Osservatorio Oncoematologia: strumento di innovazione contro il cancro

Madrid / Efe editoriale / Salute Lunedi 19/06/2017

Osservatorio nato per generare conoscenze da un approccio multidisciplinare e incoraggiare le iniziative che contribuiscono alla sostenibilità del sistema sanitario per migliorare la cura e la qualità della vita dei pazienti onco-ematologici. Obiettivo? Affrontare le sfide derivanti dalla maggiore incidenza di cancro e la sua cronicità

Altre notizie

  • Leucemia, che tipo di malattia è in realtà
  • Conclusioni ASCO 2017: immunoterapia e medicina precisione

Questa "Innovation Observatory Oncoematologia", promosso da Novartis Oncology, è stato presentato a Madrid la scorsa settimana in una cerimonia presso la Scuola Nazionale di Salute Carlos III Health Institute.

La cerimonia di presentazione hanno partecipato Marta Moreno Direttore dell'Osservatorio e Direttore delle Relazioni Istituzionali presso Novartis Oncology; Cristina Garmendia Rappresentante della Commissione istituzionale dell'Osservatorio, Presidente della Cotec ed ex Ministro della scienza e dell'innovazione; la Dr. José Manuel Martinez Sesmero, rappresentante del Comitato Scientifico del Centro e Direttore di Ricerca della Società Spagnola di Farmacia Ospedaliera; Borja Smith Capo dell'Ufficio Tecnico dell'Osservatorio e Managing Partner di Farma, Bio e Salute a SILO; e Gabriel Galván CEO di Novartis Oncology.

Nelle parole di Marta Moreno, "l'Osservatorio nasce con tre obiettivi specifici: individuare e analizzare le tendenze, le sfide e le esigenze nel campo onco-ematologiche; generare idee e progetti che affrontino le sfide che il sistema sanitario in oncologia; e realizzare progetti individuati maggiore potenziale da parte della leadership dei partecipanti".

L'innovazione come un hub per la sostenibilità

Gli esperti per l'innovazione è un motore essenziale del cambiamento e un modo per raggiungere la sostenibilità del sistema. Pertanto, l'Osservatorio si presenta come uno strumento per individuare strategie, loro valore, condividerli con la cura comunità scientifica e la loro attuazione attivamente per garantire un continuo miglioramento dei risultati della sanità.

Tutto per aiutare le politiche di progettazione che rispondono alle varie sfide in onco-ematologico: il sistemica Caratterizzato da un forte aumento dell'incidenza del cancro; la Personal Derivanti dalle variazioni nel profilo del paziente che richiede un cambiamento di paradigma verso una cura più completa e personalizzata di salute; e, infine, il economica In base alla sostenibilità dell'intero sistema sanitario.

A questo proposito, il dottor José Manuel Martínez Sesmero evidenziato le funzioni di riproduzione "obiettivi facilitare l'allineamento tra tutti i soggetti interessati, valutare le nuove proposte e le pratiche di valore catalizzare azioni per affrontare queste sfide. Soprattutto nella situazione attuale, in cui i sistemi sanitari dovrebbero dedicare una notevole quantità di risorse per affrontare queste malattie con vincoli di bilancio".

Nel frattempo, Cristina Garmendia ha sottolineato che l'innovazione "deve svolgere un ruolo centrale nella progettazione e nella gestione di qualsiasi servizio pubblico in particolare nel settore sanitario. Dobbiamo pensare non solo l'innovazione nelle terapie e farmaci, ma anche in materia di innovazione tecnologica e organizzativa "

"Questo -HA aggiunto l'ex ministra- ci permetterà di testare nuovi approcci nella gestione e l'assistenza sanitaria, soprattutto nel caso di malattie complesse come le malattie onco-ematologiche."

L'importanza di un approccio multidisciplinare

Costituito da un comitato scientifico e un comitato istituzionale, il 'Osservatorio per l'innovazione in Oncoematologia' è affermata come un forum di discussione con la partecipazione di esperti di diverse discipline, come politici, membri delle istituzioni sanitarie, società scientifiche, rappresentanti di piattaforme pazienti, ecc ...

Per Garmendia "Questo è uno dei punti di forza del progetto, la capillarità che può avere sulla distribuzione dei suoi risultati attraverso la partecipazione di un team multidisciplinare."

Piattaforma con la vocazione di continuità

Per raggiungere i suoi obiettivi l'iniziativa "è definito con una continuità nel tempo e al fine di svolgere a lungo termine", ha dichiarato Borja Smith.

E per questo, i membri del comitato si riunirà due volte l'anno e dopo ogni incontro, un rapporto di consenso sulle principali conclusioni saranno inclusi saranno pubblicati.

Letture Consigliate