Infezione addominale

cavità addominale Il corpo umano si trova tra la cavità toracica e la regione pelvica. All'interno della cavità addominale, ci sono diversi organi vitali come lo stomaco, il fegato, la milza, la cistifellea, il pancreas, l'intestino tenue e l'intestino crasso. Questi organi svolgono un ruolo fondamentale nella disgregazione degli alimenti che vengono ingeriti e aiutano nell'assimilazione dei nutrienti. Se uno qualsiasi degli organi è esposto a patogeni o è danneggiato a causa di un trauma, uno diventa suscettibile a un'infezione addominale. Qui di seguito sono alcune delle condizioni mediche che possono causare un'infezione nella regione addominale.

provoca un'infezione nell'addome

peritonite riferisce a infiammazione del peritoneo o il rivestimento della parete addominale. Questa membrana copre anche i visceri o gli organi interni situati all'interno della cavità addominale. L'infiammazione può essere il risultato di infezioni batteriche, virali o parassitarie. Diverse condizioni mediche possono renderti suscettibile alla peritonite. Questi includono gastrite, ulcere gastriche, cistifellea infiammata o perforazione nell'intestino. La gastrite si riferisce all'infiammazione della mucosa dello stomaco. Ciò si verifica quando lo stomaco viene infettato da batteri, virus, funghi o parassiti. Il consumo di cibo o acqua contaminati è una delle cause più comuni di batteri, parassiti o un'infezione virale dello stomaco. Ulcere allo stomaco, d'altra parte, sono principalmente attribuite ad una crescita anormale di un batterio chiamato Helicobacter pylori . L'uso prolungato di alcuni farmaci può anche rendere vulnerabile lo sviluppo di ulcere. Una perforazione o un trauma all'addome può anche causare la rottura della pelle e questo può dare agli agenti patogeni un'opportunità di entrare nel corpo. Se gli strumenti chirurgici non sono stati sterilizzati, si può soffrire di un'infezione del sangue dopo l'intervento. Questo è il motivo per cui i chirurghi devono prendere tutte le precauzioni possibili prima di incisioni addominali fatte durante l'intervento chirurgico.

Il pancreas, cistifellea, fegato e milza anche posso prendere fuoco a causa di una vasta gamma di motivi. L'infiammazione della cistifellea è solitamente causata dalla formazione di sostanze indurite come i depositi di pietra che si formano a causa della cristallizzazione di colesterolo o pigmenti biliari. Questa condizione è attribuita principalmente al consumo di alimenti ricchi di colesterolo. La formazione di calcoli biliari può influenzare il rilascio di bile e influire negativamente sul processo digestivo. Può anche rendere uno suscettibile alla peritonite. Condizioni intestinali infiammatorie come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn possono aumentare il rischio di perforazione intestinale. Un buco nell'intestino può causare la perdita di detriti, che a sua volta può infettare l'addome. L'infiammazione dell'appendice o un diverticolo rotto possono anche portare alla formazione di ascessi intra-addominali. Un ascesso intra-addominale è una cavità infetta piena di pus o un fluido infetto all'interno dell'addome. Mentre il dolore addominale è uno dei sintomi più comuni di un'infezione nell'addome, si può anche sperimentare gonfiore, nausea, vomito, diarrea, problemi intestinali, gonfiore, debolezza, febbre, brividi o la mancanza di appetito. Se l'infezione non viene trattata precocemente, si può affrontare una situazione potenzialmente letale a causa di sepsi o shock settico.

Trattamento di un'infezione nell'addome

Un esame del sangue completo e le emocolture insieme a procedure di imaging come radiografia, ecografia o TAC vengono di solito eseguite per identificare la causa sottostante di un addome infetto. Se i test rivelano un accumulo di fluido nella cavità peritoneale, il fluido verrebbe testato per identificare il patogeno responsabile della causa dell'infezione. Se è stata rilevata la presenza di batteri, il trattamento antibiotico deve essere iniziato immediatamente. Gli antibiotici vengono somministrati prima dell'intervento e dovresti continuare a prenderli anche dopo l'intervento. Se le condizioni del paziente peggiorano, lui / lei potrebbe dover essere ricoverato in ospedale, e antibiotici o altri farmaci vengono somministrati per via endovenosa al fine di uccidere i batteri o altri agenti patogeni e impedire loro di crescere ulteriormente.

La somministrazione di antibiotici riduce il rischio di un'infezione nell'addome dopo l'intervento chirurgico. Se il pus o il fluido si sono accumulati nella cavità addominale, sarebbe necessario il debridement. Il debridement si riferisce alla rimozione di liquidi infetti o tessuti morti dalla cavità peritoneale. Anche la cavità addominale arrossisce con detergenti antibatterici. Può anche essere necessaria la somministrazione endovenosa di liquidi. I farmaci vengono somministrati in base ai sintomi esibiti dal paziente. Se si soffre di difficoltà respiratoria a causa di infezione, sarebbe necessaria la ventilazione meccanica. Un addome infetto può essere causato da una vasta gamma di motivi, è importante che la causa sia identificata e trattata il più presto possibile, per evitare il fallimento di un organo, e l'intervento chirurgico sarebbe necessario nei casi più gravi.

In assenza di Un trattamento tempestivo, un ascesso intra-addominale o un'infezione nell'addome possono anche portare ad avvelenamento del sangue o insufficienza d'organo. Pertanto, è essenziale che una persona che soffre dei sintomi di cui sopra, fare immediatamente un controllo medico completo. Il trattamento precoce potrebbe aiutare a prevenire l'insufficienza d'organo e aiutare a riprendersi da un'infezione