Ebola: infermiera inglese che ha superato il virus tornerà in Africa

LONDRA / EFE Mercoledì 2017/12/04

infermiera britannica Pauline Cafferkey, che nel 2014 ha contratto il virus Ebola in Sierra Leone, tornerà a quel paese per la prima volta da quando si ammalò e superare la malattia, ha rivelato oggi la BBC

Altre notizie

  • Un operatore sanitario, nuovi casi di Ebola in Scozia
  • Ebola nel 2017: A che punto è?

Salute subito diverse ricadute dopo malato per la prima volta ed è venuto per essere inseriti in quattro occasioni a causa di complicazioni causate dal virus contratta durante il lavoro nel paese africano come una cura di volontariato per le persone con infezione da Ebola.

In una di queste ricadute, scozzese, 41 anni, è diventato in condizioni critiche, temendo per la sua vita.

Cafferkey ha detto oggi un programma di quella catena di nuovo a Sierra Leone, un viaggio che ha la carità, è "psicologicamente importante" per lei in quanto contribuirà a "chiudere" due anni "terribile".

"Ecco dove tutto questo è cominciato e ho trascorso un paio di anni terribili, da allora, quindi sarà bene per tornare a un cerchio è chiuso", ha detto.

L'infermiera, che attualmente risiede a Glasgow, anche confessato "eccitato" per il suo ritorno a quel paese.

Piani contro Ebola

Cafferkey in programma di partecipare a una maratona di 10 chilometri, nella città di Makeni (Sierra Leone) per raccogliere fondi per l'organizzazione Bambino di strada, che aiuta giovani colpiti dall'epidemia.

Con il tempo che il volontariato sanitario in Sierra Leone, il paese è stato scosso da un'epidemia di Ebola che circa 12.000 bambini orfani, secondo i dati diffusi oggi dalla BBC.

Nel mese di gennaio 2015, l'infermiera è stato dimesso dal Royal Free Hospital di Londra, che ha un'unità specializzata, dove ha ricevuto un trattamento sperimentale antivirale a base di plasma sanguigno di un'altra infermiera britannica, Will Pooley, che aveva già superato la malattia.

Tuttavia, è stato riammesso in diversi ospedali per tre volte, nel mese di ottobre 2015, febbraio 2016 e nell'ottobre dello stesso anno, dopo aver sofferto complicazioni dal virus che l'ha messa in condizioni critiche.