La Spagna richiedono ancora di più per la salute 32.000 e 48.000 milioni di euro nel 2025

BARCELLONA / EFE Martedì 24/01/2017

La Spagna avrà bisogno di aumentare il suo bilancio di salute tra i 32.000 e 48.000 milioni di euro per il 2025, secondo il rapporto "Finanziare il divario. Il futuro del sistema sanitario "sviluppato da ESADE, chiedendosi se questo aumento sarà possibile senza riduzione delle disuguaglianze sanitarie

Altre notizie

  • I quattro pilastri della salute, sei a rischio?
  • Abecedario di salute: dalla A alla Z

Lo studio dice che la spesa sanitaria spagnola nel 2025 può essere situata tra 97.000 e 113.000 milioni di euro all'anno, che sarebbe il peggiore il doppio del budget 2015, che si stima essere stato 64,<883>milioni di euro.

La relazione è stata presentata oggi dal direttore dell'Istituto per il Management Sanitario ESADE Manel Peiró, e managing partner di Antares Consulting, Joan Barrubés, entrambi co-autori della stessa, che ha sottolineato la necessità di affrontare il dibattito sul sistema sanitario dal punto di vista della sostenibilità finanziaria e la necessità di ridurre le disuguaglianze.

I due scenari presentati nello studio, ha detto Barrubés, derivante da una previsione "massimalista", sulla base di una crescita prevista dell'8%, e una proiezione "possibilista", che segue le disposizioni del l'Organizzazione europea per la cooperazione economico (OCSE).

Come si spiega la differenza tra le due stime, in quanto gli autori hanno dichiarato, è "il costo dell'inazione", il che significherebbe un incremento di 16.000 milioni di euro, che dovrebbe essere aggiunto alla 32.000 milioni di aumento "che rappresenta la base da finanziare per soddisfare le esigenze."

Barrubés ricordato che la sostenibilità del sistema si basa sulle risorse utilizzate per finanziare, nel grado di copertura della popolazione e la spesa vantaggio, e ha indicato che nessuna sezione delle risorse è sufficiente guardare, perché "non è vero che abbiamo un sistema fiscale efficiente "dal momento che" la Spagna non avrebbe deficit se recaudase lo stesso come i loro partner europei. "

Direttore di Antares Consulting ha anche affermato che, in base ai barometri del Ministero della Salute "quasi un terzo della popolazione ritiene che il sistema sanitario deve essere riformato" e che "durante la crisi il bilancio della sanità è sceso del 14%" , i fatti dimostrano che non sta prendendo la direzione dovrebbe.

Peiro ha detto che "ci troviamo in una situazione di sovradiagnosi", perché ci sono state molte segnalazioni che hanno passato ai raggi X "con precisione" stato del sistema sanitario spagnolo "ma che non funziona", perché "la trasformazione del sistema sanitario non ha mai stato nell'agenda politica. "

Il vice direttore generale di ESADE, Francisco Longo, che ha moderato il dibattito, ha dichiarato che la base dello studio è stato quello di garantire "sistema equo e accessibile per tutti i cittadini" e ha ricordato che i dati indicano che "più costosa rispetto alla costo della salute è il costo della malattia", così urgente intraprendere riforme.

Longo ha detto che questo rapporto è "diagnosticato", "un punto di partenza" per iniziare a studiare cosa dovrebbe essere fatto in futuro, ciò che sarà discusso a breve in diversi seminari destinati a "offrire soluzioni".

Peiro ha detto da parte sua che lo studio pilota presentato oggi su tre pilastri: garantire risultati di salute, capacità di finanziare il sistema collettivo e le aspettative del pubblico circa le cure necessarie.