80% Degli spagnoli che viaggiano in paesi con la salute rischia di non vaccinati

Di dieci spagnoli che visitano paesi in cui si ritiene che non vi siano rischi per la salute otto non sono protetti adeguatamente con la raccomandata ogni vaccino, come dichiarato dal direttore generale della sanità pubblica e la salute degli Esteri, Carmen Amela, in l'apertura della campagna di 'salute viaggia anche 2011'.

Nel nostro paese ci sono attualmente 84 centri di vaccinazione internazionali che mirano a fornire informazioni la vaccinazione individualizzata e consulenza a tutti coloro che intendono viaggiare all'estero e nel 2010 ha ricevuto 191,087 cittadini.

Amela avverte, tuttavia, che i viaggiatori serviti rappresentano solo il 20% di tutti coloro che viaggiano a rischio i paesi, senza contare coloro che utilizzano Internet per raccogliere informazioni, una formula che viene utilizzato sempre di più.

L'esperto ha spiegato che ciò che dovrebbe essere fatto è presentarsi presso uno di questi centri, almeno un mese e mezzo prima del viaggio, o informarsi via telefono 901 400 100, per accertare lo stato di salute del paese da visitare e anche conoscere le misure preventive che devono essere prese. E 'importante notare che alcuni vaccini o trattamenti non sono efficaci fino a diversi giorni o addirittura settimane, da qui la necessità di visitare i centri in anticipo.

Nel 2010 questi centri amministrati 312,443 vaccinazioni in totale; di cui il più frequente impedivano la febbre gialla (72.107), seguita da tifo (57.967), epatite A (54.285) e tetano-difterite (29.599).

Per prevenire la malaria, una malattia tropicale altamente prevalente per i quali non esiste un vaccino è attualmente disponibile, 100,417 farmaci antimalarici sono stati prescritti.

Se sei in viaggio, è sempre meglio prevenire

Gli esperti di questi centri, consigliano anche i viaggiatori sui migliori misure preventive per evitare i problemi associati con cibi e bevande, quelli relativi all'igiene personale o rischi di contrarre malattie a trasmissione sessuale, o la cura dovrebbe pagare l'ambiente (insetti, sole, altitudine ...), tenendo conto anche delle caratteristiche personali del viaggiatore, come l'età e il sesso, se si dispone di una malattia, vaccini ricevuto; e altri fattori inerenti viaggi la sua durata, posti da visitare, mezzi di trasporto utilizzati, e il periodo dell'anno in cui il cambiamento avverrà.

In generale, come dice Amela, è facile raccomandazioni da seguire come lavarsi le mani frequentemente e sempre prima di mangiare o dopo aver usato la toilette, non mangiare frutta o verdufras greggi che non sono stati sbucciati da noi stessi, senza cibo crudo, senza bevande con ghiaccio, e utilizzare l'acqua in bottiglia anche per lavarsi i denti. L'esperto avverte che è meglio prendere queste precauzioni su qualsiasi viaggio, perché, anche se alcuni paesi possono sembrare sicuri rischi, sempre correre.

Un'altra raccomandazione del direttore generale della sanità pubblica è che se il viaggio di ritorno qualsiasi disturbo o sintomo della malattia soffre, è necessario mettere in guardia i medici che recentemente ha viaggiato all'estero, perché queste informazioni li aiuterà a diagnosticare e trattare patologia.

Fonte:EUROPA PRESS