Licenziamenti nel corso di un congedo medico possono essere nulli

Finora, per essere licenziato per un periodo di tempo disabilità. Poteva finire tanto licenziamento senza giusta causa se il colpita è venuto a riferire i fatti agli organi competenti. Tuttavia, dal momento che lo scorso 23 dicembre licenziamenti eseguiti durante la bassa medica Essi possono essere classificati come zero, considerando che discriminano il dipendente.

Quando la durata della inabilità temporanea viene esteso, può essere equiparata ai casi di licenziamento per la disabilità ed è pertanto un licenziamento discriminatorio

Il precedente ha concesso il numero Sociale Corte 33 di Barcellona, ​​che, dopo aver preso in considerazione la raccomandazione della Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE), è stato decantato da annullare la revoca un operaio che era sulla inabilità temporanea al momento della notifica. La decisione l'idea che quando la durata della inabilità temporanea viene esteso nel tempo, può essere equiparata ai casi di licenziamento per disabilità e, pertanto, dovrebbe essere terminazione ring per ragioni discriminatorie.

Il lavoratore che ha dato origine a questo cambiamento nel 2014 ha lavorato come chef nel business dell'ospitalità di Barcellona ed era in congedo per malattia a seguito di un incidente Due mesi dopo l'inizio è stata comunicata la cessazione del suo rapporto con la società, sostenendo che "poco efficiente" per presentare il licenziamento, a ciò che l'impiegato ha chiesto la nullità di esso per essere "discriminatoria fondata sulla disabilità ".

Finora, si è capito che l'inabilità temporanea non era definitiva, ma fugace, così non è stato previsto che potrebbe essere un caso di discriminazione di conseguenza. Naturalmente, nonostante questa sentenza apre la porta a invalidità E ora non solo inadeguato, studierà caso per caso, con la documentazione e le prove in grado di fornire.

Differenza tra licenziamento senza giusta causa e il licenziamento nullo

La differenza tra un licenziamento è considerato ingiusto da un tribunale, o no, non è banale. Nel primo caso, il giudice ritiene che il licenziamento non ha soddisfatto i requisiti formali, o "ragioni materiali" per questo presunti da parte della società non giustificarlo. In tal caso, il datore di lavoro può scegliere di reintegrare il lavoratore o lo compensare l'importo corrispondente.

Tuttavia, quando un licenziamento è considerato nullo, il giudice capì di essere stato discriminatorio, o Ha violato i diritti fondamentali del lavoratore In quest'ultimo caso, il datore di lavoro perde il potere di scelta, ed è costretto a riammettere il lavoratore alle stesse condizioni che aveva prima di essere fermato, oltre al pagamento dei salari tra la data di licenziamento e di riammissione, con la conseguente contributo alla sicurezza sociale.