Mondiale senza tabacco da fiuto: uno ogni due persone a favore del divieto di fumare in auto private.

Madrid / efe / javier tovar Lunedi 29/05/2017

Sul Mondiale senza tabacco da fiuto, il 31 maggio, un sondaggio della Società Spagnola di Medicina di Famiglia e di Comunità (semFYC), nel quadro della settimana senza fumo sottolinea che uno ogni due persone è a favore del divieto fumo nei veicoli privati, valutando l'aumento dei prezzi, il rispetto della normativa, sugli effetti del consumo di droga e di trattamenti

Altre notizie

  • Decalogo contro il fumo
  • Licenza di uccidere: La lotta contro il fumo e l'industria pressioni

Un altro anno, la lotta attiva semFYC contro il fumo attraverso il XVIII Settimana senza fumo a "affrontare il problema sociale e sanitario del fumo dalla medicina di famiglia e centri di cure primarie", ha detto il presidente di questa Società scientifica, Salvador Tranche scommesse su "un approccio in continuità e longitudinality ad affrontare la realtà di un problema complesso".

In questa edizione del Survey della settimana senza fumo condotto annualmente dal semFYC, 9.045 persone hanno partecipato in tutta la Spagna, che offre una risposta su più fronti per affrontare il consumo di tabacco.

Quando è stato chiesto la misura più efficace per ridurre il consumo di tabacco, il 38% l'impegno per far avanzare il divieto di fumo; 33% difende l'aumento del prezzo del tabacco da fiuto; e 20% in finanza trattamenti farmacologici.

Dati di base del sondaggio

Non fumare in auto

Proprio quello che le misure di cui una limitazione dei margini di consumo di tabacco da fiuto della legalità, il 51,6% ritiene che il fumo dovrebbe essere vietato in auto private (almeno quando ci sono bambini) e il 65,9% dei voi intervistati sarebbe d'accordo di aumentare il prezzo e le tasse al tabacco da fiuto.

Per quanto riguarda il divieto di fumo nei veicoli privati, questa misura non è nuova nel mondo e in Inghilterra e Galles, Francia, Australia, Sud Africa e alcuni stati degli Stati Uniti, è già vietato il consumo di tabacco in veicoli privati ​​in presenza bambino ed è punibile con multe.

Aumento dei prezzi

"I dati mostrano che c'è una grande maggioranza dei cittadini, anche tra i fumatori, che favorirebbe il progresso nel limitare il fumo", afferma César Minuetto, coordinatore della settimana senza fumo.

Minuetto espone i dati che giustifichino ulteriori aumenti del prezzo del tabacco da fiuto nell'interesse di ridurre il fumo ", con un incremento del 10% del prezzo è legato a una diminuzione del consumo compresa tra il 4% (paesi ad alto reddito) e l'8% ( reddito medio e basso). Gli adolescenti possono essere di circa il 7% ", spiega il coordinatore della settimana senza fumo.

Ha incontrato la normativa?

Per quanto riguarda i vincoli giuridici stabiliti dal sistema spagnolo, l'ultima cambiamento significativo è stato realizzato con la cosiddetta legge anti-tabacco 2010- dicembre intervistati percepiscono un grado significativo di non conformità nella misura in cui il 36,6% non pensa rispetta le norme che vietano di fumare in terrazze completamente recintato di bar e ristoranti, che era uno degli aspetti più innovativi introdotti questa riforma giuridica.

Questa percezione del fallimento è più comune tra i non fumatori (42,6%) rispetto ai fumatori (23,9%).

Questi regolamenti destinati a ridurre i consumi e proteggere i fumatori passivi; Tuttavia, l'indagine rivela che la popolazione è ancora considerato esposto al fumo di tabacco ambientale sia a casa (13,4%), al lavoro anche se va ricordato che esiste un divieto esplicito di fumare nei workplaces- (5 , 2%), in auto (3,8%), nei bar e nei ristoranti (11,2%) e terrazze (45,8%).

Effetti del fumo

Oggi, il fumo rimane la principale causa di morbilità e mortalità prematura prevenibile in Spagna e nel mondo.

Espresso in cifre, e secondo gli ultimi dati del Ministero della Sanità, Servizi Sociali e l'uguaglianza, il consumo di tabacco ha causato fino a 52.000 morti ogni anno in Spagna tra il 2010 e il 2014.

La stragrande maggioranza di questi decessi si è verificato negli uomini e metà erano morti per cancro; Tuttavia, dal 2000, il numero di decessi attribuibili al tabacco da fiuto è in calo negli uomini e le donne in aumento. Per quanto riguarda le morti per cancro al polmone, 4 su 5 sono attribuibili al tabacco da fiuto.

A livello globale si stima che il tabacco da fiuto uccidere fino a metà dei suoi consumatori: uno su due fumatori morirà da un relativo al consumo di tabacco da fiuto della malattia.

Secondo recenti dati pubblicati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), più di 7 milioni di persone muoiono ogni anno consumano tabacco da fiuto per tabacco da fiuto.

In realtà, il tabacco da fiuto non riguarda solo chi accende la sigaretta, tra il 1500-3000 morti all'anno sono il risultato di esposizione al fumo di tabacco nei fumatori passivi in ​​Spagna; studi dell'Organizzazione Mondiale della Sanità indicano che i 7 milioni di morti, circa<890>.000 non fumatori esposti al fumo di tabacco ambientale sono.

Se continua l'attuale tendenza in prevalenza di fumatori, 2030 si prevede che la mortalità attribuibili al fumo in tutto il mondo potrebbe superare gli 8 milioni di persone all'anno, se le misure di controllo per contrastare non intensificare.

Oggi sappiamo che il tabacco da fiuto è legata a malattie multiple, "numerosi tipi di cancro, malattie cardiovascolari (infarto, ictus, aneurismi) o la disfunzione erettile, difetti funzione riproduttiva e anomalie congenite legate al fumo materno tra gli altri. Ma non solo, ogni volta che le prove mediche collega il consumo di tabacco, con più malattie di quanto si credesse non relative a questo. Ora sappiamo che ci sono malattie come il diabete, l'artrite reumatoide o malattie degli occhi, per esempio, che sono più frequenti nei fumatori che nei non fumatori, "liste César minuetto.

Snuff e Medicina di Famiglia

Dati come il fatto che il 70,1% dei fumatori dichiara che ha provato a smettere almeno una volta e il 17% hanno provato 4 o più volte, dimostrano che "questo è un problema lì essere affrontato dal punto di vista che può portare un medico di famiglia, che si specializza in complessità, continuità e longitudinality. Il tabacco approccio corretto si inserisce questa visione che è tipica di Medicina di Famiglia ", dice Salvador Tranche.

Infatti, "ci sono studi che suggeriscono che i fumatori prendere il lavoro più fuori fino al punto che i fumatori avevano una media di oltre l'80% inferiori a quelli che aveva lasciato il tabacco", ha detto minuetto.

trattamenti farmacologici per la dipendenza

Uno dei modi che dal Family Medicine sono mirati per affrontare il problema del fumo è l'introduzione di trattamenti farmacologici.

Anche se il 72% degli ex fumatori sono riusciti a smettere senza aiuto o farmacologico o psicologico, v'è anche una notevole quantità di fumatori (17%) ha provato a smettere in quattro o più volte.

I dati dell'indagine settimana senza fumo indicano che il 67,5% della popolazione stima che se i trattamenti per smettere di fumare sono stati finanziati più fumatori sarebbero smettere di fumare e, tra i fumatori il 61,6% avrebbe fatto un tentativo a smettere di fumare se trattamenti farmacologici fumatori sono stati finanziati dal Servizio Sanitario nazionale.

"Sappiamo che il finanziamento aumenta i tassi di astinenza tra i fumatori e anche a differenza di altri farmaci, meno provata, non sono finanziati," i medici devono semFYC.