Allergie alimentari: immunoterapia orale apre nuovi orizzonti

Madrid / EFE / Teresa Díaz Giovedi 2017/06/29

Una guida scientifica, un pioniere nel mondo, apre nuove prospettive attraverso l'immunoterapia orale, per controllare l'allergia alle uova e latte, con l'introduzione di linea e dosi crescenti di questi alimenti al fine di ridurre la sensibilità chi soffre di allergie, soprattutto i bambini

Altre notizie

  • ¿Allergia o intolleranza alimentare?
  • Le allergie più sorprendenti, tra cui l'aglio

Le dosi programmati e crescenti allergiche alle uova e latte questi alimenti per ottenere l'introduzione di desensibilizzazione persone è l'obiettivo di una guida scientifica spagnola, un pioniere nel mondo, che standardizza questo trattamento per aprire alla pratica clinica di routine.

La guida sottolinea che l'immunoterapia per via orale, di cui a questo trattamento, può desensibilizzare con successo fino al 90% dei bambini con il latte o uova allergia vaccino persistente, permettendo loro di prendere senza restrizioni.

Finora l'unico trattamento ampiamente accettato per prevenire i sintomi delle allergie alimentari è la dieta di eliminazione, ha detto il dottor Luis Echeverría, servizio di allergia pediatrica dell'Ospedale Universitario Severo Ochoa, Leganés (Madrid).

L'aumento delle allergie alimentari

Le allergie alimentari sono in costante aumento e, anche se non esistono studi epidemiologici, una prevalenza tra il 4 e l'8% della popolazione è stimata, che, secondo questo esperto, comincia ad assumere un "problema di salute pubblica", perché una percentuale di persone può avere gravi reazioni allergiche che possono essere fatale in alcuni casi.

L'uovo è l'alimento più allergizzante, seguiti da latte di mucca, che è il motivo per cui la guida si concentra su di loro, anche se sempre più emergere allergico al pesce, noci, frutti di mare o di frutta.

Il trattamento tradizionale (evitando gli alimenti che causano allergia) pone seri problemi per la qualità della vita dei bambini e delle loro famiglie e "difficile da mettere in pratica, perché l'uovo e il latte sono presenti in grandi quantità di prodotti trasformati" , ha detto il dottor Elena Alonso, un allergologo pediatrico Ospedale Gregorio Marañón di Madrid.

E c'è sempre il rischio di esposizione involontaria o accidentale, che, secondo gli esperti, può essere doloroso o drammatico, soprattutto per quelli più sensibili a reazioni gravi a piccole quantità di cibo, che può diventare anafilattico.

Lavorare insieme

Nella guida hanno lavorato più di 30 pediatri e allergists traduzione 18 diversi centri appartenenti alla Società spagnola of Clinical Immunology, Pediatric Allergy and Asthma (SEICAP) e la Società spagnola di Allergologia e Immunologia Clinica.

Gli esperti "hanno fatto un importante lavoro di consenso" e di offrire raccomandazioni da seguire, permettendo operatori sanitari ad escludere dal trattamento con maggiore efficacia e la sicurezza, secondo il dottor Carmelo Escudero, il Dipartimento di Pediatria Allergologia dell'Ospedale Bambino Madrid.

85% dei bambini allergici al latte di mucca raggiunge tolleranza spontanea prima di tre anni di età, mentre allergia all'uovo il 65% delle persone colpite farlo a 6 anni.

Per tale percentuale non conseguibile mediante naturali è destinatario finale immunoterapia orale, un trattamento che dura in media è di 140 giorni, anche se varia da caso a caso.

"E 'un abito su misura", ha sottolineato il dottor Alonso, un pioniere nella gestione di questo trattamento viene utilizzato in Spagna dal 2001, anche se sotto forma di minoranza e grazie al "volontarismo" dei medici.

È inoltre possibile inviare gli adulti, anche se l'esperienza che avete è di meno e "forse" risultati meno soddisfacenti, ha spiegato il dottor Rosa Garcia di Allergologia Servizio General Hospital Universitario de Ciudad Real.

trattamento controllato

Essendo un trattamento senza non-rischio (può causare effetti indesiderati) gli orientamenti fissati standard minimi di qualità e sicurezza, come viene applicato da medici professionisti esperti qualificati nella gestione di bambini allergici.

Inoltre, le strutture devono consentire al paziente di essere controllata in centro (non deve essere un ospedale) dopo la somministrazione della dose di cibo voli di linea e non ci devono essere i protocolli di intervento per il personale medico e infermieristico per far fronte reazioni allergiche, compresa anafilassi.

La guida sottolinea anche l'importanza della famiglia e il paziente sono motivati ​​a seguire le linee guida di trattamento medico e alla fine nel successo.

Gli esperti sono convinti che dopo la guida è molto diffuso e che la metà dei centri spagnoli adottarlo entro un breve periodo.

"Sappiamo che ci sono lunghe liste di richieste, ma non c'è abbastanza capacità di affrontare con la domanda", ha detto il dottor Alonso.

Letture Consigliate