Disturbi alimentari: il bambino che non mangia

MADRID / EFE / ANA SOTERAS Martedì 2013/07/05

Il disturbo alimentare nella prima infanzia (da 0 a 6 anni), che impediscono il bambino crescere e ingrassare può avere una causa organica, ma può anche essere dovuto a alterato materno-famiglia

collegamento.

Un bambino di mese che mangia poco, vomito, avendo disturbi del sonno e non aumentare di peso. Quando il pediatra esclude una causa organica è necessario prendere in considerazione altri fattori, come il nervosismo che la madre può trasmettere durante l'allattamento.

Il Ospedale Universitario Infantil Niño Jesus Madrid presta attenzione a questi disturbi comportamentali in modo integrato attraverso il consulto di nutrizionisti-Gastroenterologia, Psicologia Clinica e Early-Logopedia come il cibo è un processo in cui il motore, interazione influenzare le abilità sensoriali e psicologiche maturare l'uno nell'altro

Il pediatra Pedrón Consuelo Giner E 'il coordinatore dell'Unità Funzionale di disturbi alimentari nella prima età dell'Ospedale Bambino Gesù: "A poco a poco ha creato un corpo di dottrina che sono riconosciuti questi disturbi, quelli legati a fattori che può essere concesso in i bambini con malattie del corpo come quelli che non sono biologici, ma hanno a che fare con il rapporto con la madre o l'ambiente ".

I disturbi pediatra appuntamento "come deprivazione materna o una madre molto nervoso per quello che potrebbe accadere durante la gravidanza o l'allattamento al seno, che è in grado di far fronte a quelle cose che stavano accadendo a lui e quella sensazione di trasmette di disagio il bambino. "

"Molti bambini non hanno nulla -indica- ed è lì che dobbiamo lavorare con la famiglia, con la madre, e fargli vedere dal punto di vista medico che il bambino non è gravemente malato".

"Quello che facciamo è prendersi cura aggiunge alla madre, dille di aver trovato un medico che capisce che non culpabilizará. E si dà la capacità di capire cosa c'è che non va ". Ci sono molti casi di padri "sopraffatti" nella cura del bambino.

L'intervento precoce in questi disturbi alimentari nei primi anni di vita è fondamentale per prevenire potenziali disturbi nello sviluppo emotivo e la costruzione di un legame stabile con i loro genitori.

Il ruolo dello psicologo E 'la chiave per trattare il bambino stesso e il suo gruppo familiare e permette la ripetizione rompere il meccanismo che mantiene i sintomi del disturbo alimentare.

Il cibo Avversione

Un altro problema è che questa unità di Ospedale Bambino Gesù è l'avversione di cibo: i bambini che mangiano solo, per esempio, purè stesso colore, un gusto o un particolare o addirittura non masticare texture.

"Inoltre, cerchiamo di non toccare la bocca o si sentono raccapricciante reale toccano l'erba o di sabbia", ha detto il pediatra.

Il medico spiega che molti di questi casi sono bambini con problemi neurologici e alcuni con disturbi dello spettro autistico che può iniziare a manifestare un comportamento del genere da 12 o 18 mesi.

"E quando veniamo a noi sono per il cibo, e il cibo non è importante. noi possiamo aiutarli in termini di disturbi alimentari, ma la sua malattia primaria non è potere, è neurologica. "

Il pediatra ha criticato l'atteggiamento di alcuni genitori che temono che il loro bambino sta soffocando, in modo da ritardare il momento di iniziare a introdurre cibi solidi, che deve essere intrapresa tra i 7 ei 10 mesi.

"Può anche essere una questione di convenienza per un po ', il bambino a 2 anni, non c'è bisogno di prendere una bottiglia e rinunciare la cena, ma si deve preparare la cena (solido) e riempirlo con un bicchiere di latte", dice lo specialista.

Consuelo Pedrón, i genitori dovrebbero prendere il loro ruolo di educatori e crede che i casi di disturbi alimentari nei bambini "sono aumentati perché viviamo in una società meno delle famiglie più stressati, abbiamo applicare il buon senso meno comune".

Da malattia di

Bambini vengono anche con malattie e anche portare un percorso di alimentazione pulsante gastrostomia che conduce direttamente nello stomaco, quindi non sono mai mangiato via orale.

"Sono bambini che non si lasciano esplorare, non si guarda in faccia, i suoi genitori sono disalberato nella loro cura normale ... Noi ricostruiremo tutto e l'ultima cosa che facciamo è quel bambino mangiare per bocca, ma dopo aver recuperato altri cose".

Ed entra anche il logopedista in azione I bambini che non hanno mai mangiato per via orale deve essere insegnato a mangiare e lo specialista dovrebbe insegnare loro e vedere se masticare, succhiare o deglutire lingua correttamente lateralize per dirigere il cibo.

Il trattamento viene effettuato in ospedale e la presenza dei genitori, in modo che essi stessi possono farlo gradualmente.

"Ci sono alcuni che sanno come mangiare, altrimenti non si vuole. Ma gli altri bambini non sanno perché non hanno imparato o perché hanno qualche difficoltà a farlo, come i bambini con gravi problemi neurologici ", dice Carmen Pedrón.

Ogni giorno decine di bambini da zero a sei anni passano questo servizio completo per risolvere, presto, problemi con il cibo per crescere sani.

Letture Consigliate