I medici soffrono anche di disturbi mentali.

I medici soffrono anche di disturbi mentali.

---
MADRID / EFE / EDITORIALE SALUTE Mercoledì 2017/10/05

Un totale di 621 medici sono stati trattati in soli due anni da disturbo mentale o dipendenza da droghe o alcool, una cifra che sale a 4.294 medici in diciannove anni del programma di cura completa medico Sick (Paime)

Altre notizie

  • Assalti medici: aumento del 37 per cento nel 2016
  • Dr. Serafín Romero, nuovo presidente dei
  • medici spagnoli.

Nella figura di 621 medici hanno partecipato nel 2015 e il 2016 includono solo quelli che hanno mostrato i problemi di cui sopra in primo luogo perché se si aggiunge il "repeat" il numero sale a 773, un importo che rappresenta solo lo 0,33% di tutti i medici in Spagna (circa 230.000).

Di questi 773 casi, il disturbo mentale (73,7%) è la ragione principale, seguito da alcolismo (11,4%) e la tossicodipendenza (6,9%); il resto sono dual patologia.

Questo unico in Spagna e un pioniere nel programma di Europa è stato lanciato dal College Medical (OMC) nel 1998 con l'obiettivo di prendersi cura della salute del medico per garantire un'assistenza di qualità ai cittadini.

Presidente della Fondazione della protezione sociale del WTO, Serafín Romero, ha riconosciuto in una conferenza stampa di oggi che ci sono ancora casi irrisolti, allo stesso modo che non riesce a soddisfare il 100% delle persone con diabete.

Egli ha dichiarato che l'obiettivo principale è che tutti i medici sono a conoscenza del programma, in particolare quelli che non sono interessati, perché "il tempo per coprire il partner o guardare da un'altra parte finita".

Con l'età, i più colpiti nel 2016 sono i medici di età compresa tra 51 e 60 anni (28,7% del totale), il 41 a 50 (27,9%) e da 31 a 40 (22,1% ).

Inoltre, il Paime mette in evidenza il cambiamento di tendenza a professionisti del sesso assistiti dall'ultimo rapporto.

Se ci fossero più uomini (53,5%) nel 2014 rispetto alle donne (46,5%), gli ultimi dati anno sono stati investiti e non ci sono più medici hanno assistito (52,5%) rispetto ai maschi, che è, secondo Romero, l'aumento del numero di collegiale.

Tuttavia, il direttore tecnico della Fondazione per la protezione sociale del WTO, Nina Mielgo, ha sottolineato che questa differenziazione è dovuto anche al ruolo di "fragile più", aggiungendo genere.

"Le donne sono più esposti ai rischi di stress da mancanza di responsabilità nella cura della famiglia, che è un ulteriore margine di vulnerabilità", ha lamentato.

Per quanto riguarda la modalità di accesso al Paime, 68,8% dei "pazienti" trattati medici tra il 2015 e il 2016 ha fatto in modo "volontario spontanea" 30,8% "indotto volontariamente" e il resto da accuse formale o confidenziali.

Per regione, il più alto numero di casi registrati dal Paime dal 1998 si è verificato in Catalogna (2048), dove il programma seguito da Andalusia (698), Madrid (416) e Navarra (223) è iniziata.

La Rioja (3), Asturias (11), insieme con le città autonome di Ceuta e Melilla (23) tra loro sono le comunità in cui sono state affrontate un minor numero di medici con problemi.

Questi dati sono stati presentati prima dell'inizio del VII Congresso di Paime (Meeting primo latino-americano) che si terrà tra Giovedi e Venerdì a Palma di Maiorca.