Ebola nel 2017: A che punto è?

Madrid / EFE / H.Fernández / A.M.Belinchón Mercoledì 2017/03/01

Il virus Ebola è stato identificato 40 anni fa e da allora ci sono stati diversi focolai; l'ultimo ha portato nel 2014 per l'epidemia di maggiore entità nella storia, tra le altre ragioni, perché non hanno mai avevano sviluppato un vaccino per prevenire la sua diffusione. Dai microfoni di "bisturi" discussi a che punto è l'ebola nel 2017 e progressi nella ricerca

Altre notizie

  • I virus e pandemie: Sei domande per l'umanità
  • Teresa Romero sconfigge ebola

Dopo due anni di essere l'obiettivo principale del programma dei media, il 9 giugno 2016 è stato perfezionato lo scorso epidemia di Ebola, lasciando un saldo di più di 11.300 morti Vicino a 30.000 persone infettate e migliaia di sopravvissuti in tutto il mondo.

Il primo focolaio è iniziato nel dicembre 2013, Guinea-Conakry e si diffonde per la Sierra Leone e la Liberia, ma l'allarme anche saltato in Occidente con la diffusione di operatori umanitari e del personale sanitario.

Su 7 agosto 2014 è venuto alla Spagna il primo paziente europeo, il missionario Miguel Pajares Che era stato trasferito dalla Liberia e morire cinque giorni dopo in Ospedale Carlos III di Madrid Il 25 settembre dello stesso anno anche morì di ebola un altro missionario, Manuel García Viejo Che erano stati rimpatriati dalla Sierra Leone.

Teresa Romero, Assistente infermiere, è diventato il primo infettato fuori dell'Africa dopo aver frequentato la seconda.Dopo 30 giorni inseriti nel III Hospital Carlos in trattamento con il farmaco e di plasma religiosa Paciencia Melgar Chi ha contratto la malattia in Liberia e battere il team di medici che hanno partecipato ha annunciato il suo congedo medico il 5 novembre 2014

Ebola nel 2017

"L'epidemia è sotto controllo e ora No catene di trasmissione negli esseri umani, per cui v'è un zoonosi Vale a dire, il virus probabilmente ancora in pipistrelli e primati, ma non qualsiasi recente salto per l'uomo ", dice José Ramón Arribas, specialista in malattie infettive e coordinatore del gruppo di alto livello di isolamento La Paz Carlos III.

Mentre ci sono virus che può cessare di esistere, come è successo con il vaiolo è praticamente debellata nel caso di Ebola potrebbe emergere un altro focolaio in caso di infezione di un animale prende un essere umano e anche se il virus poi trasmessi tra due persone.

Secondo l'esperto, non prestiamo attenzione a tali malattie come aggressivo fino a quando non infezioni si verificano in Ovest "Quando il virus Ebola ha cominciato a influenzare occidentale è stato quando ha lanciato molte azioni di controllo in situ L'Africa è molto vicino e tutti i paesi hanno bisogno di sapere che quando v'è un'epidemia di queste caratteristiche non può distogliere lo sguardo, perché se non egoisticamente alla fine li riguardano "dice durante un'intervista a" il bisturi".

progressi della medicina negli ultimi due anni

Il mondo è un posto molto piccolo se guardiamo dal punto di vista delle malattie infettive. Jose Ramon Arribas apprezza la recente crisi: "E 'stato un campanello d'allarme per indagare ulteriormente. Chiaramente c'è un prima e dopo l'ebola e una grande per essere meglio preparati quando succede di nuovo sforzo, "dice.

Hospital di La Paz-Carlos III

L'unità di isolamento ad alto livello Hospital Carlos III hanno partecipato tre casi di Ebola e aveva 14 pazienti nella ricerca durante l'ultima epidemia. E 'anche l'unità di febbri più emorragica ha servito in Europa, così è diventato un centro di riferimento.

Dr. Arribas ha detto che non vi era alcuna unità del suo genere in Spagna, quando ci fu la crisi di Ebola. "È unità biocontenimento progettati per soddisfare i primi casi di malattie infettive di alto rischio e progettati in modo che tutti i patogeni entrano nella camera non può lasciare," spiega.

Queste malattie sono chiamati alto rischio perché sono altamente contagiosa e hanno un sacco di mortalità, quindi è molto importante partecipare i primi casi per impedire loro di diffondersi al resto della popolazione.

Dopo l'esperienza con i pazienti con Ebola, l'unità è stato modernizzato: "Abbiamo due perfettamente attrezzato per garantire la sicurezza dei nostri lavoratori e il resto delle camere di popolazione", dice specialista in malattie infettive.

La Paz-Carlos III dispone anche di un laboratorio di in situ e il programma di formazione intensiva e la formazione del personale sanitario.

"Le crisi sono anche opportunità di andare avanti e di coscienza in tutti i servizi ospedalieri, se mai abbiamo bisogno di affrontare questi agenti patogeni è cambiata molto", dice José Ramón Arribas.

Il vaccino

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato il 23 dicembre che le prove con un vaccino per l'Ebola ha dato risultati molto positivi e che la procedura per il marketing saranno completati nel 2018.

Il vaccino VSV-ZEBOV, che è stato sviluppato dalla Agenzia canadese per la salute pubblica ed è prodotto da Merck US farmaceutica, è stato testato in 5.837 persone in Guinea Conakry.

I saggi sono stati eseguiti nella prima metà del 2015, quando l'epidemia aveva rifiutato un po ', anche se il virus Ebola mortale ancora in circolazione.

"Noi abbiamo un vaccino che potrebbe essere utile in una futura epidemia, fintanto che stiamo parlando dello stesso ceppo, la Zaire Questo è stato quello che ha prodotto l'ultimo focolaio di Ebola, ma altri prototipi in fase di sviluppo "analisi José Ramón Arribas, che ha partecipato parte dello studio di questo vaccino nei volontari sani per testare la sicurezza di La Paz-Carlos III.

Inoltre, l'ospedale, insieme a 12 ottobre e alcuni centri di ricerca Madrid, stanno lavorando per determinare la capacità neutralizzante di sieri di sopravvissuti e sintetizzare anticorpi monoclonali contro il virus che può essere utilizzato per la diagnosi e il trattamento.

Letture Consigliate