Insufficienza cardiaca congestizia. Aspettativa di vita

Il cuore umano è un importante organo del sistema cardiovascolare. Questo è l'organo, che è responsabile del pompaggio del sangue in tutte le parti del corpo. Tuttavia, ci sono molte condizioni che possono influenzare questo organo. Una condizione così grave è l'insufficienza cardiaca congestizia o "CHF". Questa è una condizione in cui il cuore non funziona correttamente e quindi non pompa abbastanza sangue ai vari organi del corpo. Questa è una condizione che può influenzare il cuore e se non viene trattato in tempo, può essere fatale. A causa della gravità di questa malattia, molte persone sono preoccupate del tasso di mortalità e dell'aspettativa di vita dell'insufficienza cardiaca congestizia.

Aspettativa di vita per i pazienti con CHF

Sfortunatamente, quando si tratta di del numero medio di anni, ci si aspetta che le persone diagnosticate con questa malattia cardiaca vivano, non esiste un lasso di tempo definito, che è stato documentato. Anche i medici che hanno avuto a che fare con pazienti affetti da questa condizione, sono favorevoli a dare un'idea di un periodo di tempo stabilito. Questo è vero per diversi motivi. Innanzitutto, il numero di anni rimanenti nella vita di un paziente con CHF dipende da molti fattori. Questi includono la gravità e lo stadio della malattia, così come il tipo di cura e trattamento fornito alla persona. Ci sono diverse fasi dell'ICC e se la condizione viene identificata dall'inizio, allora è più facile trattare la persona, rispetto a una persona che si trova nella fase finale.

Anche se non è possibile stabilire con precisione il numero La media degli anni che i pazienti possono aspettarsi di vivere, molte persone che soffrono di questo disturbo cardiaco vivono per molti anni. Tuttavia, circa sette persone su dieci muoiono a causa della malattia entro dieci anni dalla diagnosi. L'aspettativa di vita dipende dalla gravità dell'insufficienza cardiaca, ovvero la sua causa può essere corretta se viene applicato un determinato tipo di trattamento, nonché il tempo della sua somministrazione. Circa la metà della popolazione che ha sofferto di insufficienza cardiaca lieve vive per almeno dieci anni e quasi la metà di quelli con insufficienza cardiaca grave vive da almeno due anni. Sebbene l'aspettativa di vita di un paziente sia sostanzialmente migliorata con il trattamento, nel tempo, per una persona con insufficienza cardiaca cronica, la qualità della vita peggiorerà per lo più. Le opzioni di trattamento per una persona possono anche essere limitate a poco a poco nel tempo. Questo è il motivo per cui la prognosi di CHF negli anziani è relativamente scarsa. Tuttavia, alla fine, non si può dire nulla conclusivamente, dal momento che ci sono stati recenti studi definitivi che forniscono statistiche accurate su questo tema.

Dal momento che la prognosi dopo l'arresto cardiaco è molto povera, si osserva che circa il 50% dei pazienti con sintomi gravi può soccombere alla malattia in soli 12 mesi. Tuttavia, hanno meno complicanze e dal 40 al 50% dei pazienti sopravvivono da un massimo di quattro a sei anni. Oltre alla funzione ventricolare sinistra, il fattore chiave, come i marcatori degli squilibri elettrolitici (basso contenuto di sodio nel sangue), l'aumento dei livelli di ormoni plasmatici e della malattia coronarica, porta anche a una migliore la prognosi. Tuttavia, un trattamento avanzato per controllare l'ipertensione e farmaci efficaci che rafforzano i muscoli del cuore hanno ridotto significativamente il tasso di mortalità. In alcuni casi, un paziente può essere sottoposto ad un intervento chirurgico, come chirurgia dei trapianti, l'inserimento di un pacemaker, chirurgia di bypass coronarico, riparazione della valvola e il cuore terapia di resincronizzazione cardiaca. In aggiunta a questo, certo stile di vita raccomandato ed esercitazioni periodiche, cambia abbastanza resto, la perdita di peso, consumando meno sale, smettere di fumare e alcol può anche aiutare i pazienti a vivere più a lungo. In questo modo, il paziente può anche vivere più a lungo se risponde bene al trattamento e prende le misure necessarie per trattare e gestire adeguatamente la malattia.

Come accennato in precedenza, la maggior parte dei medici afferma che è meglio non fidarsi delle relazioni sull'aspettativa di vita per le persone a cui viene diagnosticata questa condizione. Per essere sinceri, bisogna capire che questo concetto è di per sé molto frainteso. È così, perché alla fine si calcola il numero di anni o il periodo di tempo, che si prevede che il paziente viva secondo alcuni studi relativi ad alcuni casi. Pertanto, potrebbe esserci il caso di una persona deceduta immediatamente dopo l'intervento chirurgico di bypass e potrebbe esserci anche il caso di una persona che è venuta a vivere per altri cinquanta anni. Pertanto, in realtà, il termine dice molto poco sulla prognosi attuale e sulle possibilità future e sulle complicanze sistemiche che possono verificarsi in relazione a questa condizione. Pertanto, è meglio non scoraggiarsi, o essere troppo ottimisti quando si guardano le statistiche, e invece cercare di ottenere il miglior trattamento possibile e lasciare il resto nelle mani di Dio.