Alonso (OMS): "Ci dovrebbe essere zero morti per malaria se la prevenzione raggiungere la popolazione vulnerabile"

MADRID / EFE / ANA SOTERAS Lunedi 2017/04/24

Se gli strumenti di prevenzione contro la malaria (come zanzariere impregnate di insetticidi o getti di case) ha raggiunto tutta la popolazione vulnerabile in Africa sub-sahariana, oltre all'accesso alla diagnosi, "dovrebbe avere zero incidenti mortali e una gran parte dei 200 milioni sarebbero evitati casi annui ", ha dichiarato Pedro Alonso, direttore del programma globale malaria dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS)

Altre notizie

  • Pedro Alonso: "la malaria non sarà sradicata entro 15 anni",
  • Bassat: Solo il 15% dei bambini africani affetti da malaria ricevere informazioni adeguate
  • trattamento.

Pertanto, in occasione della Giornata Mondiale La malaria Per essere domani terrà, che vuole "colmare il divario" nella prevenzione e mettere più attenzione sul presente senza dimenticare il futuro di una malattia curabile che uccide più di 400.000 persone ogni anno, oltre il 90% in Africa.

"Siamo preoccupati che stiamo mettendo troppo la visione a medio e lungo termine, i progressi verso l'eliminazione della malaria, e stiamo dimenticando il qui e ora. Mentre parliamo del futuro, nei prossimi due minuti ci sarà una persona in più è morta di malaria, "dice in un colloquio telefonico con EFE dalla sede centrale dell'OMS a Ginevra.

Ed è che il 43% delle persone a rischio di malaria in Africa sub-sahariana non hanno zanzariere impregnate di insetticida che protegge la zanzara anofele, che trasmette la malaria parassita, mentre il 63% dei casi clinici sono non diagnosticata, o trattati, come in Pedro Alonso.

"Non abbiamo abbastanza risorse per ridurre tale divario, ma non è solo un problema finanziario anche i sistemi sanitari inadeguati e un problema di disuguaglianza", dice lo scienziato spagnolo.

Un vaccino storico

Più promettente dimostrato con il primo e unico vaccino preventivo approvato dall'Agenzia europea per i medicinali, il vaccino RTS, chiamato Mosquirix e sviluppato da GlaxoSmithKline, che sarà attuato nel 2018 in un programma pilota con più di 700.000 bambini in Kenya, Ghana e Malawi.

"E 'un passo da gigante, il sogno d'oro degli ultimi cento anni, ma è ancora un vaccino imperfetta perché ridurrà di almeno il 30% la mortalità e la riduzione di quasi il 40% nei casi clinici. Vorremmo raggiungere l'80%, ma non siamo ancora arrivati ​​", il rappresentante dell'OMS.

La riduzione del numero di morti e nuove infezioni si verifica in persone che sono già protetti da zanzariere e avere accesso a diagnosi e il trattamento, il vaccino aggiunge un altro 40% di protezione.

"Pertanto, non è una panacea, ma è abbastanza buono, aggiunge valore alle misure già conoscono", ha detto Alonso, Premio Principe delle Asturie per la Cooperazione Internazionale 2008.

OMS si è ritenuto opportuno iniziare con le applicazioni ancora limitato perché devi finire risolvere i problemi come la difficoltà di un vaccino che richiede quattro dosi, l'ultimo dei 18 mesi più tardi.

In questo programma pilota anche "in grado di risolvere il rischio di qualche meningite che a nostro avviso è stato illegittimo, ma abbiamo bisogno di confermare e anche l'impatto sulla riduzione dei decessi da questo vaccino, che non poteva essere visto in sviluppo clinico, ma ora possiamo documento ".

Un vaccino che ha preso 30 anni per raggiungere e che lascia dietro di sé altri progetti che non hanno ancora avanzato la sufficiente."Mentre alcuni ricercatori, e capire, canta vittoria seguenti risultati preliminari sono ancora molto precoce", ha detto l'esperto.

"Ma noi continuiamo a incoraggiare la ricerca lì, aggiunge, ma stime dell'OMS è che ora non abbiamo niente di nuovo all'orizzonte che potrebbero giocare un ruolo nel almeno i prossimi cinque anni."

Malaria via dall'America Latina

A differenza di Africa, in America Latina il quadro è più incoraggiante sulla malaria, tranne che per il Venezuela "dove si è registrato un netto aumento dei casi nel corso degli ultimi tre anni", ha detto il rappresentante dell'OMS.

In paesi come il Perù, Ecuador e Colombia ha ridotto l'incidenza presenta un ritmo più lento, mentre l'Argentina e Paraguay si avvicinano l'eliminazione della malaria, come è successo un anno fa con la regione europea in cui ha certificato l'assenza di casi nativo.

Inoltre, il Plasmodium vivax, il tipo di parassita della malaria più diffusa in America Latina, la morte anche se ha causato, "non è molto diffusa oggi, abbiamo gli strumenti per trattare e ci saranno nuovi farmaci per combatterlo." Ha detto medico spagnolo, Premio Principe delle Asturie per la cooperazione 2008.

"I paesi con casi di Plasmodium vivax - aggregazioni stanno ottenendo eliminare completamente la malaria. Resta una preoccupazione, ma non abbiamo segnale di allarme particolare".

finanziamento preoccupazione

Il contributo dei paesi sviluppati per incanalare questi corpi contributi come il Fondo globale per la lotta contro la malaria, AIDS e la tubercolosi, è in stallo. "Siamo in un momento molto delicato. Il prossimo anno vedrà non solo se non riusciamo ad aumentare il contributo internazionale, ma se si comincia a declinare. "

Secondo lo scienziato spagnolo, "siamo preoccupati per i segnali provenienti da alcuni dei principali donatori, sto parlando degli Stati Uniti che potrebbero essere riconsiderando diminuire il loro contributo".

"Siamo ancora in una fase liquida, ma le ultime notizie suggerisce che intenzione di mantenere gli impegni e gli sforzi degli Stati Uniti", ha qualifica.

"Ma la Spagna - señala-, che era un donatore molto importante, il cui contributo alla cooperazione internazionale è sceso a livelli estremamente bassi e nessun segno che recupererà di nuovo, con un contributo di 0,12% del PIL" .

Ha riconosciuto, tuttavia, che "la Spagna è rimasta umilmente quantitativamente ma qualitativamente importante" nel loro sostegno, ad esempio, il Centro per la ricerca sulla salute in Mozambico, lavorando sulla malaria, AIDS e la tubercolosi, la Istituto per la salute globale di Barcellona o stessa OMS.

Essa invita inoltre i paesi interessati, alcuni dei quali in Africa e Sud-Est asiatico stanno crescendo a ritmi economici significativi, ad assumere un maggiore contributo e aumentare i budget stanziati per chi soffre di malattia e, quindi, "incoraggiare il resto donatori internazionali a proseguire i loro sforzi ".

Una lotta che ha portato strategia dell'OMS 2016-2030 che prevede sradicare la malaria in 35 paesi e ridurre l'incidenza del 90% alla fine di tale periodo.