Emozioni che si celano dietro sovrappeso e obesità

MADRID / EFE / ANA SOTERAS Venerdì 2017/05/26

Binging quando si soffre di ansia; compensare dolce tristezza; razziando il frigo e ci danno un ... comportamenti abbuffate emotivi che influenzano sovrappeso e obesità. Una dieta non è sufficiente per perdere peso, se non trattare anche le emozioni

Altre notizie

  • Quando il cibo diventa un antidepressivo
  • Consigli per controllare l'ansia con il cibo

Quando lo psichiatra Giornata nazionale di nutrizione, il 28 maggio si celebra Javier Quintero applaude l'equilibrio emotivo come stile di vita raccomandazione nella Piramide della sana dalla Società Spagnola di Nutrizione Comunitaria è incluso per la prima volta ( SENC) ha recentemente presentato.

"Sembra fondamentale che alla base della piramide appare equilibrio emotivo, ma è necessario scavare un po 'più profonda. Non è solo uno stile di vita sano ed essere tranquillo. Non v'è che le persone che vivono la loro peso in eccesso in modo equilibrato, ma che non ha un problema di fondo esecutivo ", dice.

Per dieci anni un team di professionisti della salute mentale che lavorano con Quintero capitanata da una massima: "Se l'aspetto emotivo non funziona, altrimenti non funzionerà" sovrappeso obesità affrontare e la sua anticamera.

Se solo il bilancio energetico (apporto energetico e delle spese) è "diete possono fare come molti come si desidera, che sarà pari al numero di fallimenti nel tentativo di modulare il loro potere", dice il dottore.

E sotto questo aspetto emozionale legato alla depressione nessun caso, il trauma, la dipendenza al cibo, la mancanza di controllo degli impulsi, alla disorganizzazione nel modo di vivere ...

"Non tutti i pazienti sono buoni, non tutti sono cattivi, ma di solito il mito dell'uomo felice grasso cade", ha detto il capo della Ospedale Infanta Leonor Psichiatria a Madrid.

D.I.E.T.A analizzando le emozioni

Anni di team di ricerca Quintero nel rapporto che i diversi disturbi comportamentali e l'obesità e il sovrappeso sono concretizzati in uno strumento, il D.I.E.T.A.

Si tratta di una valutazione degli aspetti emotivi rispondendo a un questionario che chiunque può intraprendere attraverso il web di questa squadra, www.somoscomocomemos.com, e conoscere il profilo emozionale della persona interessata.

cinque dimensioni sono analizzati: D (interruzione); I (impulsività); E (emotiva); T (traumatica) e A (dipendenza) a diversi livelli.

"Normalmente uno o due dimensioni che sono generalmente si librano e creano il problema" che porta a mangiare incontrollata e aumento di peso morbosamente dice Quintero.

D si riferisce ad una perturbazione di stile di vita che porta a correre abitudini malsane; R si riferisce a impulsività pranzo, l'assenza di sé; E 'l'emozione (che ha due parti: quello relativo ad ansia con la depressione e altri); T è di aver vissuto un'esperienza traumatica; e A è la dipendenza da cibo.

Sulla dipendenza da cibo specialista spiega che alcuni alimenti, di solito carboidrati e zuccheri, insieme con alcune abitudini alimentari possono causare l'attivazione intensa e rapida di dopamina, un ormone che regola il piacere e tutto che lo attiva tende a ripetersi, creando la necessità di mangiare per attivare il meccanismo di ricompensa.

"Nelle persone che sono in sovrappeso e / o obesità sono molto spesso emotivo, cognitivo e / o psicologica, che definiscono il vostro modello di mangiare. Generalmente due tipi di problemi si verificano; primaria (quelli che agiscono come trigger e / o in sovrappeso aggravanti) e laterale (impatto degli effetti che può avere peso in eccesso, poi giocando come un fattore di cronicità e peggiorare la prognosi) spiega somoscomocomemos.com.

Mangiare con la testa

Più di 400 pazienti sono stati valutati in questi anni di ricerca: "l'80% dei pazienti in sovrappeso e obesi hanno un sottofondo emotivo", dice lo specialista.

Per il dottor Quintero, i messaggi per evitare che un aumento dei tassi di sovrappeso e obesità, "non raggiungono la popolazione", che "mangia male e più che dovrebbe" in un "tremendamente sedentaria" vive per cui v'è uno squilibrio evidente tra entrate e uscite.

"C'è un endocrino lot sostenendo mangiare fame, ma sono favorevole a mangiare con la testa. Mangiare fame è una spirale che raggiunge confondere l'ansia o tristezza fame. Mangiare con la testa sta facendo un previsto, cinque volte al giorno, senza saltare nessuna "ha detto lo psichiatra che conclude:". Con la testa siamo in grado di comprendere le emozioni e trovare la soluzione "