William e Monica cinque anni, gli amici dal termostato

VALENCIA / EFE / CONCHA TEJERINA Martedì 2017/04/18

Guillermo e Monica hanno solo 5 anni ma la loro amicizia è nato un paio di giorni di vita in ospedale La Fe di Valencia, dove erano "vicini di casa" incubatore dopo essere stato sottoposto, quasi contemporaneamente, un complesso ricostruzione della trachea da problemi difficoltà respiratorie e alimentazione

Altre notizie

  • Infanzia, gol nella umanizzazione della sanità
  • Paure e hobby: come superarli fin dall'infanzia

Ora condurre una vita normale, andare a scuola e di interagire con gli altri bambini e, anche se vivono quasi 400 chilometri di distanza -ha Peñíscola (Castellón) e lei a Dolores (Alicante) -, il legame tra di loro durante la loro permanenza in ospedale ha mantenuto sia la loro amicizia e le loro famiglie.

Tutti i bambini sono curati nel comitato Airway pediatrico (CVAP) della fede, creato alla fine del 2013 e uno dei pochi di riferimento esiste a livello nazionale, che stanno per essere rivisto ricostruzione intervento della trachea a cui sono stati sottoposti.

Presidente CVAP, Carlos Gutiérrez, ha detto EFE che questi bambini sono "fortunati" ad avere un "genitori sorprendenti" che, dopo aver conosciuto la condizione dei loro figli, sono diventati il ​​mondo "migliori infermieri delle vie aeree . Loro sanno come controllare i sintomi e quando hanno seri problemi. "

William

Guillermo è nato nel settembre 2011 a La Fe prematuramente a ventiquattro settimane di gestazione, e stenosi (restringimento della trachea) e, anche se si è esibito una tracheotomia dopo pochi giorni dalla nascita, ha dovuto essere derivato Valencia a Madrid perché non c'era nessun servizio specifico per questi casi.

Quando il Comitato delle vie aeree è stato istituito nel 2013, poco potrebbe ancora una volta essere trattati nel centro di Valencia e dopo diversi interventi chirurgici, ha ricostruito con successo la trachea; presto si sarà in grado di rimuovere la tracheotomia e di condurre una "buona qualità di vita", ha detto Gutierrez.

"Dopo cinque anni, ora comincia a vedere la luce", dice EFE María del Carmen Bataller, madre di William, che indica che, anche se in un primo momento hanno derivato a Madrid, "il migliore" che potevano fare era rimanere a Valencia dopo l'istituzione del Comitato.

Bataller, che dice al figlio conduce una vita normale e andare a una scuola che ha un'infermiera gli frequentano, spiega che mantenere una "forte amicizia" con i genitori di Monica, con il quale è venuto a condividere la terra quando i loro figli erano ammesso a La Fe.

Monica

Per Monica è "più complesso e inusuale" perché è nato con un solo sacchetto di trachea ed esofago presso l'Ospedale Generale di Alicante ed è stato inviato a La Fe dopo aver subito gravi asfissia da alimentazione orale, i casi per i quali non una "bassa probabilità di sopravvivenza".

Monica nasce alla fine di novembre 2011, con 3,5 chili, e dieci giorni di vita aveva subito la prima ricostruzione della trachea alla chirurgia di bypass cardiopolmonare in un'operazione della durata di circa dodici ore. Da allora è stato più di 50 volte in sala operatoria.

Sua madre, Mónica Sáez ha detto a EFE che quando è nato, i medici gli ha detto che è stato colpito da un "libro malformazione, eccezionale, e non so se era operabile" e ricorda che cosa ha dovuto "lottare" per ottenere la sua figlia , a 3 anni, aveva un infermiere a scuola costantemente a che fare con esso.

"I primi due anni è stato uno dopo l'altro intervento chirurgico: sei punti infetti, è andato suture ... Attualmente, soffre la paralisi delle corde vocali nella linea mediana, si comunica attraverso il linguaggio dei segni e prende il cibo sminuzzato attraverso l'intestino ", dice.

la madre di Monica considera "un dio" Carlos Gutiérrez, che dice che la piccola "suona il pianoforte molto bene e ha un bell'aspetto. Questi pazienti hanno un potenziale impressionante. "

La commissione per i pediatrico Airway

Gutiérrez, capo sezione di Chirurgia Pediatrica della Fede, dice che fino alla costituzione del Comitato, bambini malati vie aeree, che sono rare e richiedono interventi "molto complessi" dovevano essere inviati ai centri di Madrid e Barcellona per il trattamento.

Con il sostegno del Dipartimento di Chirurgia e Gestione della fede è stato possibile creare un team multidisciplinare di specialisti in chirurgia toracica e pneumologia bambino, otorinolaringoiatria, chirurgia maxillo-facciale, terapia intensiva, neonatologia, radiologia diagnostica, chirurgia cardiovascolare, cardiologia e logopedia pediatrica , tra gli altri.

Gutierrez sostiene che l'Amministrazione continuerà a sostenere e dare loro più mezzi che hanno, e sottolinea che il Comitato ha lanciato una query singola multidisciplinare che semplifica visita in un posto e in un solo giorno.

Fin dalla sua istituzione, sono stati trattati da specialisti dei pazienti pediatrici Comitato 43 con grave patologia nelle vie aeree, di cui 24 hanno richiesto casi di chirurgia di solito sono "molto grave e rara" e che interessano diverse specialità.