Breast Cancer: Studio scopre il rischio di recidiva di gravidanza

Chicago (USA) / EFE / Adaya González Domenica 2017/04/06

Rimanere incinta dopo aver superato il cancro al seno non aumenta la probabilità di recidiva in questa malattia, secondo uno studio condotto da un team internazionale di ricercatori suggeriscono anche che l'allattamento al seno è fattibile anche dopo l'intervento

Altre notizie

  • Quando il cancro al seno scoppia in gravidanza
  • Tardo gravidanza può aumentare il rischio di cancro al seno in gravidanza

Il lavoro, che ha coinvolto anche gli specialisti spagnolo University Hospital Vall d'Hebron di Barcellona e La Paz di Madrid, è stato presentato in occasione della seconda giornata della 53a riunione annuale della American Society of Clinical Oncology (ASCO) che riunisce fino a Martedì più di 30.000 esperti da tutto il mondo.

Effettuato con 1.207 pazienti, è la più grande indagine sulla sicurezza della gravidanza dopo il cancro al seno, il più comune nelle donne occidentali in età riproduttiva; nel caso della Spagna, che rappresenta quasi il 30% di tutti i tumori del sesso femminile, che ogni anno 26.500 casi sono diagnosticati.

Ed è anche l'unico ad affrontare questo problema in particolare nelle donne che ha superato il cancro al seno più comune, l'ormone (ER), il 66% di tutti i tumori diagnosticati e una migliore tipo di prognosi.

I partecipanti sotto i 50 anni sono stati diagnosticati con cancro al seno non metastatico prima del 2008; la maggior parte (57%) aveva il tipo ER-positivi, e oltre il 40% aveva predizioni poveri, come le grandi dimensioni del tumore o la sua diffusione ai linfonodi ascellari.

I risultati delle analisi "confermano che la gravidanza dopo il cancro al seno non dovrebbe essere scoraggiato, anche per le donne Coner-positivi", ha detto Matteo Lambertini, oncologo medico e membro della European Society for Medical Oncology (ESMO per il suo acronimo in inglese) presso l'Institut Jules Bordet di Bruxelles (Belgio).

Considerare il rischio in ogni caso di cancro al seno

Tuttavia, prima di decidere il tempo di attesa prima di rimanere incinta, i pazienti ed i medici dovrebbero prendere in considerazione il rischio personale di ogni donna per la ricaduta, in particolare per coloro che hanno bisogno di un trattamento prima dell'intervento chirurgico.

Tra i partecipanti allo studio, 333 erano in stato di gravidanza e non 874; il tempo medio dalla diagnosi al concepimento era di 2,4 anni.

Le donne con il cancro al seno ormonale ER-positivi tendono a rimanere incinta in seguito rispetto a quelli con malattia di ER-negativo: il 23% dei pazienti con il primo tipo di tumore ha più di cinque anni dopo la diagnosi, rispetto al 7 % del secondo caso.

Pista dopo circa 10 anni, i ricercatori hanno concluso che non vi era alcuna differenza nella sopravvivenza libera da malattia tra le donne che è rimasta incinta e coloro che non hanno, indipendentemente dallo stato del tumore.

Inoltre, chi ha subito un concepito ER-negativo ha avuto una probabilità di 42% in meno di morire che non l'ha fatto.

Il che rende esperti pensano che "è possibile che la gravidanza può essere un fattore protettivo per i pazienti con cancro al seno ER-negativi, sia attraverso meccanismi del sistema immunitario o meccanismi ormonali, ma abbiamo bisogno di più ricerca su questo" ha detto Lambertini.

Anche se c'è stato limitato su allattamento al seno in questo studio (64 pazienti, 25 donne in allattamento il suo bambino) i dati, i risultati suggeriscono che è fattibile anche dopo l'intervento chirurgico al seno.