Una giornata di sostegno per le vittime della talidomide

MADRID / EFE / TERESA DÍAZ / MARTA Ostiz Lunedi 2016/02/08

Le vittime della talidomide in Spagna ha ricevuto il sostegno del Medical College e partiti politici, nonostante le sentenze contro di loro in una giornata in cui ha messo in evidenza l'abbandono delle persone colpite e ha criticato il laboratorio che ha realizzato questo medicina nei primi anni '60

Presidente del Collegio Medical Organization (WTO), Juan Jose Rodriguez Sendin ha chiesto responsabilità di questo problema così come una base economica per le persone colpite da talidomide, un farmaco prodotto dal laboratorio Grünenthal tedesca per il vomito delle donne in gravidanza malformazioni causate nei feti.

L'OMC ha tenuto la conferenza "La realtà delle persone colpite da talidomide in Spagna", in cui Sendin ha descritto ciò che è accaduto "storia aberrazione e, soprattutto, di abbandono".

"Quello che è obbligatoria e moralmente tenute a comunicare è quello di proteggere" le persone colpite "chiedendo il laboratorio di adempiere le sue responsabilità e, se non, dichiarare 'non grata', che è quello che si sarebbe dovuto fare molto tempo fa" ha sottolineato.

Sendin ha sottolineato che lo Stato deve assumersi la responsabilità per gli permette di continuare a vendere talidomide dal 1961, quando gli effetti che avevano già sapevano, e "non adeguatamente informato" per fermare l'uso continuato.

La voce delle vittime

Vice Presidente della Associazione Vittime Talidomide di Spagna (Avite), Rafael Basterreche, è stato stimato in 18.500 milioni di euro di fatturazione laboratorio tedesco in Spagna nel 2015 e in 3.700 milioni di profitto.

A suo avviso, se destinato solo l'1% del fatturato per compensare, colpiti allo stesso livello di quelli degli altri paesi europei, "anche lui che sufficiente 160 milioni."

Il giorno che hanno ascoltato le testimonianze di diversi interessati, che hanno coinciso nel sottolineare che gli effetti della talidomide "sono evidenti", in quanto tutti hanno malformazioni degli arti superiori o inferiori o entrambi.

"Talidomide ha preso la mia vita dovrei essere il mio, ha tolto una vita normale", ha detto Ana Isabel Castillo, 41 anni, originario di Madrid, che ha una disabilità 80%.

Il produttore difende

Il laboratorio Grünenthal tedesca, che produceva talidomide, assicura che distribuito solo il farmaco per il vomito nelle donne in gravidanza ha causato difetti alla nascita in un periodo molto specifico di tempo e non v'è un "numero significativo" di persone colpite in Spagna, che è nata da quelle date.

Grünenthal ha risposto al presidente del Collegio Medical Organization (WTO), Juan Jose Rodriguez Sendin, che ha chiesto di essere dichiarato 'non grata' laboratorio tedesco e ha esortato lo Stato che richiede l'adempimento delle loro responsabilità.

Il laboratorio ha detto in una dichiarazione che i prodotti talidomide Grünenthal non sono stati venduti in Spagna prima del novembre 1960, o dopo il novembre 1961 e che le autorità sanitarie spagnole vietato il farmaco maggio 1962 e ha ritirato tutti i prodotti.

I partiti politici offrono il loro aiuto alle vittime

Alla conferenza tenuta presso l'OMC, i funzionari della sanità dei principali partiti politici hanno espresso solidarietà con le vittime della talidomide, che hanno offerto assistenza, nonostante le sentenze dei tribunali nei confronti di coloro che sono colpiti.

Essi hanno dichiarato i rappresentanti del PP, PSOE e IU cittadini che viaggiano nei loro discorsi alla conferenza. Lo scorso settembre, la Corte Suprema ha respinto il ricorso per le vittime della talidomide e li ha negato il risarcimento richiesto farmaceutico.

Letture Consigliate