Epatite C: la grande sfida sono i nascosti pazienti.

Madrid / EFE / H.Fernández / A.M.Belinchón Sabato 2017/01/04

Epatite C è insieme con l'alcool, la principale causa di cirrosi e carcinoma epatocellulare. L'adozione nel 2015 di un Piano Nazionale per finanziare nuovi farmaci dal Sistema Sanitario Nazionale ha segnato un prima e dopo per le persone colpite, ma ci sono ancora sfide da raggiungere. EFEsalud parlare con un medico e un paziente per analizzare la situazione attuale della malattia

Altre notizie

  • Più di 65.000 pazienti con epatite C sono stati trattati con i nuovi farmaci
  • Epatite C: approccio multidisciplinare, centrato sul paziente

Epatite C è una malattia del fegato causata da un virus che trasporta lo stesso nome, noto con l'acronimo HCV Nella maggior parte dei casi questa infezione diventa cronica, il fegato si infiamma e si può verificare La fibrosi Il che è un accumulo di tessuto cicatriziale a causa di morte delle cellule dell'infiammazione e del fegato.

La continuazione di questo fibrosi epatica è cirrosi Che produce un ulteriore indurimento del fegato. Nei casi più gravi c'è il rischio che anche un appare. carcinoma epatico.

Nel mondo ci sono tra i 130 ei 150 milioni di persone con infezione cronica da questo virus e circa 700.000 persone muoiono ogni anno per malattie del fegato correlata all'epatite C, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

In Spagna, secondo un rapporto condotto congiuntamente dalla Associazione Spagnola per lo Studio del Fegato e tre società di medicina di famiglia, si stima che dal 2012 ci sono stati quattro.789 decessi annuali, vale a dire 13 morti al giorno, che mette HCV come la principale causa di mortalità infettiva.

I tre percorsi principali di infezione sono legati al sangue

  • Prima che il virus dell'epatite C, un'importante via di trasmissione sono stati scoperti trasfusioni di sangue da donatori infetti.
  • Il secondo gruppo di rischio sono tossicodipendenti condivisione di aghi parenterale o materiale ausiliario per iniezioni.
  • Il terzo modo è attraverso il sesso senza preservativo non sicuri o rottura dello stesso, con particolare attenzione per gli uomini che hanno rapporti sessuali con gli uomini.

La diagnosi di epatite C, un colpo

Anche se la maggior parte dei pazienti con infezione cronica senza malattia epatica avanzata non hanno sintomi, la verità è che non è sempre il caso.

"A volte l'infezione acuta può presentarsi con sintomi, ma è raro. L'infezione cronica può causare affaticamento (sensazione di stanchezza) in alcuni pazienti anche se c'è ancora danni al fegato, e, talvolta, possono avere alcune manifestazioni extraepatiche ", dice Agustín Albillos, esperto della Società Spagnola di Patologia Digestiva (GEPD), che ha attraversato microfoni "il bisturi".

La diagnosi è quando un sangue di routine testare il medico livelli oggettivi transaminasi (enzimi epatici), e se c'è un aumento è necessario effettuare adeguate prove di laboratorio per escludere che si tratta di un VHP epatite cronica.

"Ora ci sono molto efficaci e sicuri per combattere questa infezione trattamenti vengono a un'altra situazione in cui cerchiamo attivamente i gruppi a rischio di infezione, anche se hanno elevato transaminasi", dice Albillos, direttore di Gastroenterologia ed Epatologia Ospedale Ramón y Cajal di Madrid.

"La grande sfida è quella di trovare il pazienti nascosti perché l'interessata non sanno di avere l'epatite C, non si conosce la malattia e che significa che possono diffondere l'infezione per ignoranza ", spiega Jesús Fargas Prieto, colpiti e presidente dell'Associazione Nazionale per la Difesa e Supporto di persone affette da epatite C (ANDAAHC ).

Fargas ricorda come era il tempo in cui è stato diagnosticato nel 1996: "Dopo una spiegazione precedente di hepatógo, si rende conto della gravità della malattia, che è contagiosa, asintomatico e con una vita molto lunga: la fase acuta , cirrosi cronica allora, "dice nel" Scalpel".

Da quel momento, dice, "l'impatto è duro, non solo come paziente, ma in ambito familiare, sociale e lavorativo, e si sente una sorta di stigmatizzazione a questo proposito. "

A questo proposito, le associazioni di pazienti esercitano molto importante per accompagnare gli altri e rendere visibile e mettere la malattia in carta agenda politica e sociale.

"La società capisce che si tratta di una malattia grave e percepito in questo modo," Valora Jesús Fargas.

Piano Strategico Nazionale: il finanziamento di nuovi farmaci

Il piano strategico per affrontare l'epatite C nel Sistema Sanitario Nazionale è stato lanciato nel mese di aprile 2015 per finanziare nuovi farmaci contro questa malattia e facilitare l'accesso ad essi a tutti i pazienti che hanno una prescrizione.

In precedenza, i trattamenti sono basati su interferone Una proteina prodotta dal sistema immunitario stesso a combattere gli agenti patogeni come virus o cellule tumorali.

Questi farmaci devono essere somministrati per lunghi periodi di tempo, a volte uno o due anni, hanno avuto molti effetti negativi e sono stati inefficaci.

Attualmente utilizzato azione diretta antivirale. o terapie interferone gratuiti che combinano vari agenti.

"Nei momenti migliori dei trattamenti di interferone potremmo realizzare una cura 50% degli individui ora trattare l'infezione con tali farmaci efficaci che consentano di raggiungere curare il 95% dei pazienti. Inoltre, data per un periodo medio di 12 settimane, a volte solo il farmaco ha un compresso e praticamente senza effetti negativi ", ha detto Agustín Albillos.

Per quanto riguarda la malattie epatiche Lesioni nel fegato rimangono anche se l'infezione è stata eliminata, da qui l'importanza di un trattamento precoce.

Come indicato dal Dr. Albillos, il prezzo dei nuovi farmaci è così alta che ostacola il suo utilizzo diffuso all'interno del Sistema Sanitario Nazionale.

"Quando il governo prevede questo piano strategico che essere trattati stime della popolazione, negozia con le aziende farmaceutiche con un prezzo più basso e quindi può essere utilizzato in maniera massiccia farmaci antivirali per eliminare l'infezione. sia istituito un sistema di dare la priorità pazienti e trattare prima quelli che, oltre a infezione cronica VHP hanno avanzato malattie del fegato, e questo ci ha messo davanti a molti paesi vicini nel trattamento dell'epatite C " apprezza questo medico.

Per il presidente della ANDAAHC, la massima che tutti i pazienti sono guarigione e c'è un arsenale terapeutico che elimina viremia e, quindi, siamo in fase di curare tutti con diagnosi di epatite C.

A suo avviso, il governo interviene salute certamente influenzato negativamente, ma apprezza questo piano strategico, in quanto rappresenta un punto di svolta nella lotta contro la malattia.