Il crampi dopo IUI

Il crampi dopo IUI

---

Per le donne che non riescono a concepire, nonostante gli sforzi rilevanti, soluzioni di fertilità come l'inseminazione intrauterina (IUI), senza dubbio forniscono una ragione per sperare. L'inseminazione intrauterina è un semplice trattamento di fertilità, che viene utilizzato per facilitare il concepimento. Sotto questa procedura, il campione di sperma della coppia o di un donatore viene lavato e gli spermatozoi di migliore qualità vengono depositati nell'utero attraverso un catetere. Questa procedura dovrebbe essere eseguita quando una donna sta ovulando. La consegna di sperma in questo momento aiuta a facilitare la fecondazione dell'uovo da parte dello sperma. Il metodo dell'inseminazione artificiale è generalmente utilizzato in combinazione con la terapia farmacologica. Le donne che hanno subito questo metodo di concepimento assistito spesso si lamentano di avere avuto crampi uterini. In questo articolo andremo a scoprire perché queste donne possono avvertire crampi dopo questa procedura.

Quali sono le cause crampi dopo l'IUI?

E 'normale sentirsi crampi dopo aver subito l'inseminazione intrauterina? L'IUI è una delle forme più semplici di inseminazione artificiale e si ritiene che sia la meno rischiosa. Tuttavia, la maggior parte delle donne che hanno subito questa procedura sperimentano alcuni effetti collaterali. La colica è uno degli effetti collaterali più comuni che possono verificarsi durante o dopo l'IUI. Come accennato in precedenza, l'introduzione dello sperma nell'utero viene misurata in modo tale da coincidere con il processo di ovulazione. Non è raro che le donne sperimentino crampi durante l'ovulazione. Pertanto, contrazioni uterine e crampi che si possono riscontrare, infatti, possono essere ovulazione, che presto placarsi.

Come menzionato sopra, il liquido seminale è non introdotto direttamente nell'utero della donna. Il liquido seminale deve essere trattato e il campione di sperma deve avere un punteggio elevato in termini di quantità di sperma e motilità. Se il campione viene prelevato da una banca del seme, è necessario fare attenzione per garantire che il donatore di sperma non soffra di alcuna malattia grave. È necessario lavare il campione del liquido seminale e separare gli elementi dello sperma mobile desiderato. Il campione deve essere lavato dai batteri, dalle cellule del pus e le prostaglandine devono essere rimosse. Le prostaglandine sono sostanze chimiche che inducono contrazioni uterine durante le mestruazioni e anche contrazioni uterine durante il travaglio. Pertanto, è naturale che le donne esperienza crampi, se queste sostanze chimiche sono ancora presenti nel campione di sperma.

Mentre alcune donne possono avvertire crampi lievi, alcuni possono anche sperimentare crampi uterina dopo IUI. Il disagio o il dolore che le donne possono provare possono essere attribuiti all'inserimento di uno strumento chirurgico chiamato speculum. Lo scopo di introdurre lo speculum è quello di creare uno spazio per l'inserimento del catetere. È attraverso questo piccolo tubo che il campione dello sperma preparato viene introdotto nell'utero. Bisogna fare attenzione quando si inserisce il catetere nell'utero attraverso la cervice. Evitare lesioni alla cervice. Gli studi hanno rivelato che i crampi causati dall'IUI non rappresentano una seria preoccupazione, tuttavia i medici devono assicurarsi che vengano prese tutte le misure possibili, preparando il campione e È depositato nell'utero.

Il modo di trattare i crampi uterini

I crampi uterini che possono verificarsi dopo l'inseminazione intrauterina non durano a lungo e di solito si risolvono da soli. Tuttavia, i medici possono raccomandare l'uso di antidolorifici nelle donne che avvertono una grande quantità di disagio a causa di crampi molto forti. Se si verificano tali sintomi, ciò che è necessario fare è rispettare le linee guida fornite dai medici. Devi fare una pausa almeno un paio d'ore dopo la procedura. Si può prendere analgesici per alleviare il dolore o il disagio. Sarebbe meglio astenersi da attività faticose per qualche tempo. Le misure precauzionali che sono seguite da ogni donna che sta cercando di concepire, dovrebbero essere seguite anche da donne che sono state sottoposte a inseminazione artificiale. I crampi che si possono verificare possono anche essere causati da altri motivi. A volte i crampi o il disagio addominale possono anche derivare dall'uso di farmaci per la fertilità. In generale, i farmaci per la fertilità come Clomid o Serophene sono prescritti per indurre l'ovulazione o per promuovere la produzione di ovuli. Alcune donne, tuttavia, possono avere una reazione avversa ai farmaci e possono sviluppare una condizione nota come sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS). In queste circostanze, le ovaie possono essere estremamente sensibili e gonfie. Possono persino perdere liquidi nell'addome. Pertanto, è essenziale avvertire di episodi ricorrenti di dolore o di qualsiasi altro sintomo fastidioso.

Non è raro che le donne soffrano di crampi lievi. Tuttavia, solo in casi eccezionali, è questo quando può davvero rappresentare seri rischi per la salute. I crampi lievi che si verificano dopo l'inseminazione intrauterina sono vissuti dalla maggior parte delle donne, e questi di solito si risolvono da soli o possono scomparire con l'aiuto di analgesici. Tuttavia, le donne che stanno vivendo contrazioni uterine gravi o persistenti dovrebbero cercare immediatamente un aiuto medico. Un controllo medico adeguato può aiutare i medici a determinare la causa alla base dei crampi e aiutarli a decidere il miglior corso di trattamento.