Stimolazione cerebrale, efficace contro l'anoressia, obesità e bulimia

Il La stimolazione cerebrale Potrebbe essere un possibile trattamento efficace per combattere sia L'obesità come ad esempio disturbi del comportamento alimentare ( bulimia e a norexia ), come ha dimostrato uno studio sperimentale condotto da specialisti dall'università UOC Siviglia, e ha goduto della collaborazione di esperti dalla clinica Sagrada Familia a Barcellona, ​​e la Harvard University (USA).

L'obesità, anoressia e bulimia, hanno in comune il fatto di presentare alterato il processo decisionale sulla assunzione di cibo

Secondo i risultati della ricerca, questa terapia potrebbe modulare le aree cerebrali responsabili decisionale e quindi di modulare l'assunzione di cibo dell'individuo. Un dato importante, perché anche se bulimia e anoressia sono diversi da malattie di obesità, è anche vero che i tre sono d'accordo su un aspetto importante, e che sono legati ad avere alterato il processo decisionale sull'assunzione di cibo.

Qual è la stimolazione cerebrale non invasiva

Il La stimolazione cerebrale non invasiva è quello di generare correnti elettriche al cervello del paziente per provocare i neuroni da essere attivato in maniera simile a come si farebbe con sé il cervello.In questo caso, come spiegato piombo ricercatore del lavoro, Elena Muñoz Brown, anche un professore di Scienze della Salute che l'università, la zona che si attiva sia della corteccia prefrontale dorsolaterale e anche ha anche diminuito attività cerebellare da una corrente elettrica molto lieve. Qualcosa di nuovo, perché, come ha detto Muñoz lo specialista, "è il primo al mondo in cui gli effetti di attivare una parte del cervello e di inibire altri studiato".

Lo studio ha avuto la partecipazione di otto persone di età compresa tra i 25 ei 50 anni, tutti i pazienti con obesità lieve, cioè con un BMI di 30 a 35, che ha subito due sessioni di stimolazione per due giorni consecutivo. I ricercatori hanno analizzato l'umore e l'appetito presentati dai partecipanti dopo le sessioni e ha scoperto che in effetti la stimolazione cerebrale non invasiva raggiunto ridurre il desiderio di mangiare

Ha studiato in pazienti con morbosa

l'obesità.

Nella seconda parte dello studio dello spettro dei partecipanti sarà ampliato per includere i pazienti con L'obesità patologica o di altri disturbi alimentari, che sarà presto, per la seconda fase della ricerca sarà condotta nei mesi di maggio e giugno.

Questi risultati, il che rende questa terapia un'alternativa efficace per integrare i trattamenti tradizionali per questi disturbi sono stati presentati durante la seconda edizione di C ONGRESSO Obesità e metaboliche Le complicazioni. Recentemente ha tenuto a Siviglia, dove ha raccolto un gran numero di specialisti del settore.

Letture Consigliate