L'umanesimo medica, l'educazione del paziente e la volontà politica: Trident centrato medicina persone

Madrid / EFE / javier tovar / wenches Daniel Giovedi 2017/06/22

Che cosa intendiamo quando parliamo di medicina centrata sul paziente o la gente? È la tecnologia sfocatura dell'umanesimo medica? Qual è il ruolo dei malati? Tutto questo e molto altro abbiamo discusso in EFEsalud con quattro esperti in una tavola rotonda dal titolo "La medicina centrata sul paziente. Alla ricerca di un equilibrio tra la scienza e l'arte della medicina "

Altre notizie

  • 15 scienziati riflettere sul presente e sul futuro della scienza
  • Medici e pazienti uniscono le loro forze in difesa del Sistema Sanitario Nazionale

medico-paziente decisioni condivise, una maggiore umanesimo di professionisti della salute, una migliore formazione dei pazienti e la volontà politica dei gestori. Si tratta di quattro principali chiavi per una medicina centrata sul paziente, o persone che vanno al di là della tecnologia e della scienza.

Questo approccio riassume la discussione presso l'Agenzia EFE, a una tavola rotonda che ha goduto della collaborazione della Fondazione Lilly, che ha analizzato la "medicina centrata sul paziente", con l'obiettivo di trovare un equilibrio tra la la scienza, l'arte medica e l'umanesimo.

Hanno partecipato al dibattito i seguenti esperti:

  • Medico Julio Zarco Ex CEO di Coordinamento Cittadino e l'umanizzazione della sanità della Comunità di Madrid e Professore di Medicina.
  • Dr Isabel Belinchón Dermatologo General Hospital di Alicante.
  • Óscar Prieto Presidente dell'Associazione di persone affette da tumori cerebrali Spagna (ASATE).
  • Medico José Antonio Sacristán Direttore della Fondazione Lilly.

Frasi che riassumono il dibattito

  • "Bisogna guardare il paziente negli occhi" (Óscar Prieto)
  • "La migliore medicina è il dottore" (Julio Zarco)
  • "La cosiddetta medicina personalizzata è probabilmente il più spersonalizzato" (José Antonio Sacristán)
  • "Il paziente ha bisogno di fiducia e di informazione" (Isabel Belinchón)

Recupero in difesa dell'umanesimo in medicina

Tutti gli oratori hanno concordato sulla difesa e la rivendicazione della dell'umanesimo nel trattare il paziente come un vettore essenziale di una medicina, più centrato sul paziente, centralità della persona, come hai detto Zarco.

Dr. Zarco ha definito cosa si intende quando si analizza la medicina centrata sul paziente o la gente: "Non ci sono stati progressi nella tecnologia, l'innovazione e la scienza, rispetto a meno enfasi sulle questioni che sono importanti quanto i geni o molecole. Cioè, il mondo delle emozioni, contesto sociale ed emotivo, l'etica, l'antropologia, culturali, in definitiva, l'umanesimo".

"Siamo persone, non i pazienti -ha riselezione Prieto-. Non solo strettamente medico cura e il trattamento, sappiamo anche quanto la malattia influenzerà le nostre vite, la nostra famiglia, il nostro lavoro, la nostra psicologia. L'assistenza medica è spesso fatto senza guardare negli occhi ".

Il medico Belinchón è d'accordo con questo pensiero, ma chiedere di più tempo in consultazioni per esaminare sia le cartelle cliniche sul computer come gli occhi del paziente."E 'vero che abbiamo bisogno di guardare il monitor e anche guardare il paziente", ha sottolineato.

Medico-paziente

relazione.

L'educazione del paziente e l'impegno per la cura per la loro malattia è supportato da quattro esperti; Dr. Sacristan sottolinea formazione medica umanistica: "Il paziente informato è la chiave, ma l'educazione e la formazione dei medici è molto importante" e cita, tra le altre cose, il talento psicologico, empatia o capacità di comunicare cattive notizie.

Zarco solleva superare il medico paternalismo scommessa e la capacità del paziente di prendere le proprie decisioni, dialogare, deliberare e concordando con il medico, approvata da tutti i partecipanti al dibattito approccio; Dr. Sacristan medico-paziente parla di "processo decisionale condiviso".

Il ruolo delle organizzazioni dei pazienti a questo punto della discussione diventa importante.

Óscar Prieto è chiaro che la sfida per loro è quello di formare il paziente ad avere fluidità e la conoscenza nel loro rapporto con il medico.

Isabel Belinchón afferma che il paziente chiede due cose: la fiducia e le informazioni, e che la linea deve lavorare e insistere, aggiungendo: "Vedo emergere le associazioni di pazienti, potenti, denunciando, sostenendo, vagano per le città e muovo le coscienze" .

volontà politica di

autorità sanitarie.

Julio Zarco introduce un altro aspetto del dibattito: il coinvolgimento e l'impegno dalla responsabilità di politici e autorità sanitarie per far avanzare una medicina centrata sul paziente.

"Ci deve essere una reale volontà politica che il cittadino è parte delle strutture, dinamiche e la gestione delle organizzazioni" solleva chiedendo leadership nel manager della sanità, professionisti propria salute e capi della associazioni di pazienti.

Nell'arena politica, tutti i presenti al dibattito sono preoccupati per il rischio di disuguaglianza e ingiustizia tra le regioni nella fornitura di assistenza sanitaria.

Durante la tavola rotonda, altre due conclusioni di fase di concertazione aperto: l'importanza della cura in medicina centrata sul paziente, così come psicologi e assistenti sociali; e il concetto di "social-professionale" al di là puramente medico.

"La sfida della medicina centrata sul paziente è quello di capire che la medicina va al di là di geni; e dovrebbe tener conto delle preferenze, i valori e gli obiettivi di pazienti ", riassume il Dr. Sacristan.

Letture Consigliate