Procrastinare: quando la paura e senso di colpa prendere il controllo

Madrid / EFE / H.Fernández / A.M.Belinchón Mercoledì 2017/04/19

Non lasciare per domani quello che puoi fare oggi. Sicuramente più di una volta che avete sentito questo consiglio nella vita quotidiana: che è perché probabilmente siete stati procrastinare. Silvia Arcas psicologo analizza le cause e le conseguenze della procrastinazione nella nostra autostima a causa di paura e senso di colpa che conduce associati

Altre notizie

  • Sei assertivo, passivo o aggressivo? Scopri
  • Superare le nostre paure per ottenere emotiva
  • benessere.

Studiando una prova il giorno prima, rinviare un importante incontro di lavoro o lasciare un limite di progetto per l'anno successivo sono alcuni esempi di ciò che è noto come la procrastinazione.

Questa parola, sempre introdotto nella nostra lingua, si riferisce all'azione di rinviare urgenti o necessarie per dedicarci ad una più piacevole attività, anche se meno rilevante.

Quando si parla di procrastinare, dobbiamo distinguere tra quelli che fanno modo tempestivo, qualcosa che è abbastanza comune, e quelli che sono sorti come stile di vita.

Procrastinare, "abbiamo paura di affrontare una certa cosa che può essere molto travolgente, difficile, complesso o noioso, ma sappiamo che dobbiamo fare, perché è importante e noi eludere con migliaia di attività piacevoli, lasciando domani quello che potevamo fare oggi ". Questo termine si definisce la psicologa Silvia Arcas durante il suo passaggio attraverso i microfoni della nostra radio, "il bisturi".

Paura di prendere decisioni

Anche se è identificato con la gente vaghi, la procrastinazione, come spiegato Arcas non è tanto una questione di pigrizia e paura. "E 'come una palla di neve, tanto più mi sfugge ad, il problema crescerà più", ha qualifica.

Non svolgere un'attività importante che viene rinviata a tempo indeterminato portare conseguenze negative per la persona e, infine, in ultima analisi, veloce e spesso sbagliate.

Una volta che questa attività è stata completata, il prezzo che è stato pagato frustrazione, senso di colpa e senso di fallimento è davvero eccessivo.

"Abbiamo molto mirato a situazioni specifiche paure. Ci sono persone con una capacità di far fronte ottimale in situazioni come gli studi o la famiglia e ancora, sul posto di lavoro a tempo indeterminato che abroga ", ha detto Arcas.

Questo riguarda anche le risorse che riteniamo dobbiamo affrontare problemi perché, dice lo psicologo, noi otteniamo sollecitati quando crediamo che la richieste ambiente sono eccessiva e non abbiamo le risorse per affrontarle, ma a volte questo è una conseguenza della bassa autostima.

La persona può essere bloccato in un cerchio di ansia tale che compulsivamente svolge compiti per distrarre, come ad esempio l'uso di Internet o WhatsApp, fare shopping o binge eating, in modo che, a seguito di quella paura di affrontare il vita, una dipendenza, secondo Silvia Arcas viene generato.

Standard elevati e bassa autostima, chiavi procrastinazione

La società esercita una pressione significativa sulla nostra autostima, perché, in un certo senso, si prevede di avere una vita di successo. Tuttavia, dobbiamo supporre che le cose prendono sforzo e che solo le persone che hanno il coraggio di fallire possono avere successo.

"Molte volte abbiamo paura perché vediamo i compiti in modo globale, ma noi li vedono come una successione di eventi che alla fine ci portano a un obiettivo", ha detto Silvia Arcas.

Né sappiamo sempre distinguere tra le cose che sono veramente urgenti o comunque essenziali, che sono semplicemente importanti e quelli che fanno parte del tempo libero.

Ovviamente, dobbiamo optare per la priorità più urgente, risolverlo e poi dedicarci a ciò che è importante.

C'è un sacco di frustrazione, anche intelligente e pieno di risorse, perché anche se vengono fatte all'ultimo momento quello che era stato proposto, rimane una sensazione di fault e la sensazione di riluttanza

"Ci sono persone che si trovano ad affrontare molte richieste, a volte perché sono I perfezionisti E non hanno idea di dove i loro limiti reali ", dice Arcas.

"Altre volte, aggiunge, ci preoccupiamo tanto vogliono farci passare, a rafforzare e consideriamo noi importante che vogliamo piacere a tutti e non sempre è possibile".