è la peggiore siccità degli ultimi 60 anni" e colpisce non solo le colture, ma le popolazioni di bestiame una buona parte pastorizia.

Secondo Pablo Díez, la risposta internazionale è stata "in ritardo", pur essendo una "crisi pubblicizzato." Tuttavia, ha detto, la Croce Rossa ha la "ferma speranza" che, oltre agli interventi umanitari a breve termine "salvavita", i governi, le organizzazioni internazionali, le agenzie umanitarie e della società civile, per realizzare " meccanismi permanenti "per rafforzare le capacità delle comunità, migliorare la loro resistenza agli shock, e prevenire queste situazioni si ripetano.

Croce Rossa spagnola ha raccolto circa quattro milioni di euro per alleviare la crisi alimentare nel Corno d'Africa, di gran lunga meno di 45 milioni ricevuta dal terremoto di Haiti, ha spiegato Antoni Bruel.

Fonte:EUROPA PRESS