Cancro ricercatori chiedono più fondi e meno burocrazia

madrid editoriale / Efe / Salute Venerdì 2017/04/21

cancro ricercatori hanno affermato in un giorno per celebrare la Giornata dell'Innovazione in Cancro ha continuato e il sostegno finanziario costante nella lotta contro questa malattia, più risorse per la formazione e un maggiore sforzo per accedere ai fondi europei

Altre notizie

  • "Eccellente": una collezione artistica della scientifica
  • 15 scienziati riflettere sul presente e il futuro della scienza

Queste affermazioni sono state sollevate in occasione della Giornata dell'Innovazione in Cancro, che si tiene questa settimana presso l'Accademia Reale di Medicina (ANPR), dove i principali agenti della ricerca sul cancro analizzati e discussi le difficoltà, le esigenze e punti di forza di questa linea scientifica.

La conferenza è stata organizzata congiuntamente dalla Associazione Spagnola di cancro Ricercatori (ASEICA); Società Spagnola di Oncologia Medica (SEOM) e RANM.

Dr. Carlos Camps, presidente della ASEICA, ha evidenziato i progressi compiuti negli ultimi anni, ma ha chiesto maggiori finanziamenti: "E 'necessario che la comunità scientifica rivendica la necessità di migliorare il finanziamento, perché siamo simili a quelle di figure di dieci anni fa" .

"Un aumento annuo del 4,5% dovrebbe avvenire in tutte le tasche annuali fino al 2026 in modo che possiamo recuperare il livello di investimenti pre-crisi", ha aggiunto.

Egli ha anche paragonato la situazione di altri paesi vicini: "In Germania, Francia e Italia, le grandi imprese sono in esecuzione circa l'80% degli investimenti in R + D + i, mentre la Spagna sono le piccole e medie imprese e del sistema pubblico, che supporta il maggior peso.Questo scenario deve essere invertita in modo che possiamo cominciare a equiparare verso l'UE".

presidente SEOM, Dr. Miguel Martín, ha optato con urgenza da una legge Patronato che "incoraggia le donazioni private, comprese le donazioni per la ricerca sul cancro."

"Allo stato attuale non ci sono incentivi fiscali ragionevoli per tali donazioni, anche se possono colmare le lacune che la gestione non possono affrontare e quindi liberarlo da investimenti che beneficiano i cittadini", ha detto.

Qualità come una sfida per raggiungere è l'aspetto in cui il dottor Eduardo Diaz-Rubio, vice presidente della RANM messo l'accento: "L'innovazione come comprendono clinica non solo e la ricerca applicata, ma la pratica clinica e la formazione".

Tra le conclusioni della giornata, hanno incluso la necessità di eliminare il divario tra la ricerca spagnola di scommesse europea su un sistema che incoraggia gli investimenti privati ​​per le grandi aziende e anche fissare una percentuale fissa del PIL destinata alla scienza.

Nella parte finale di questo evento, il dottor Bartolomé Beltrán ha condotto una discussione con i giornalisti in materia di salute "La Vanguardia", "El País", "Medical Journal", l'Agenzia SIC e l'Agenzia EFE, sulla percezione dei media informazioni per quanto riguarda la ricerca e la copertura del cancro.