Idratazione: solo il 13% degli uomini e il 22% delle donne bevono abbastanza acqua

Madrid / Efe editoriale / Salute Martedì 2017/05/23

Con una media di 1,7 litri al giorno negli uomini e 1,6 litri per le donne, gli spagnoli sono tra gli europei che consumano meno acqua al giorno, al di sotto della quantità raccomandata, almeno 2,5 litri di acqua al giorno per gli uomini e 2 litri per le donne

Altre notizie

  • Acqua, il tuo più grande alleato contro la disidratazione
  • Preparare un piano di idratazione prima di viaggiare su strada

Questi dati sono stati raccolti nel rapporto 'bevande abitudini di consumo tra la popolazione europea: associazione con la totale assunzione di acqua e di energia', presentato alla Royal Academy of Medicine, che mostra un confronto tra la Spagna, l'Italia e la Francia, con l'obiettivo di promuovere progetti scientifici su idratazione e stili di vita sani.

"Questo studio mette in luce che non solo l'assunzione giornaliera di acqua è insufficiente, è anche necessario attuare politiche nel campo della salute e della nutrizione, al fine di aumentare l'assunzione di acqua totale della popolazione in Europa ", ha detto il direttore della Cattedra Internazionale di Studi avanzati in Hydrate (CIEAH), Lluís Serra-Majem.

In quanto riguarda l'Italia, gli uomini bevono 1,7 litri al giorno, la stessa cifra come le donne; mentre in Francia, gli uomini consumano 2,3 litri al giorno e le donne 2.1, così "consumo in Francia sono notevolmente superiori a quelli di Spagna e Italia", ha aggiunto Serra-Majem a EFE.

Per questa ricerca abbiamo analizzato i dati forniti dai ANIBES studio scientifico in Spagna (con un campione totale di 1.859 individui), il National Food consumo Survey in Italia (con un campione totale di 3.323 individui), e il database NutriNet-Santé in Francia (con un campione totale di 94,939 individui).

D'altra parte, Serra-Majem, ha sottolineato "l'importanza di mantenere un'adeguata idratazione per tutto il giorno e tutto l'anno", con particolare attenzione ai mesi più caldi e "soprattutto nella popolazione più vulnerabili, come i bambini, le donne in gravidanza o in allattamento e gli anziani".

In questo senso, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare consigliato che tra il 70% e l'80% della dose giornaliera di liquido è preferibilmente acqua, mentre il resto proviene da cibi solidi.

direttore latinoamericana di CIEAH, Javier Aranceta-Bartrina, ha spiegato che "circa il 65% nel caso degli adulti sono l'acqua, così la quantità e la qualità dell'acqua e il suo rinnovo dipenderà in gran parte , la nostra salute, il nostro stato di idratazione e di noi stessi".

Inoltre, ha spiegato, i quattro livelli della piramide di idratazione sana "la prima fonte di idratazione è l'acqua, il secondo livello sarebbe liquidi che non hanno calorie, il terzo sono le bevande forniti valore nutrizionale, e, infine, qualcosa più casual, bevande che hanno aggiunto gli zuccheri".

Questo rapporto, che è stato recentemente pubblicato sulla rivista scientifica nutrienti, è uno dei primi studi condotti dal momento che la Cattedra Internazionale di Studi Avanzati in Idratante, in collaborazione con l'Università di Las Palmas.

Letture Consigliate