Mangiare sano e contribuirà a preservare il pianeta

EFE / MADRID / ANA SOTERAS Giovedi 2015/01/29

Un menu equilibrato, con frutti abbondanti e vari e verdura e meno carne e prodotti alimentari trasformati, è una dieta sana, ma anche sostenibile che aiuta a mantenere la salute del pianeta

Tutti noi possiamo contribuire a lotta ai cambiamenti climatici Si sta interessando le risorse idriche e la biodiversità se facciamo cambiamenti moderati nel nostro Dieta al fine di contribuire a ridurre il 25% delle emissioni di gas serra derivati ​​dal cibo.

Questo è uno degli obiettivi del progetto europeo "Livewell per la vita", l'organizzazione ambientalista WWF ha sviluppato in Spagna, con l'aiuto di nutrizionisti dagli spagnoli Fondazione Nutrizionisti-dietisti e dell'Ospedale Universitario La Paz.

"Questo progetto rappresenta una dieta con piccoli cambiamenti riconoscibili per il modo di mangiare nell'area del Mediterraneo e in particolare in Spagna", dice Celsa Peiteado, coordinatore del WWF Spagna dell'agricoltura.

Il dieta sostenibile E 'il risultato di un'analisi di ciò che si mangia, in media, un cittadino spagnolo. Dopo aver analizzato l'impronta di carbonio nei diversi gruppi di alimenti, ha riadattato la sua abbondanza nella dieta per ridurre le emissioni.

Raccomandazioni per mantenere la salute del pianeta coincide con ciò che si intende per una sana alimentazione. "Nel nostro carrello, sul nostro piatto deve essere più verdure e frutta prodotti di origine animale", dice Martina Miserachs, responsabile per le relazioni istituzionali della Fondazione spagnola di nutrizionisti-dietisti.

Livewell piastra

Il progetto "Livewell per la Vita" propone sei principi di consumare menù sostenibile per l'ambiente e aiuta anche a mantenere le risorse in un mondo sempre più affamato.

1. Mangiare più verdure, frutta e verdura. "Con aumento del consumo di alimenti vegetali il rischio di gravi malattie croniche è ridotta. Se si mangia 600 grammi di frutta e verdura al giorno (3 porzioni di frutta e verdura e verdura 2) Ridurre del 31% il rischio di cardiopatia ischemica o cancro esofageo 20% ", dice nutrizionista.

2. Vieni diversi vita Rallegratevi con un piatto varia e colorata. La varietà permette frenare la perdita dei raccolti e razze locali. "Varietà di legumi, verdure sono perduti, e sostituiti con lo stesso tipo di pomodoro si mangia tutti e quindi una perdita di biodiversità si verifica che abbiamo di fronte", considera il rappresentante ambientale.

Martina Miserachs nutrizionista insiste sul fatto che dobbiamo attingere a tutti i gruppi di alimenti "ma la cosa importante è la varietà all'interno dello stesso gruppo, non è la stessa come una mela una banana." E soprattutto usufruire di prodotti di stagione, che aiuta anche a preservare il pianeta. Inoltre, egli osserva, è importante scegliere i cereali integrali cereali integrali, che forniscono fibra sana e più sostenibili di farina bianca sottoposti a trattamento. "Il pane bianco offre sette varietà di sostanze fitochimiche, rispetto a più di settecento integrale".

3. fare un uso migliore del cibo, un terzo dei quali è prodotto nel mondo finisce nella spazzatura: Nei paesi in via di sviluppo, la maggior parte la perdita di cibo si verifica dalla fattoria al luogo a causa di malattie, parassiti stoccaggio colture o condizioni di conservazione poveri e non raggiunge i destinatari.Secondo Celsa Peiteado, nei paesi industrializzati i rifiuti sono prodotti dal settore della distribuzione alle nostre case.

"In Spagna 179 chili di cibo a persona all'anno gettati via. Oltre alla obbligo morale che tutti noi abbiamo per fermare la fame, l'impatto ambientale del consumo di acqua, energia, fabbrica di fertilizzanti anche finire nella spazzatura possono aderire. Si tratta di uno spreco di risorse diretta ".

Martina Miserachs menu piano propone di fare "una lista dei cibi di acquisto più coerente e responsabile che consumiamo. Deve tener conto delle dimensioni delle razioni, cucina a destra e, se libero, mantenerlo nel migliore dei modi. "

4. Mangiare meno carne, provare altre fonti di proteine: aumento del consumo di carne, soprattutto rossa e grassi, è associata a rischio di malattie cardiovascolari, alcuni tipi di cancro e una maggiore circonferenza addominale. "Dobbiamo ridurre la quantità di carne, sia in frequenza e dimensione di servizio, e verdura alternativo o sostitutivo" dice nutrizionista.

Il WWF ricorda allevamento di manzo, razze locali, la produzione biologica contribuisce a preservare tali paesaggi iconici come pascoli e generare occupazione rurale.

5. Mangiare cibi meno elaborati: consumano più risorse per la produzione e rappresentano un maggiore impatto ambientale quando si usa l'imballaggio per la distribuzione di cibo alla rinfusa, spiega il rappresentante ambientale. E per la nostra salute anche l'impatto è negativo per contenere alti livelli di sale, grassi e zuccheri che si aggiungono alla già elevata nella nostra dieta quotidiana, per meglio prendere produrre e grassi come l'olio d'oliva fresco, dice il nutrizionista .

6. certificati acquistare cibo: come la MSC per la certificazione dei prodotti ittici ottenuti in modo responsabile al fine di evitare la pesca eccessiva e distruzione dell'habitat.consumo locale è anche raccomandato dalla pesca artigianale che non hanno alcun impatto sull'ecosistema.

"In Spagna, anche noi consigliamo di ricorrere alla produzione biologica e del commercio equo, il commercio locale e prodotti di stagione che garantiscono il benessere degli animali e le colture locali. Oltre a ridurre l'impatto ambientale sosteniamo agricoltori nel nostro ambiente e crea posti di lavoro nelle zone rurali ", dice Celsa Peiteado.

E se noi non rispettiamo l'ambiente?

Ridurre la fame nel mondo, uno degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio delle Nazioni Unite, che ha a che fare con gli aspetti ambientali generati dai cambiamenti climatici, che sta colpendo le risorse idriche, perdita di biodiversità e al mercato la speculazione.

"Sufficiente per 9.000 milioni di persone il cibo viene prodotto e sono 7.000 milioni, ma una parte della popolazione soffre la fame perché non possono accedere al cibo, perché i prezzi sono saliti alle stelle in alcune materie prime", dice il rappresentante del WWF. Questo è il caso di Quinoa "che è diventato di moda nei paesi industrializzati, la domanda ei prezzi e danneggia coloro che hanno tradizionalmente usato".

"Se non rispettiamo le risorse naturali e gli impatti dei cambiamenti climatici stanno minacciando l'approvvigionamento alimentare per la popolazione", dice Celsa Peiteado.

Letture Consigliate