Aceto per rilevare il cancro del collo dell'utero nei paesi in via di sviluppo

CHICAGO (USA) / EFE / ANA SOTERAS Domenica 02/06/2013

Usare l'aceto come strategia per lo screening efficace per individuare le cellule tumorali della cervice ha raggiunto in India ridotto di 31 morti per cento da questo tipo di tumore, uno dei più letali fra le donne nei paesi in via di sviluppo

Ciò si riflette in uno studio presentato oggi, Domenica, in occasione della sessione plenaria della riunione annuale 49a della American Society of Clinical Oncology (ASCO), che si tiene fino al 4 giugno a Chicago.

L'autore principale dello studio è la Il dottor Surendra Srinivas Shastri, un oncologo al Memorial Hospital Tata a Mumbai In India.

La prova viene eseguita applicando un aceto tampone di cotone nella cervice. Dopo un minuto, la cervice viene esaminato visivamente utilizzando una lampada. Se il tessuto diventa bianco è un sintomo di cellule maligne o pre-maligne, mentre se il tessuto uterino è sano non si verifica alcun cambiamento di colore.

I ricercatori stimano che questa strategia potrebbe prevenire 22.000 morti per cancro del collo dell'utero ogni anno in India e circa 73.000 nei paesi poveri di risorse in tutto il mondo in cui non v'è una pratica standard del metodo di citologia della diagnosi precoce del virus papillomavirus umano, una delle cause del cancro del collo dell'utero.

"Ci auguriamo che i risultati hanno un profondo effetto nel ridurre il cancro cervicale in India e in tutto il mondo," ha confidato lo specialista indiano.

La semplicità del test ha il coraggio di essere implementato su larga scala in tutti i paesi in via di sviluppo e quindi prevenire la morte da cancro del collo dell'utero.

Il ricercatore ha spiegato che, attraverso personale appositamente formato, è formeranno la mujere s, in particolare in quelle aree rurali dove non personale medico, in modo che siano responsabili per lo svolgimento di questo semplice test.

"Stiamo già lavorando con le autorità nazionali per la salute in India per svolgere questa strategia di screening e di formare ed educare le donne in tutto il paese", ha detto Surendra Srinivas Shastri.

Lo studio randomizzato è stato condotto tra 150.000 donne nello stato del Maharashtra per un periodo di 15 anni.

Il donne di età compresa 35-64 Senza storia di cancro sono stati assegnati in modo casuale alla prova di aceto (75,360 donne), mentre gli altri non sono stati sottoposti allo screening (76,178 donne), che è l'attuale standard come in India la citologia come test di prevenzione non è impostato.

L'incidenza di cancro cervicale invasivo era paragonabile nei due gruppi (26,7 per 100.000 nel gruppo screening e 27,5 per 100.000 nel gruppo di controllo).

Cancro test di screening nell'aceto permesso il 31 per cento di riduzione della mortalità per collo specifico cancro uterino.

Nei paesi sviluppati, l'individuazione di cellule pre-cancerose e cancerose da Papanicolaou (Pap) ha ridotto morte per cancro cervicale del 80 per cento.

Nel corso della sessione plenaria del Congresso ASCO, che riunisce più di 30.000 specialisti di cancro di tutto il mondo, ha anche dimostrato uno studio randomizzato di fase III nel Regno Unito mostra che una donna che ha preso tamoxifene per dieci anni dopo trattamento per il cancro primario è il 25 per cento meno probabilità di tasso di recidiva e di morte.

Questa conclusione si ottiene dopo il confronto con quelle donne che hanno assunto tamoxifene per cinque anni, come attualmente raccomandato.

Letture Consigliate