Mancanza di vitamina D aumenta il rischio di allergie alimentari nei bambini

SYDNEY (AUSTRALIA) Lunedi 2013/04/03

La mancanza di vitamina D nel corpo dei bambini aumenta le probabilità che essi soffrono di reazioni allergiche alimentari, avverte uno studio pubblicato oggi in Australia

Gli scienziati australiani hanno scoperto che i bambini con bassi livelli di vitamina D erano tre volte più probabilità di soffrire di allergie alimentari, in base alla Research Institute Murdoch per bambini (MCRI, per il suo acronimo in inglese).

Inoltre, carenza di vitamina D aumenta le probabilità di molteplici allergie alimentari, anche se i ricercatori hanno determinato che c'era un collegamento tra la mancanza di vitamina chiamato "luce" e eczema.

Il rapporto tra D e allergie alimentari vitaminici si è verificato solo nei bambini i cui genitori sono nati in Australia e non in quei bambini con genitori nati all'estero, che possono essere collegati al colore della pelle, fattori genetici o ambiente, secondo la ricerca MCRI.

Per questo studio, pubblicato dalla rivista scientifica The Journal of Allergy e Immunologia Clinica, i casi di 5.276 bambini l'anno, che sono stati sottoposti a vari test per le allergie più comuni come il bianco d'uovo, arachidi o semi di sesamo analizzati.

Tra i test, sono stati prelevati campioni di sangue di 780 bambini per misurare i livelli di vitamina D

I ricercatori hanno trovato i bambini che vivono nelle zone più meridionali dell'Australia sono due volte più probabilità di avere l'allergia arachidi all'età di 4 o 5 anni e tre volte di più di essere allergico alle uova che i bambini che vivono nelle zone più paese del nord.

Il capo dello studio, Katie Allen, ha detto che l'aumento della prevalenza di carenza di vitamina D negli ultimi 20 anni, in parallelo l'aumento del tasso di allergie alimentari.

"L'allergia alimentare è in aumento e l'Australia ha una delle prevalenze più alti registrati in tutto il mondo e che il 10 per cento dei bambini hanno questo problema. C'è stato anche un aumento della carenza di vitamina D, con il 30 per cento delle donne incinte a Melbourne con questo deficit ", ha detto.

Allen ha sottolineato che lo studio fornisce la prima prova per quanto riguarda la vitamina D è importante per prevenire le allergie alimentari nei primi anni del fattore di vita.

Lo studio co-autore Jennifer Koplin ha detto che il prossimo passo è quello di determinare se la vitamina D diventa importante nel determinare se una persona sarà o non allergico agli alimenti che si riferiscono al periodo della gravidanza e nei primi anni di una bambino.

Letture Consigliate