Personalizzare la lotta contro il cancro

Santander / EFE Venerdì 24.08.2012

Il direttore del National Cancer Research Center (CNIO), María Blasco, ha spiegato a Santander che il futuro della lotta contro il cancro attraverso il trattamento personalizzato

Blasco ritiene necessarie l'associazione tra centri di ricerca "potente" e gli ospedali per combattere il cancro.

Sottolinea inoltre la quantità di moto dei test genetici eventualmente necessario per determinare la percentuale di possibilità che ogni paziente lì che può giocare un cancro e quindi evitare un trattamento "devastante", come la chemioterapia nei pazienti con bassa probabilità che ancora avere un tumore.

Nel Menendez Pelayo International University (UIMP) di Santander, dove ha tenuto una conferenza, María Blasco ha sottolineato che "rivoluzioni" della ricerca sul cancro è stata sequenziamento del genoma dei tumori.

Questo, secondo il ricercatore, ha portato a scoprire che ognuno è diverso e l'idea che ogni tumore da trattare in modo diverso. " Se due tumori geneticamente differenti, è molto raro che lo stesso trattamento lavorerà con entrambi ", ha sostenuto.

trattamenti individuali sono più costosi

Blasco ha respinto questi trattamenti individualizzati economicamente più costosa di applicare la chemioterapia nei casi "in cui si sa che non funziona", come attualmente avviene in determinati momenti.

Tuttavia, ha sottolineato un'associazione tra centri di ricerca "potente" con un ospedale di riferimento per l'uso diffuso in tutti i tipi di cancro è necessario, come con il CNIO e l'Hospital de Fuenlabrada.

"Necessariamente non sarà più costoso di fare le cose in modo razionale e sulla base delle informazioni genetiche del paziente, per dare un trattamento che, forse, non c'è bisogno di dare o sapere che non sarà efficace", ha sottolineato il ricercatore.

Blasco ha fatto riferimento anche all'impatto di aggiustamento economico sulla scienza e lamentato che "non sarà vedere la ricerca come una priorità", mentre è stato a favore dei tagli imposti "criteri di eccellenza scientifica".

Nel caso del CNIO, ha detto che i tagli, finora, sono stati "piccola", ma è stato interessato che può produrre un taglio dello stipendio, soprattutto nel caso dei borsisti, "molti" dei quali stranieri .

"Se la Spagna si ferma sarà in grado di pagare gli stipendi competitivi, ovviamente, smettere di venire in Spagna, che avrebbe invertire una situazione che è molto utile in questi ultimi anni, come quella sta diventando un paese attraente per fare scienza" ha Blasco ha avvertito. EFE

fb / JLG

Letture Consigliate