67% Degli uomini con disfunzione erettile spagnoli affronta il problema senza il vostro partner

MADRID / EFE Lunedi 2013/12/08

67,2% degli spagnoli che soffrono di disfunzione erettile solo andare dal medico, senza la compagnia del vostro partner, per vedere questo problema, che lo rende più tranquillo e causa una perdita di fiducia in se stessi, l'autostima, e lo stress

Questi sono alcuni dei risultati dello studio sulla disfunzione erettile in Spagna, lavoro che è stato coordinato dal Associazione Spagnola di Andrologia, sessuale e Medicina della Riproduzione (ASESA) In collaborazione con Bayer.

La prevalenza di disfunzione erettile in Spagna è del 18,9 per cento tra gli uomini di età compresa tra 25 e 70, e per la vitalità del problema è fondamentale il ruolo della coppia, che è una delle principali motivazioni per andare dal medico.

Ma, secondo l'associazione, gli uomini sono ancora riluttanti a condividere il problema e di coinvolgere partner nel processo di diagnosi e trattamento.

Secondo lo studio, la maggior parte degli uomini che soffrono di disfunzione erettile hanno un senso di colpa per non essere in grado di soddisfare il vostro partner.

Una situazione che li induce lo stress, e la perdita di fiducia in se stessi (valutato tra 5,2 e 6,3 il 7, a seconda delle comunità autonome), e li fa diventare generalmente più riservati.

Nella maggior parte dei casi, vengono solo per il medico di assistenza primaria del medico e, anche se la coppia sostiene di sottoporsi a trattamento, non è comune che ha incoraggiato.

ED è un segnale di allarme di malattie cardiovascolari e di altre patologie di tipo metabolico, diabete o ipercolesterolemia, quindi è considerato dai medici come "sentinella sintomo", come è stato dimostrato diversi studi.

Tra questi, pubblicato dal Dott Montorsi, il che dimostra che una maggioranza significativa degli individui con disfunzione erettile subire un evento cardiovascolare tra i due ei tre anni dopo la comparsa dei primi problemi di erezione.

Pertanto, gli esperti ricordano l'importanza di condurre una vita sana e che gli uomini vengono a rivedere dal 40.

La disfunzione erettile è "una malattia sottodiagnosticata e sottotrattato", secondo Dott.ssa Anna Puigvert Coordinatore del progetto, che ha esortato gli uomini a "smettere di considerarlo un argomento tabù ed essere consapevole del suo ruolo come marker di salute degli uomini".

Tuttavia, secondo Puigvert, i medici anche bisogno di mettere la loro parte, "in modo proattivo chiedendo difficoltà erettile" perché un uomo di solito prende una media di 1,7 anni di consultare il medico.