Prendere sonniferi aumenta il rischio di fratture negli anziani

Il insonnia e osteoporosi sono due condizioni che di solito si verificano in adulti più anziani, e sono più legati di quanto sembri. Secondo una recente ricerca pubblicata sulla rivista PLoS ONE Il sonniferi Farmaci IE per facilitare il sonno, aumentare la rischio di una caduta e quindi una frattura (L'anca più comune) negli anziani. Una cosa scoraggiante, soprattutto sapendo che tra il 20% e il 50% delle persone colpite da questo tipo di frattura sono anziani appena morto.

Le persone che utilizzano nuovi farmaci per dormire (i farmaci Z) per 15-30 giorni presentato un rischio di frattura dell'anca del 53% superiore a

A quanto pare, il rapporto tra sonniferi e fratture perché i farmaci rendono più anziani che li prendono sono sonnolenza durante il giorno Causando loro di perdere i riflessi e la reattività, nonché il coordinamento del movimento e l'equilibrio.

farmaci Z non sono più sicuri

Anche se questo problema era noto da anni, che non era noto fino ad ora era che i cosiddetti farmaci Z Che sono stati utilizzati come alternativa ai sonniferi benzodiazepina classica (Valium o Ativan), rappresentano anche una soluzione perché lo studio ha anche concluso che generano il rischio di cadute.

"I farmaci Z sono stati sviluppati allo scopo di dare ai pazienti un'alternativa più sicura, ma non ci sono prove per confermare che questi sono più sicuri di benzodiazepine come una frattura timori per il rischio", ha detto Ben Carter, il Facoltà di Medicina e l'Istituto di Psichiatria presso l'Università di Cardiff (Regno Unito), e autore principale dello studio.

In particolare, in questo studio, in cui i dati da un totale di 18 studi che esaminano l' sono stati rivisti. rapporto tra sonniferi e fratture E in cui più di 900.000 persone con più di 65 anni di età hanno partecipato, si è constatato che i nuovi farmaci per il sonno (i farmaci Z), ha causato una frattura tasso di 2,5 volte superiore rispetto a quelli sperimentati dalle persone non stanno prendendo il farmaco; il rischio che anche iniziato appena due settimane trascorse dopo l'inizio del trattamento.

Tuttavia, è stato anche osservato che la probabilità di frattura leggermente verso il basso quando il paziente ha trascorso più di 30 giorni in questa terapia, ma non è mai scomparso del tutto. Secondo questo studio, le persone che hanno usato questi farmaci per 15-30 giorni avevano una rischio di frattura dell'anca 53% in più rispetto al resto della popolazione, mentre quelli durante il trattamento prolungato più di un mese avevano un rischio più basso, ma anche più alti di quelli non prendere sonniferi (20%).

Stai abusando sonniferi? Alternative per anziani

Questi dati immessi sul tavolo molti esperti sorgano dubbi: è abuso di questi farmaci, anche in situazioni in cui potrebbero rivelarsi altre alternative non farmacologiche? In base a tale riflessione, specialisti come Alan Mesch, Syosset Ospedale di Northwell Salute (New York), ricordate che ci sono una serie di abitudini che possono contribuire a promuovere il sonno degli anziani senza farmaci.

"Esercizio diverse ore prima di andare a dormire, non prendere la caffeina dopo le ore 15.00, evitare alcol e altre misure di igiene del sonno Sono abitudini che possono aiutare ad alleviare questo problema senza subire un trattamento farmacologico, "dice, e conclude:" Molti pazienti dovrebbero provare questi passaggi prima di prendere direttamente sonniferi ".

Letture Consigliate