Congresso cooperazione dei medici: la cura per i rifugiati "oltre ogni interesse"

GRANADA / EFE / PILAR GONZALEZ Venerdì 2015/12/04

Il Primo Congresso della Cooperazione Internazionale della Medical College (OMC) priorità chiamate attenzione ai rifugiati "urgente" e "di sopra di ogni interesse"

Altre notizie

  • Cosa minaccia la salute dei rifugiati?
  • Immigrazione, il viaggio della mente

Congresso ha sottolineato l'impegno costante di medici professionisti nella difesa dei "diritti e della dignità delle persone umane in qualsiasi parte del mondo, così come nella lotta contro la sofferenza, il dolore e la malattia".

intervento medico umanitaria nella crisi dei rifugiati nel Mediterraneo Egli si è concentrata questo primo Congresso, che ha coinvolto rappresentanti di organizzazioni umanitarie come Medici Senza Frontiere, Croce Rossa, UNHCR, e Amnesty International, nonché i professionisti medici, avvocati ed esperti in ricerca e soccorso.

Per tre giorni Granada ha ospitato questa conferenza, che si è concluso con la "Dichiarazione di Granada".

Un testo che i governi europei stanno richiedendo la risposta immediata alle "estrema necessità" processi streamline di accoglienza e trasferimento di centinaia di migliaia di profughi in fuga conflitto armato in quattordici paesi in guerra.

I medici chiamano questa dichiarazione nel rigoroso rispetto del diritto internazionale per la protezione delle istituzioni sanitarie nelle aree di conflitto e ha chiesto l'apertura di un'indagine indipendente sui recenti bombardamenti dell'ospedale di Medici Senza Frontiere in Afghanistan.

Nel XXI secolo, nessun paese da solo può da solo affrontare le sfide poste da flussi di rifugiati nella crisi del Mediterraneo ha generato ed attualmente si avvicina un milione di esseri umani.

Chiedere la fine della tragedia

"Questo è il motivo per cui la società civile in Europa dei valori e alle esitazioni e procrastinazione dei governi, deve prendere l'iniziativa e chiedere la fine della tragedia."

In questo Congresso è diventato chiaro che i professionisti devono avere una voce forte e inequivocabile alla tragedia di questa crisi e rendere visibile il lavoro di ONG spagnole.

L'obiettivo di questa riunione, ha detto il presidente del WTO, Juan José Rodríguez Sendin E 'stato "per sensibilizzare modo continuo e permanente la nostra professione e la società circa l'importanza della cooperazione e assistenza a chi ne ha bisogno, ovunque essi vivano."

Sendin per la cooperazione "non è solo una necessità ma un aiuto che si basa su un diritto forgiato e obblighi in Europa dei valori".

Il documento di conclusioni, i partecipanti di questo Congresso è nato con l'obiettivo di rimanere in tempo e di essere un luogo di incontro, si ricorda che siamo di fronte alla più grande crisi umanitaria e dei rifugiati dalla fine della seconda guerra mondiale con figure che superano tutte le aspettative: 1,9 milioni di rifugiati, 38,2 milioni di sfollati interni e 1,8 milioni di persone in attesa di risoluzione in materia di asilo.

Si precisa inoltre che l'atteggiamento "spesso passiva" degli Stati e delle responsabilità nell'affrontare e fornitura di soluzioni a questo dramma umanitario in conformità questione con i trattati adottate dai governi e gli accordi degli Stati ai sensi del diritto internazionale umanitario.

indesiderate

effetti.

Altre riflessioni di espresso si riferisce alla pratica della medicina e della sanità nelle zone di conflitto e di guerra, con implicazioni politiche e militari, hanno "effetti indesiderati" e spesso il cure mediche ad una popolazione viene manipolata da gruppi in combattimento e la pratica anche noi vediamo noi stessi come i medici a

dilemmi etici e morali.
"La sfida principale è che la medicina non sarà mai una vittima del conflitto stesso, o vittime di violenza, ma sempre agire in modo indipendente, con l'unico scopo della dignità umana".

Il documento conclude che se dovessimo evidenziare una diagnosi corrente in relazione alla salute globale sarebbe "disuguaglianze nella salute, in particolare rappresentato sugli ostacoli all'accesso ai servizi sanitari e l'applicazione di nuove tecnologie diagnostiche e farmaci, in particolare per povera gente, la svantaggiati, i più poveri ".

Letture Consigliate