Ipertensione uccide due volte dieci anni fa.

Madrid / Efe editoriale / Salute Martedì 2017/03/14

In occasione della Giornata europea per la prevenzione del rischio cardiovascolare, il 14 marzo, la Heart Foundation Spagnolo (FEC) pone l'accento sul corretto trattamento di ipertensione, una malattia che soffre quasi uno ogni due adulti e un terzo sconosciuto; Non è un problema minore, disturbi ipertensivi nel 2015 ha causato il 90 per cento dei decessi di dieci anni prima

Altre notizie

  • Il cuore delle donne
  • Bambino stile di vita sedentario: epidemia pericolosa

Se nel 2005 le malattie ipertensive causato 6.661 morti in Spagna, nel 2015 il numero è aumentato a 12.675. Questi sono i dati che l'ultimo rapporto emergono alcuni giorni fa dal Istituto Nazionale di Statistica, che continua ponendo le malattie cardiovascolari come la principale causa di morte, 29.39 per cento dei decessi.

Il rapporto fa anche altri fatti inquietanti che meritano di essere analizzati: insufficienza cardiaca, la principale causa di ricovero in ospedale, il numero dei morti rimane 2005, passando al di sopra 19.000 persone l'anno; e tassi di mortalità nelle donne sono allarmanti, perché nel 2015 10.000 uomini rispetto alle donne sono morte di malattie cardiovascolari.

All'altra estremità della scala, ci sono anche dati che dimostrano che la ricerca cardiovascolare, gli sforzi per migliorare la qualità delle campagne per la cura e prevenzione portano frutti: ha ridotto la mortalità per infarto del 32% e di ictus (corsa) entro 18 percento.

Soffre di ipertensione 42, 6 per cento della popolazione spagnola, mentre il 37,4 per cento sono non diagnosticata, secondo lo studio [email protected] pubblicato nella spagnola Journal of Cardiology.

Questa condizione è "fattore di rischio per altre malattie cardiovascolari, come infarto o ictus, in modo sicuramente sta causando più morti molti," dice il Dott Macaya, presidente del FEC.

I danni dell'ipertensione

L'ipertensione è una maggiore resistenza al cuore quando esercitare pressione sulle arterie modo che portano il sangue agli organi del corpo. Quindi aumenta il muscolo cardiaco (ipertrofia ventricolare sinistra) per affrontare questo sforzo eccessivo, che può portare a insufficienza coronarica e angina pectoris. Inoltre, il muscolo cardiaco diventa irritabile e si verificano aritmie.

Ipertensione promuove anche arteriosclerosi (accumulo di colesterolo nelle arterie) e fenomeni trombosi (può provocare infarto miocardico o ictus).

E 'quindi essenziale per mantenere livelli di HBP ben controllati, mantenendo livelli di maxima (massimo) tra 120-129 mmHg pressione sistolica e diastolica (minima) tra 80 e 84 mmHg.

Nessun sale

"Luce di queste cifre, prevenire e curare l'ipertensione essenziale. La riduzione del sale aggiunto negli alimenti dovrebbe essere una priorità per i nostri politici e l'industria alimentare; ma non solo loro. Rimuovere la saliera dalla nostra tabella è una misura che possiamo, e dobbiamo, fare ciascuno di noi nella nostra vita quotidiana ", consiglia il dottor Macaya.

È anche essenziale aderenza dei pazienti con ipertensione stabilito e necessita adatto per esso terapia.

Meglio in ictus e attacchi di cuore, insufficienza cardiaca peggio in

Sebbene queste malattie, ischemica (infarto, angina pectoris, ...) e cerebrovascolari erano più letali nel 2015, negli ultimi dieci anni ha raggiunto una significativa riduzione della mortalità da queste cause.

Così, nel 2015 ha superato il 32% un minor numero di persone provenienti da infarto e ictus del 18% rispetto al decennio scorso. "Questo non significa che ci sono meno persone malate, ma dal 2005 ci sono stati molti miglioramenti nella gestione e l'organizzazione delle cure ospedaliere per queste malattie, come ad esempio codice del miocardio o generalizzazione della angioplastica primaria come prima opzione terapeutica", spiega Dr. Macaya.

Ma non tutte le buone notizie. insufficienza cardiaca o incapacità del cuore per dare al corpo il sangue di cui ha bisogno per funzionare, continua a causare morti praticamente lo stesso che nel 2005, è anche la principale causa di ricovero ospedaliero.

"Come già rivelato la Società Spagnola di Cardiologia con la relazione SOTTOLINEARE, c'è anche un'ingiustizia significativo nel trattamento di questa malattia tra le regioni. La variabilità della mortalità ospedaliera di questa malattia tra le comunità diventa 80% ", dice il presidente del FEC.

la mortalità cardiovascolare in Spagna, principale causa di morte

Anche se c'era un picco nel numero di decessi nel 2015 da tutte le cause, analizzando il tasso di mortalità (percentuale di morti per una causa in particolare per quanto riguarda decessi totali), malattie cardiovascolari mantenere la loro flessione negli ultimi anni. Mentre nel 2005 il 32,76% dei decessi sono stati causati da malattie cardiovascolari nel 2015 è 29.39%.

"Eppure", ricorda Macaya, "rimangono la principale causa di morte, prima del cancro e malattie respiratorie."

Sesso, 10.000 donne sono morte più di un anno per un po 'le malattie cardiache legate. Il più letale tra loro è la corsa (16.357), causando fino a 4.000 morti in più rispetto agli uomini.

Anche se ictus negli uomini (12.077) è anche quello che provoca più morti, dopo il cancro del polmone e dei bronchi (7.239), infarto (9.423) provoca fino a 3000 decessi tra le donne più.

Dalle comunità autonome, che hanno il più alto tasso di mortalità è Andalusia (32.67%), Asturias (32.38%) e Aragon (31.61); mentre Madrid (25.86%) Navarra (26.37%) e Paesi Baschi (26.92%) sono i meno.

Prevenire e impedire

Per ridurre l'incidenza e la malattia cardiovascolare, è indispensabile controllare i loro fattori di rischio (diabete, ipertensione, sedentarietà, fumo, sovrappeso, obesità e abuso di alcol tra gli altri) come avere uno aumenta in misura molto significativa le probabilità di malattie cardiovascolari ma hanno più di un fattore di rischio in modo esponenziale moltiplicare queste probabilità.

"Solo seguendo una dieta equilibrata e varia (a base di frutta, verdura, pesce, legumi, poca carne rossa ...), la pratica regolare esercizio fisico (almeno 30 minuti, cinque giorni alla settimana) e abbandonando il fumo, potrebbe essere ridotta le statistiche di malattia cardiovascolare in modo drammatico. Se hai già la malattia, oltre ad adottare queste abitudini sane, dovrebbe anche seguire rigorosamente il trattamento prescritto dallo specialista ", dice il Dott Macaya.

Letture Consigliate