15 Scienziati spagnoli riflettono sul presente e sul futuro della scienza

Madrid / EFE / Ana Maria Belinchón Venerdì 2017/02/17

Dalla scoperta del fuoco alla ricerca attuale nel campo della genetica e epigenetica, la conoscenza scientifica è sempre stata al servizio del progresso, diventando il motore dell'umanità. La Fondazione Lilly ha riunito 15 personalità del mondo della scienza, tra cui Mariano Barbacid, Adela Cortina, Manel Esteller e l'ex ministro Cristina Garmendia, per discutere la situazione attuale e il futuro della scienza

Altre notizie

  • "Eccellente": una collezione artistica della scientifica
  • Valentín Fuster richiede un Ministero della Scienza e dell'Innovazione

Il progetto ha riconosciuto il lavoro di 15 scienziati spagnoli provenienti da diversi settori: Francisco José Ayala, Lina Badimón, Fernando Baquero, Mariano Barbacid, Miguel Beato, Adela Cortina, Guillermo de la Dehesa, Manel Esteller, Cristina Garmendia, José Antonio Gutiérrez Fuentes, Federico Sindaco Menéndez, Lorenzo Melchor Cesar Nombela, Carlos Lopez e José Manuel Sánchez Otín Ron.

La cerimonia, moderata dal giornalista scientifico Pere Estupinyà Vi hanno partecipato Javier Ellena Presidente della Fondazione Lilly; José Antonio Sacristán Direttore della Fondazione Lilly; Ricardo Moure Umorista e divulgatore in Big Van; Carmen Vela Segretario di Stato per la ricerca; Miguel Beato Coordinatore del programma regolamento Centro genica per regolamento Genomic (CRG) a Barcellona; Lorenzo Melchor coordinatore scientifico internazionale della Fondazione spagnola per la Scienza e la Tecnologia presso l'Ambasciata di Spagna a Londra, e José Manuel López Nicolás Professore di Biochimica e Biologia Molecolare presso l'Università di Murcia.

Cinque importanti giornalisti scientifici, Josep Corbella Verónica Fuentes Pablo Jáuregui Daniel Mediavilla e Pilar Quijada Hanno parlato con queste "stelle" del panorama scientifico spagnola per ottenere un'osservazione collettiva essenziale in un momento critico della scienza spagnolo. Queste sono alcune delle riflessioni.

Gli scienziati spagnoli hanno intervistato

Francisco José Ayala

Francisco. J. Ayala è un biologo spagnola specializzata nella genetica e evoluzione della specie Riconosciuto dalla applicazione della biologia molecolare per l'evoluzione e scoperte riguardanti parassiti che causano la malaria e la malattia di Chagas. A 82 anni è un professore di biologia presso l'Università della California.

Naturalizzate negli Stati Uniti rappresentano, Ayala durante l'intervista che non ci ha mai fatto le opposizioni, né presentato domanda di ammissione, perché hanno sempre offerto posizioni: " Quella non accade in Spagna Nessuno mi ha detto "hey, abbiamo un posto di insegnante distinta in un buon laboratorio con un buon stipendio con buoni studenti al college, perché non vieni?". Non so se mi piacerebbe tornare perché l'atmosfera è molto più favorevole lì ", dice.

Lina Badimón

Lina Badimón è direttore del Cardiovascular Research Center CSIC-ICCC. Le sue ricerche sulla coagulazione del sangue e la parete delle arterie hanno contribuito a ridurre cardiovascolare mortalità.tra la popolazione.

Cardiologo valuta la situazione attuale: "E 'tagliare posti di lavoro nel campo della ricerca non è la stessa cosa che farlo in altri settori, in quanto si tratta di una qualificata esperienza che richiede anni per acquisire", spiega.

A suo parere, "questo paese ha creduto nella capacità del suo popolo in Humanities Ma non nel Scienza Questo ha fatto sì che, quando c'è una situazione di crisi, il governo non mente tagli sulla ricerca ".

Fernando Baquero

Fernando Baquero è Research Professor e Direttore del Biologia Ricerca e sviluppo di microrganismi al Cajal Hospital Ramon y a Madrid. In qualità di esperto in microbiologia Ricorda che l'intero equilibrio della natura è dovuta ai microbi e dovremmo proteggerli per garantire la nostra sopravvivenza.

Per quanto riguarda la ricerca spagnolo, egli sostiene che "con pochi mezzi che abbiamo raggiunto ottimi risultati, ma i batteri mi hanno insegnato che la Intelligenza È soprattutto nel quantità Non tanto in termini di qualità. Ci sono così tanti che risolve tutti i problemi. Se multiplicásemos il numero di scienziati in Spagna, aumenterebbe in modo esponenziale la nostra capacità di produrre scienza ".

Mariano Barbacid

Barbacid è un punto di riferimento mondiale nel lotta contro il cancro Attualmente è capo del gruppo di Oncologia Sperimentale del National Cancer Research Center (CNIO), che continua a cercare nuovi bersagli terapeutici per il cancro.

Nelle sue parole, in questi ultimi anni sono stati un "vero disastro" per la ricerca scientifica in Spagna: "Bisogna vedere i politici che i paesi che hanno investito nel campo della scienza e della ricerca ora sono i più ricchi," dice.

"Se triplicare l'investimento, la Spagna non alzare la testa nei prossimi anni e noi può dimenticare di avere un ruolo nel primo mondo", dice il ricercatore.

Miguel Beato

Dopo 35 anni di carriera in Germania, Miguel Beato tornò in Spagna nel 2001 e ha fondato e diretto il Centro per regolamento Genomic (CRG) a Barcellona. Questo centro di ricerca si applica ad alto livello Metodo EMBL Vale a dire, i segni scientifiche un contratto di quattro anni e cinque, anche il miglior investigatore del mondo, si deve andare a nove.

Per Beato, il contributo più importante che gli scienziati fanno è quello di scoprire come funziona il corpo: "Una volta che i meccanismi vengono scoperti, le applicazioni che si possono fare o può fare un altro. Per la società è la cosa più importante da fare la ricerca di base "Osservazioni.

Adela Cortina

Adela Cortina è professore di Etica e Filosofia presso l'Università di Valencia e membro della Reale Accademia delle Scienze morali e politiche (RACMYP) politica.

Sulla società spagnola attuale, egli ritiene che "il fatto che così tanti fotogrammi corrotti vengono scoperti significa che abbiamo avanzato Credo che abbiamo i mezzi per creare una società più Etica Ma i mezzi non sono sufficienti. Dobbiamo mettere il sarà e prestazioni e penso che è il momento. "

Per quanto riguarda il consumo dannoso di scienza, Cortina spiega che "in situazioni critiche in cui ci sono persone disposte a fare un'atrocità che nessuno può fermare. Ma dobbiamo essere chiaro che l'etica non è una Portiamo gli esseri umani, gli individui, le società. Il che facciamo. "

Guillermo de la Dehesa

Guillermo de la Dehesa era vice ministro dell'Economia durante gli anni '80 ed è ora presidente onorario del Centre for Economic Policy Research (CEPR) di Londra.

Alla domanda su tagli del governo nel campo della scienza, quando appaiono difficoltà economiche, De la Dehesa sostiene che "se si pensa dei periodi di politici, di quattro anni, il tempo è molto breve. Ci dovrebbe essere un accordo tra tutte le parti in modo che ci sia stabilità gli investimenti nella scienza e nello sviluppo. "

Manel Esteller

Manel Esteller, riconosciuto come un pioniere e di riferimento nel campo dell'epigenetica, dirige il programma di Epigenetica e Cancer Biology Institute of Bellvitge Biomedical Research di Barcellona.

Epigenetica Esteller definita come quella che regola la nostra genoma I marchi Ie sono chimici responsabili per modificare il DNA e di altre molecole nel processo decisionale della nostra cella e il controllo se i geni sono attivi o inattivi.

A proposito della sua carriera di ricerca non ha studiato medicina per curare il paziente che ora visita medica, ma per guarire il seguente: "Vado al laboratorio ogni mattina da un curioso Per risolvere piccoli enigmi, piccoli puzzle. Alcuni avranno utilità in uno, cinque o dieci anni. Risolvere è il primo passo per trovare un modo per curare questi problemi che si verificano in queste cellule ".

Cristina Garmendia

Garmendia studiato genetica presso l'Università di Siviglia e si trasferisce a Madrid per fare un dottorato di ricerca con Margarita Salas. Nel periodo del 2008 e 2011 è stato Ministro per la Scienza e l'Innovazione e attualmente presiede la Fondazione COTEC per l'Innovazione.

Durante il suo tempo come ministro, riconosce che la cosa più difficile che ha fatto nella sua vita professionale è stata la difesa di Bilancio 2011 "E 'stato il più consistente aggiustamento di tutta la legislatura, con una media del 25%. Questo sistema è crollato scienza e dell'innovazione. Alla fine questo ministero era fuori di regolazione. Che è quello di fare una politica diversa. Il 2011 è stato 0,77 inferiore a quello del 2010. lotta era molto difficile e duro. "

José Antonio Gutiérrez Fuentes

José Antonio Gutiérrez Fuentes è uno specialista in medicina interna e accademico eletto della Reale Accademia dei Dottori della Spagna.

offerta Gutiérrez Fuentes per attirare più interesse e partecipazione settore privato scienza: "Se a questo aggiungiamo il finanziamento viene dal settore pubblico e privato e contestualizzare PIL, siamo più o meno al 1,27%. La media dei paesi OCSE è del 2%, quasi il doppio. Il settore pubblico ottiene di sopra del 50%. Nei paesi veramente impegnati per la scienza questo non è vero ", dice durante l'intervista.

Federico Mayor Menéndez

Sindaco Menéndez è professore di Biochimica e Biologia Molecolare presso l'Università Autonoma di Madrid e presidente della Società Spagnola di Biochimica e Biologia Molecolare.

Durante l'intervista ha elogiato la qualità dell'insegnamento universitario in Spagna: "Abbiamo cattivi università, ma dobbiamo migliorare i meccanismi di governance e di renderli più diversificata. Non tutti avrebbero dovuto offrire tutte le discipline. Dobbiamo anche essere chiedendo in criteri di qualità Non capisco un'università senza ricerca, almeno in alcuni settori come la Biomedica "Dice il sindaco Menéndez.

Lorenzo Melchor

Lorenzo Melchor è coordinatore scientifico internazionale della Fondazione spagnola per la Scienza e la Tecnologia presso l'Ambasciata di Spagna a Londra e fondatore della Società di scienziati spagnoli nel Regno Unito (CERU).

Per quanto riguarda la formazione di ricercatori spagnoli, Melchor dice che era "la nostra creatività è apprezzata per molti esperimenti fondi molto piccolo ".

A suo avviso, la società ha bisogno di difendere la scienza "Quando ci sono tagli nella sanità, le strade sono piene. Quando ci sono i tagli nel campo della scienza, gli scienziati lasciano solo ", dice.

César Nombela

César Nombela è professore di Microbiologia e unisce il suo lavoro di ricercatore con la gestione di organismi scientifici come il CSIC e attualmente Menendez Pelayo University.

Nombela ha valutato la politica scientifica spagnola: "Dal 1980 al 2007 la Spagna ha avuto il primo grande rottura Prodotto molto di più la scienza, è triplicato il suo contributo globale e ha avuto un impatto maggiore. Da allora, abbiamo bisogno di quel secondo off, non appena arrivato. Non credo che ci possiamo permettere ancora a lungo, senza avere fretta, disciplinano che governa "Nombela spiega.

Carlos Lopez Otín

Lopez Otín è un esperto in Cancro e campi di invecchiamento in cui la ricerca presso l'Università di Oviedo, dove è professore di Biochimica e Biologia Molecolare.

Egli ritiene che la società spagnola nel suo insieme "non è un fan della scienza o della cultura della società. Si tratta di altre priorità e devo ammettere che, perché abbiamo controllato tutto. "

Per convincere la società della ricchezza della scienza, Lopez Otín propone l' educazione come la chiave di tutto: "Educare fin dai primi secoli con i sistemi di insegnamento innovative che consentono di generare un vasta conoscenza Questa conoscenza globale dalla più tenera età ci renderà meglio in tutte le dimensioni, costruirà un più giusto, più equilibrato e certamente società economicamente più ricca, anche se io preferisco i valori di ricchezza sociale "Dice.

José Manuel Sánchez Ron

José Manuel Sánchez Ron è professore di Storia della Scienza e membro della Reale Accademia di Spagna (RAE).

La presenza di Castigliano in la comunicazione della scienza in un mondo internazionalizzato, afferma che "non c'è nessun problema di essere bilingue, la questione è di avere amore e rispetto per la propria lingua ".

Vota alcuni anglicismi come "orribile e inutile", come usato, ad esempio, la frase "Io si applica" al posto di "Chiederò."