L'autismo: qualcosa si rompe nella foto di famiglia

EFE / MADRID / PILAR GONZÁLEZ MORENO Venerdì 2017/03/31

"Sono solo una madre che un giorno ha trovato il suo prezioso ragazzo d'oro due anni ha avuto qualcosa di sconosciuto e spaventoso, come quasi tutto sconosciuta, chiamata autismo. Qualcosa si è rotto la foto di famiglia che aveva disegnato nella mia testa, di fronte a noi una lunga strada ed ombreggiata ... "

Altre notizie

  • L'ormone che stimola l'empatia pone un nuovo trattamento per l'autismo
  • Acido folico in gravidanza riduce di quasi il 40% del rischio di autismo

Chi ha così Tuya a mente è Melisa "Avere un bambino con autismo," un libro pubblicato da Platform Testimonianza, che racconta la sua esperienza con il realismo e ottimismo, perché: "Io sono la natura ottimista," dice.

Ma "non ho smesso di sfaccettature difficile e duro. Sì, ho cercato di essere onesti e non cercando di nascondere cosas.He non addolcire ma non troppo appariscente ", ha detto in un'intervista con EFEsalud.

Nel suo libro racconta come il figlio James quando aveva solo un anno e mezzo e camminava e "ha dato sorrisi a tutti coloro che hanno attraversato il suo carrello, balbettio, imitando gli adulti dando palmitas ...".

Tra due anni e mezzo, ha cominciato a perdere progressivamente le competenze acquisite.

Egli riconosce che ci sono stati alcuni indizi che non erano in grado di vedere, come il rilascio alcuni suoni inusuali, o no i giochi simbolici praticati come pretendere di nutrire una bambola o una macchina circolare da Run Run ...

Per Tuya, giornalista e autore del blog "Madre recente", la negazione è un processo ampiamente studiato che tutti viviamo a un certo tipo di notizie o circostanze: "Pochi di noi durano più di altri. Credo che nel mio caso era la negazione prima della diagnosi. "

Nel suo caso era prima, non riuscivo a credere che il suo bambino, "il mio bambino prezioso, primo nipote, primo figlio, ho potuto passare qualcosa di sbagliato, e si aggrappano a tutti quelli che dicono che il figlio ha preso a parlare, o che il Ha sofferto battuta d'arresto era dovuto a un trasloco ...".

"Poi c'è uno psicologo che dice non si dispone di autismo perché sembra perfettamente negli occhi, ea quel punto sei un ignorante e non sanno che ci sono persone con la stessa malattia che sembrano perfettamente negli occhi, perché ci credete."

Dopo questa prima fase viene la difficoltà di montaggio della diagnosi, avere l'idea.

"... ci sono video e foto per molto tempo ho trovato doloroso vedere ... Era come guardare il figlio ho perso un figlio e ho pensato che avevo si è rivelata ..."

Infine l'accettazione, la ricerca di soluzioni e prendere le sfide, l'affermazione della differenza e la ricerca della felicità si raggiunge ... e questo è il modo fondamentale di parlare a noi Melisa Tuya, che consiglia, inoltre, che è bene chiedere aiuto e essere aiutato.

Nel suo libro, l'autore, che ha dedicato la metà dei benefici a tre associazioni legate all'autismo, apre le sue pagine ad altre famiglie con figli affetti dalla stessa malattia, come Daniel Comín, che è anche direttore della Fondazione Autismo ufficiale.

Per Comin, la sfida più grande "non dovrebbe essere curare l'autismo il vostro bambino, ma te stesso.Questo cambiamento nel modo di pensare, capire e vedere il mondo "provoca un terremoto mentale che trasforma profondamente il modo di percepire e sentire tutto intorno a te. E 'anche un cambiamento liberatorio le purtroppo poche persone hanno accesso ... "

Autismo secondo l'OMS

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), uno ogni 160 bambini ha un disturbo dello spettro autistico (ASD), un termine generico condizioni come autismo infantile, autismo atipico e sindrome di Asperger che copre.

Secondo gli studi epidemiologici condotti negli ultimi 50 anni, la prevalenza globale di questi disturbi è in aumento.

Ci sono molte spiegazioni possibili per questo apparente aumento della prevalenza, tra cui una maggiore consapevolezza, l'espansione e il miglioramento dei criteri e degli strumenti diagnostici e una migliore comunicazione.

Per quanto riguarda le cause, e secondo l'OMS, le prove scientifiche indica l'esistenza di molteplici fattori, tra cui genetica e ambientale, che lo rendono più probabile che un bambino può avere un ASD.

Vaccini, non v'è alcuna relazione

dati epidemiologici disponibili dimostrano definitivamente che non ci sono prove di una relazione causale tra il tè e le morbillo, parotite e rosolia. Studi precedenti che indicavano una relazione causale "erano piena di errori metodologici", dice l'OMS.

Per questa organizzazione, "non c'è dubbio che i vaccini infanzia può aumentare il rischio di test di ASD. Per contro, le revisioni sul rapporto tra conservante thimerosal o adiuvanti di alluminio contenenti vaccini inattivati ​​e rischio di ASD fermamente concludono che non v'è alcun rischio ".

Per quanto riguarda il livello intellettuale varia notevolmente da un caso all'altro, che vanno da un profondo deterioramento casi con elevate capacità cognitive, e anche se alcune persone con ASD possono vivere in modo indipendente e avere una vita produttiva, ce ne sono altri con gravi disabilità che hanno bisogno costante attenzione e sostegno per tutta la vita.

Gli interventi psicosociali basati su prove, come la terapia comportamentale, in grado di ridurre le difficoltà di comunicazione e comportamento sociale, e avere un impatto positivo sul benessere e la qualità della vita, e dovrebbe essere accompagnato da misure più generali che rendono gli ambienti fisici , sociale e degli atteggiamenti più accessibili, inclusiva e compassionevole.

OMS ritiene inoltre che le persone con ASD soffrono lo stigma, la discriminazione e le violazioni dei diritti umani. L'accesso ai servizi e supporto in tutto il mondo è inadeguata.

Rompendo le barriere

Il 2 aprile di quest'anno, 2017, è il mondo Autism Awareness Day, commemorato con il tema "rompendo le barriere insieme autismo. Fai una società accessibile. "

La Confederazione Autismo Spagna (AE) fa appello a politici, imprenditori e società in generale per sostenere l'eliminazione delle barriere che la gente faccia con autismo e promuovere l'accessibilità cognitiva per consentire una migliore adattamento dell'ambiente di esigenze delle persone con ASD e rafforzare la loro inclusione in tutte le sfere sociali.

Secondo AE, attualmente non ci sono le condizioni necessarie per superare gli ostacoli (soprattutto cognitive e sociali) che le persone con ASD incontro nella loro vita quotidiana.

Questo, dicono, rende indispensabile per muoversi una volta "dalle parole ai fatti" e che le misure necessarie per promuovere l'effettivo godimento del diritto di accedere a tutti i beni e servizi per la parità di altri termini stabiliti cittadini.

Per visualizzare il vostro reclamo e contribuire alla consapevolezza dell'accessibilità cognitiva ha curato il video che vi mostriamo in questo articolo, insieme aa Confederazione spagnola di autismo (FESPAU), Autismo Europa e Pauta Association, l'invito a essere diffusi come possibile.