Elettrodi nel cervello contro la depressione, l'anoressia e l'Alzheimer

MADRID / EFE Lunedi 24/06/2013

Impianto di elettrodi nel cervello, collegato ad una sorta di pacemaker, che sono attivati ​​da un telecomando simile al televisore remoto, aprire una speranza nella cura delle malattie come la depressione, anoressia o alzheimer

La tecnica, chiamata la stimolazione cerebrale profonda Si è già utilizzato come terapia clinica per migliorare tremori nei malati di Parkinson in molti paesi, tra cui la Spagna, che è già stato operato pazienti negli ospedali come Madrid Ramon y Cajal, il medico o il Madrid Sanchinarro Hospital.

In realtà, più di 100.000 pazienti sono stati operati con successo in tutto il mondo.

Tuttavia, è ancora in fase sperimentale in altre malattie neurologiche, come la depressione, nei casi che non rispondono ad altri trattamenti, grave anoressia o Parkinson.

Uno del mondo in questo trattamento per quanto riguarda il medico spagnolo Andrés M. Lozano, del General Hospital di Toronto (Canada) Ha sottolineato in una conferenza stampa che "si tratta di una grande opportunità per spingere le frontiere delle neuroscienze."

Il chirurgo spiegato che ci sono diverse regioni del cervello che controllano funzioni specifiche come il movimento, la memoria e dell'umore.

Quando i problemi si verificano in questi circuiti e alcuni neuroni fuoco si verificano erroneamente determinate condizioni. Poi dobbiamo agire.

Gli elettrodi sono posti sotto anestesia locale nella zona del cervello responsabile della funzione alterata o modificato e poi usato per stimolare i neuroni, aumentando l'attività cerebrale in quella regione, mediante impulsi elettrici tramite un generatore simile a un pacemaker impiantato nel paziente.

Nel campo della depressione Si tratta di uno studio clinico in 200 pazienti che non rispondono ai farmaci o psicoterapia, che è nella fase 3, in modo che tre o quattro anni potrebbe ora essere utilizzato come terapia per i casi gravi, tra il 10 e il 15 per cento del totale, ha detto il neurochirurgo.

Con l'imaging è stato osservato che la depressione porta a iperattività nei circuiti cerebrali di tristezza, che può essere regolata da impulsi elettrici per raggiungere estinguere, ha spiegato.

Nel La malattia di Alzheimer Già ha operato 25 pazienti ed è stato trovato che i pazienti quando gli elettrodi sono stimolati recuperare memoria. Questo test è in fase 2.

Anche in questa fase è un altro studio che ha coinvolto 12 donne con anoressia.

Dr. Lozano ha spiegato che sono casi molto complicati di pazienti che pesavano 30 chili ed erano sul punto di morire. La metà di loro hanno già recuperato il loro peso normale, per cui v'è "speranza" per affrontare questa malattia "devastante".

Altri gruppi di ricerca stanno sviluppando tecnica sperimentale forma anche in tossicodipendenti e alcolisti.

"La cosa importante è sapere dove andare nel cervello, perché se non si va al sito corretto non funziona", ha sottolineato gli spagnoli, che vive in Canada che è a capo del Dipartimento di Neurochirurgia Hospital di Toronto.

Mentre in Spagna sono già stati coinvolti con questa tecnica casi di Parkinson, il Dr. Lozano ha detto che la società spagnola è abbastanza riluttante a neurochirurgia, una valutazione che ha confermato la Dr. Jorge Diamantopoulos, responsabile di Neurochirurgia dell'Ospedale Madrid Sanchinarro

Professore Lozano ritiene che la tecnica è in grado di essere utilizzato in qualsiasi malattia psichiatrica o neurologica e ritiene che non ci sono solo clinica ma anche economica, nonostante il suo costo elevato (pacemaker costa circa 20.000 euro).

Ad esempio, nel caso di depressione in qualche momento della vita che subiranno il 9 per cento delle donne e il 6 per cento degli uomini, il loro uso può generare risparmi significativi se si considerano i costi di questi pazienti dalle perdite di posti di lavoro.

Letture Consigliate