Retaggio emotivo: il testamento di ciò che non è detto nella vita

MADRID / EFE / PILAR GONZÁLEZ MORENO Mercoledì 2017/04/26

Arantxa Garcia Merino è 42 ed è stato produttore esecutivo di televisione. due anni fa ha avuto un esperienza di premorte. La sua giovane figlia aveva un anno poi. Ha registrato diversi messaggi se fosse morto. E 'stata la sua eredità emotiva

Altre notizie

  • Suggerimenti per aiutare il bambino a superare la morte di una famiglia
  • La paura di morire è quello che viene chiamato Thanatophobia

"Questa esperienza mi ha fatto riflettere e pensare che sarebbe successo se fossi morto in quel momento.Se sarebbe stato molte cose che vorrei trasmettere, e quindi l'eredità emotiva", ha detto EFEsalud.

Le registrazioni ha fatto quindi sono sicuro perché quello che conta è "molto intimo, perché voglio che vediate quando me ne sarò andato; Sono cose importanti che voglio tenere nella memoria per sempre e se vedono ora con il passare del tempo si dimentica ".

Il vostro bisogno di quel tempo ha spinta a creare una società che fornisce la possibilità di registrare la tua eredità emotiva, salvaguardare e, infine, fornire la più vicina che hanno precedentemente indicato.

Dopo più di un anno di riprese hanno più di 250 lasciti emotive di persone che sono quasi tutti vivi.solo sette sono morti, perché la maggior parte delle persone non sono malati e non per età, vicino alla morte.

Il profilo medio che li ha contattato è quello di una donna urbana, di età compresa tra 45 a 65 che sentono il bisogno o la responsabilità di lasciare un messaggio, ma ci sono anche i bambini affetti da gravi malattie, le persone con i primi amanti messaggi Alzheimer la sua amata / o, e anche che non vogliono riconoscere la paternità del figlio nella vita, ma la sua morte.

Di tutte le storie, Arantxa, che è madre di quattro figli di cui un bambino di 9 anni malato di cancro. Ho voluto registrare un messaggio senza i genitori intervenire per avere la libertà di esprimere il peso che ha causato la famiglia nel suo tentativo di sostenerlo.

Il bambino era malato di tutti dirle come si sente, fare e pensare, e quello che volevo era quello di esprimere, come è stato davvero nessuno lo sgridare o dirgli che non era pessimista.

Un Arantxa anche lui mosso se una donna ricoverata in cure palliative per cancro in fase terminale. Volevo che l'incidere leggere la storia che ogni sera leggeva a sua figlia quando lei andò a letto. Ma lui non ha avuto il tempo di lasciare la loro eredità emotiva.

Ci sono altri che raccontano come sono stati loro esperienze ed emozioni. Sono madri o genitori che vogliono che i loro bambini a conoscere ulteriormente, oltre il ruolo di genitori, e le persone principio desiderosi che i loro parenti li ricordano prima che la malattia di Alzheimer cancellare la loro identità.

Video Company //www.hastasiempre.es/

retaggio emotivo: la paura della morte

La necessità di lasciare un'eredità emotivo è molto antica ed è strettamente correlata alla paura della morte e ciò che accade dopo la morte, dice lo psicologo Jorge Lopez Vallejo, che ha individuato quattro profili-tipo di persone che si sentono questa urgenza: coerente, paranoico, ossessivo e malinconico

Coerente: sono persone che vogliono lasciare un'eredità intellettuale, un ricordo di un'esperienza, o di raccontare un certo punto nel tempo per servire come incoraggiamento per le loro famiglie quando sono mancanti.

I paranoici: vivono in un mondo pieno di irrealtà e la necessità di riconoscere che la paranoia in cui vivono, è una paranoia che li fa sentire arrabbiato per qualche motivo e di solito non sono in grado di scaricare il movente nella vita.

Nella sua consultazione sono stati casi di bambini che ottengono ansioso perché uno dei genitori ha lasciato loro un messaggio scritto o registrato su ciò che sentiva o pensava che la vita. La lettera li induce frustrazione considerato che non erano in grado di vedere lui e perché non avrebbe mai potuto immaginare.

Ed è imprevedibile perché questo tipo di progenitore "vive in una paranoia patologico senza fondamento nella realtà, incentrata sulla esperienza di vita personale che non ha nulla a che fare con ciò che ho vissuto per il resto della famiglia intorno a lui."

"Il problema è che diventano schiavi della loro decisione di loro figli e la loro prole per molto tempo a cercare di capire l'enigma del perché i suoi genitori hanno detto quello che hanno detto dopo la loro morte."

Obsessives sono quelli che vogliono tutto e vogliono continuare il monitoraggio dominato solo dopo la morte.

Questo è il più grande gruppo, secondo Lopez Vallejo riferendosi al caso di una persona che ha lasciato ordini precisi su come voleva il suo funerale e la sepoltura: il tutto in lutto; divieto assoluto di mobili, tempo e modo esatto della sua sepoltura, tipo di fiori e di come e quando metterli nel corso del tempo.

Gloomy: sono persone che vivono in malinconia, tristezza e angoscia. Il suo messaggio non deve essere esasperante, non è difficile, ma vogliono che i loro figli non soffrono ciò che hanno sofferto nel corso di una vita di continua malinconia con una tonalità piuttosto victimista, ma ottengono esattamente l'opposto.

gap di comunicazione

La necessità di lasciare l'eredità emotiva si può anche osservare una mancanza di comunicazione. Così capisce la psicologa Julia Vidal, per i quali questa pratica testimonianza riflette anche, tra gli altri, la difficoltà di espressione nella vita.

"In generale non v'è deficit di comunicazione sufficiente, molte persone si vergognano di esprimere i loro sentimenti, dall'amore, dicendo loro quello che vogliono loro di perdonare, di qualcosa di pentirsi. Evitarlo. E in questo modo trovano una buona occasione non solo di ricevere il messaggio, ma per il sollievo della persona con la necessità in sé, perché è già esprimendo, e può essere in uno stato di "equilibrio" e poi " dice.

Vidal è importante per favorire la comunicazione "espressione di affetto, il perdono è un bene per il donatore e il ricevente. Non imparare a fare che ci fa perdere la loro 'bontà'. "

"Nessun accordo con l'apprendimento di espressione emotiva, o mantenere evitare la vergogna, la paura o vergogna, non ci dà la possibilità di crescere nella nostra vita, se non continuare a mantenere queste paure", aggiunge.

Letture Consigliate