Assalti ai medici: aumento del 37 per cento

EFE / MADRID / TERESA DÍAZ Giovedi 2017/03/16

Gli attacchi contro i medici sono aumentate del 37% nel 2016, che rappresenta una ripresa della tendenza al ribasso degli ultimi cinque anni e sono le donne che sono state altre vittime di lesioni, minacce, coercizione, abusi, insulti o la coercizione - 58% contro il 41% degli uomini.

Altre notizie

  • ridurre leggermente gli attacchi contro i medici nel 2014
  • Gli attacchi ai medici in calo del 15%, con 354 casi nel 2013

Questi sono alcuni dei dati raccolti dall'Osservatorio Assalti nazionali dell'Organizzazione medica collegiale (OMC), attraverso le associazioni di categoria, che hanno rappresentato l'anno scorso 495 casi di violenza, di cui 87% sono stati registrati nel sistema pubblici e il 13% nel settore sanitario privato.

I pazienti sono i principali colpevoli (71,5%), seguiti dai parenti (26,6%) e pazienti sfollati (1,8%) e le cause principali sono discrepanze nella cura della salute (42,8%), il tempo da trattare (15%) oppure non prescrivere proposto dal paziente (11%).

I dati, che sono stati resi noti oggi in una conferenza stampa, di notare che dal momento che l'Osservatorio è stato istituito sei anni fa, ci sono stati 2.941 attacchi, anche se "abbiamo il sospetto che se si segnalare eventuali a bassa intensità che il numero potrebbe aumentare mettendo un pari a zero alle spalle ", ha avvertito Juan Manuel Garrote, segretario generale della Wto.

In effetti, il 32% delle aggressioni ancora andare non dichiarata, così la società collegiale ha lanciato un appello al comportamento violento di comunicare.

Circa il 55% si verifica nelle cure primarie e il 27% negli ospedali e in entrambi i casi sono servizi di emergenza che hanno registrato un numero maggiore di essi, aree in cui i pazienti vengono "più disturbati e in difficoltà" egli ha osservato il dottor Garrote.

A questo proposito, il presidente del WTO, Serafín Romero, ha sostenuto che i cittadini stanno alzando i servizi di emergenza, che "viene dato un ambiente più aggressivo", come la porta di accesso al sistema sanitario, mentre ha ha riferito che il rapporto medico-paziente "non è al suo meglio."

precarietà del lavoro, il sovraffollamento delle emergenze, la mancanza di equità nella sanità o maggiori liste di attesa sono solo alcuni dei motivi per cui è "scuotere" il rapporto.

Da parte sua, il segretario generale della Sanità, Javier Castrodeza, ha sottolineato che la questione "preoccupato e preoccupato" il Ministero della Salute ha annunciato che, insieme con il Dipartimento degli Interni, sta lavorando allo sviluppo di un protocollo veloce.

"Saranno promuovere misure sia per la Polizia di Stato e Guardia Civil lavorano insieme per fornire il supporto necessario in modo che questi dati si ridurrà o scomparire", ha assicurato.

Aggressioni a medici autonome

Comunità.

Per regione, che sono stati un aumento del numero di attacchi, in termini assoluti, sono Catalogna (109), Andalusia (102) e Madrid (99), mentre la massima incidenza in relazione al numero dei medici è dato in Extremadura, 4,96 per 1.000 collegi, ben al di sopra della media nazionale (2,02).

Degli attacchi totali, in 13,4% dei casi di lesioni che causano, di cui il 41,2% erano fisico e psichico 41,2%, e il 16% del lavoro basso comportato. Insulti e minacce le donne ricevono loro più e più lesioni si verificano in medici di sesso maschile.

Delle 76 sentenze analizzate lo scorso anno, 56 erano condanne, 16 assoluzioni e 4 occasioni hanno raggiunto un accordo. A 18 aggressori sono stati imposti prigionia e la maggior parte (48) hanno comportato sanzioni.

Assalito due medici hanno dato la loro testimonianza. Così Dr. Francisco Devesa detto ha subito un pestaggio alle porte del General Hospital di Valencia da un paziente e il suo bambino.

"E 'stato un orrore", ha detto il residente, che ha deplorato che non aveva alcun supporto dai suoi superiori, che gli hanno chiesto di essere più empatici.

Un pugno nello stomaco, calci nell'addome e ha ricevuto minacce di morte Abel Saldarreaga da un paziente in un centro di salute rurale a Cadice. "Ho pensato di lasciare la medicina, ma io amo la mia professione e ho deciso di andare avanti", ha assicurato. EFE